Articoli filtrati per data: Giovedì, 31 Agosto 2017

Researchers dated the skeletal remains, stalagmite found in Tulum cave

 

Analysis of a skeleton found in the Chan Hol cave near Tulum, Mexico suggests human settlement in the Americas occurred in the late Pleistocene era, according to a study published August 30, 2017 in the open-access journal PLOS ONE by Wolfgang Stinnesbeck from Universität Heidelberg, Germany, and colleagues. Scientists have long debated about when humans first settled in the Americas.

Pubblicato in Scienceonline

 

“Quella che sta vivendo l’Abruzzo per gli incendi è un’emergenza gravissima. Ad oggi, ma l’elenco è in continuo aggiornamento, il territorio di 89 comuni abruzzesi su un totale di 305  (siamo a quasi 1 comune su 3) è stato interessato dalle fiamme”. Lo dichiara il vicepresidente del WWF Italia Dante Caserta che aggiunge: “La situazione del Parco della Majella è emblematica: è incredibile che un Parco nazionale possa bruciare per 10 giorni senza che si riesca a risolvere la situazione. Non solo bisogna utilizzare tutti i mezzi a disposizione per spegnere il più presto possibile quell’incendio, ma anche individuare e correggere cosa non ha funzionato perché situazioni come queste semplicemente non devono verificarsi mai più”.

Pubblicato in Ambiente

 

 

Stress, fatigue, and feeling like your memory is failing you. These are the symptoms of a growing group of patients studied as part of a thesis at Sahlgrenska Academy. Result – They may need help, but they are rarely entering the initial stages of dementia. “We are seeing a growing number of people who are seeking help because of self-perceived cognitive problems, but have no objective signs of disease despite thorough investigation,” says Marie Eckerström, doctoral student at the Institute of Neuroscience and Physiology and licensed psychologist at the Memory Unit of Sahlgrenska University Hospital. The influx of this particular group of patients, which currently represents one-third of the individuals who come to the unit, has increased the need for knowledge of who they are. In her work, Marie Eckerström followed a few hundred of them, both women and men, over an average of four years. They are usually highly educated professionals who are relatively young in this context, between the ages of 50 and 60. When tested at the hospital, their memory functions are intact. But, in their everyday environment where they are under pressure to constantly learn new things, they think things just are not working right.

Pubblicato in Scienceonline

 

 

  • Children sleep more poorly if their mothers suffer from insomnia symptoms – potentially affecting their mental wellbeing and development - according to new research by the University of Warwick and the University of Basel.
  • Nearly 200 school kids and their parents were studied – children whose mothers have insomnia symptoms fall asleep later, get less sleep and spend less time in deep sleep
  • No link between fathers’ insomnia symptoms and children’s sleep
  • Sleep is essential for wellbeing and development – lack of sleep could affect mental health, learning, memory, and school achievement

Children sleep more poorly if their mothers suffer from insomnia symptoms – potentially affecting their mental wellbeing and development - according to new research by the University of Warwick and the University of Basel.

Led by Dr Sakari Lemola from Warwick’s Department of Psychology and Natalie Urfer-Maurer from the University of Basel, the study reported in Sleep Medicine shows that children of mothers with insomnia symptoms fall asleep later, get less sleep, and spend less time in deep sleep.

Pubblicato in Scienceonline
Giovedì, 31 Agosto 2017 09:46

RITROVATA UNA MOSCA DI 17 MILIONI DI ANNI FA

 

Il reperto è stato identificato da un gruppo di ricerca internazionale guidato da Pierfilippo Cerretti della Sapienza. Lo studio, che fornisce importanti novità sull’evoluzione della specie, è pubblicato su Plos One

Dall’ambra nuove testimonianze di vita primordiale sulla terra. In questa resina fossile è stato conservato per 17 milioni di anni il primo antenato della mosca. A ritrovare l’insetto è stato un gruppo di ricerca internazionale guidato da Pierfilippo Cerretti del Dipartimento di Biologia e Biotecnologie 'Charles Darwin della Sapienza.
L’insetto appartiene al gruppo dei Ditteri Calittrati, lo stesso delle fastidiose mosche domestiche, delle mosche tse-tse, delle mosche della carne che conta circa 22.000 specie viventi e rappresenta una delle più spettacolari radiazioni adattative nella storia della vita sulla Terra. Questi insetti sono abbondanti in quasi tutti gli ecosistemi terrestri, giocando spesso ruoli chiave come decompositori, parassiti, vettori di patogeni e impollinatori.
“E' difficile concepire oggi un mondo senza le noiose mosche - sottolinea Cerretti - chi prenderebbe il loro prezioso posto di efficaci decompositori della materia organica? Per gli Oestroidei, il gruppo ecologicamente più diversificato e ricco di specie tra i Calittrati - aggiunge Cerretti - non erano noti fossili fino ad oggi”.

Pubblicato in Scienza generale

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery