Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home

Il triste destino delle tribù Kayan

E-mail Stampa

 

Nella Thailandia settentrionale, più precisamente nella provincia di Mae Hong Son, in prossimità del confine con la Birmania, vivono alcune tribù Kayan/Padaung di etnia Karenni.

Tali popolazioni sono conosciute come le tribù delle donne dal "lungo collo" o "donne giraffa".

I Kayan o Padaung sono gruppi originari della Birmania che, in seguito alla guerra scoppiata tra l'etnia Karen ed il regime militare birmano, durante gli anni '80, hanno lasciato le proprie terre per rifugiarsi nella vicina Thailandia. Una decisione sofferta per un popolo che faceva del lavoro dei campi la prima fonte di sostentamento ma resa necessaria dalle violazioni dei diritti umane perpetrate dal regime militare birmano attraverso metodi quali il lavoro forzato, gli spostamenti obbligatori e la tortura.

La peculiarità delle tribù Kayan, il lungo collo, è la conseguenza di una antichissima pratica svolta dalle donne di tale etnia. Questa pratica prevede che alcune bambine, quelle nate in giorni particolarmente propizi di luna crescente, dall'età di cinque anni inizino ad indossare degli anelli di una lega di ottone, argento ed oro. Questi anelli, posti ad ornamento del collo, aumentano in numero e spessore progressivamente con il passare degli anni tanto da determinare in età avanzata l'allungamento del collo che caratterizza la fisionomia delle donne Kayan.

 

 

Il derby dello spread

E-mail Stampa

 

Stesso momento, stessi contendenti, due competizioni molto differenti.

In questa calda estate 2012 i destini di Italia e Germania sembrano incrociarsi ripetutamente.

Da una parte infatti da giorni è in corso il confronto politico/finanziario in seno alle istituzioni comunitarie che vede in primo piano il Premier italiano Mario Monti e la Cancelliera tedesca Angela Merkel in merito alle misure che l'Europa è chiamata ad adottare per far fronte alla crisi economica del continente.

Dall'altra parte, nel corso del campionato europeo di calcio, si è disputata la partita  della semifinale tra la Nazionale di calcio allenata da Cesare Prandelli e gli uomini agli ordini del C.T. tedesco Joachim Low.

Nulla di strano, una semplice casualità dettata da un sorteggio. O almeno così dovrebbe essere considerata.

Anche perchè, come detto, i contendenti sono i medesimi ma ad essere molto differenti sono i "campi di gioco" e soprattutto le poste in palio.

Tutto normale, se non fosse per un'atteggiamento manifestato, in molte occasioni, da alcuni organi di informazione ed in particolare da alcuni canali televisivi nazionali per i quali il parallelo tra le due contese, quella politica e quella calcistica, tra Italia e Germania, è diventato un vero "tormentone", come avviene ogni estate per un motivetto orecchiabile facilmente assimilabile e spensieratamente canticchiabile anche dai non esperti di musica.

 

 

La sconfitta di Olimpia

E-mail Stampa

 

Nella Grecia Antica, i popoli in guerra tra loro erano soliti rispettare la Ekecheiria, ossia la tregua in occasione dello svolgimento dei giochi olimpici.

Lo spirito, i valori e gli ideali sportivi ed umani, che la manifestazione trasmetteva, sovrastavano interessi economici e politici portando al superamento dei conflitti anche se per un periodo limitato.

Ciò avveniva perchè la manifestazione sportiva, svolta in onore di Zeus, celebrava le virtù ed i sentimenti più alti della natura umana e non poteva dunque avere luogo tra popoli in ostilità fra loro.

Molto è cambiato da allora.

Nell'Europa di oggi, le cui fondamenta culturali sono da ricercarsi proprio nella Grecia antica, in cui fortunatamente la guerra è ormai scongiurata grazie all'integrazione tra i popoli, le ostilità tra gli Stati si manifestano con sembianze differenti.

Le armi, fortunatamente messe a tacere, sono state sostituite da spietati indici di valutazione finanziaria, rigidi sistemi di controllo del debito pubblico e stringenti politiche fiscali che a volte, questo proprio come un tempo, sottopongono i cittadini degli Stati più deboli a versare a pesanti tributi.

La "guerra finanziaria" combattuta in questo momento in Europa, momento caratterizzato da una profonda crisi economica, comporta grandi sacrifici per numerosi cittadini europei. Tali sacrifici, che spesso danno vita a stati d'animo conflittuali tra Stati europei, sembrano meno superabili dei conflitti che nell'Antichità producevano le guerre vere e proprie.

 

 

Emergenze-Arte

E-mail Stampa

 

"Emergenze Arte", ossia le arti emergenti. E' giunta alla quarta edizione la rassegna "Emergenze Arte" che, promossa dall'Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, ogni anno presenta le ultime tendenze artistiche ed espressive.

Questa edizione, curata da Paola Consorti e dedicata all'artista vivente Eduardo Palumbo, si è tenuta nel cortile della Chiesa di Sant'Anselmo a Roma dal 9 al 22 giugno.  Il percorso espositivo, e non sarebbe potuto essere altrimenti, è caratterizzato da grande eterogeneità. Oltre infatti ad essere il fine ultimo della manifestazione, quello di offrire un palcoscenico a tutte le moderne forme di espressione, è la stessa arte contemporanea che sembrerebbe rifuggire da ogni possibilità di essere contenuta in categorie predefinite. Espressa in molteplici tendenze, l'arte contemporanea, in quanto tale, rispecchia la società attuale in cui linguaggi, stili, culture e tecniche si fondono e si contaminano a vicenda.

Ecco così che lungo il percorso della mostra sono esposte le tele dipinte da Barbara Calcei che rappresentano "icone pop" del cinema hollywoodiano degli anni '60 al fianco delle tele di Dario Caria che dipinge su acrilico linee colorate che si intersecano tra di loro costituendo, quasi fossero una proiezione cinetica, spazi di cui è difficile tracciare i confini.

 

 

Laudate Dominum

E-mail Stampa

 

Si è conclusa sulle note de "L'inno alla gioia" di Ludwig van Beethoven, e non sarebbe potuto essere altrimenti, la XXV edizione della rassegna "Cori per l'Europa-Cori per la Pace".

Tale rassegna internazionale, iniziata il giorno 5 maggio e conclusa ieri 10 giugno, richiama ogni anno artisti da tutto il mondo offrendo ad un pubblico qualificato musica corale e strumentale di alto livello.

Anche questa edizione della manifestazione si è tenuta nella meravigliosa cornice della Chiesa di Santa Prisca sulle pendici del colle Aventino ed è stata patrocinata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, dalla Regione Lazio, dalla Provincia e dal Comune di Roma.

Curatrice dell'organizzazione del ciclo di concerti è stata l'Associazione culturale "Canticorum Jubilo", il cui coro, fondato nel 1979 e diretto dal settembre del 2007 dal Maestro Maurizio Scarfò, è specializzato nella esecuzione di musica sacra, spaziando dalla polifonia rinascimentale alle grandi composizioni sinfoniche dell'800.

 

 

Non sono tutte rose e fiori

E-mail Stampa

 

Anche quest'anno rigorosi giudici provenienti da tutto il Mondo si sono dati appuntamento, durante il mese di maggio, a Roma per valutare colore e profumo dei concorrenti ad un particolarissimo campionato internazionale. La competizione in questione è il "Premio Roma", gara floristica che in questa edizione, la settantesima, vede la partecipazione di centinaia di piante di rose, provenienti da ogni angolo della zona temperata del pianeta, che verranno giudicate sulla base di standard universalmente riconosciuti in campo internazionale. I giudici della manifestazione per assegnare il premio "Rosa dell'anno" debbono prendere in considerazione lo sviluppo della pianta e del fiore nelle diverse fasi: lo sboccio del fiore, la piena fioritura ed il momento dell'appassimento.

La cornice in cui la competizione si svolge è assolutamente unica. Il Roseto di Roma, sulle pendici del colle Aventino a ridosso del Circo Massimo, è infatti considerato il più bello e suggestivo del mondo. Un roseto che ha una storia lunga e curiosa. Il primo roseto della Capitale, risalente al 1932, era infatti posizionato sul Colle Oppio e contava 300 esemplari. Era stato istituito su pressioni di una caparbia ragazza americana, Mary Gayley che, divenuta nobile dopo il matrimonio con il Conte Giulio Senni, si era decisa a riprodurre un roseto a Roma simile a quello che aveva visitato in occasione di un viaggio a Bagatelle nei pressi di Parigi. Realizzato il Roseto, la Contessa si impegnò perchè fosse indetto un premio internazionale. La prima edizione risale al il 10 ottobre 1933 grazie al coinvolgimento di numerosi ibridatori italiani.

 

 

Il silenzio è mafia

E-mail Stampa

 

"Per amore. Solo per amore nei confronti della propria terra, la Sicilia, Giovanni Falcone ha sacrificato la propria vita". A pronunciare queste emblematiche parole è stato Paolo Borsellino all'indomani della strage di Capaci avvenuta il 23 maggio del 1992.  Solo 56 giorni dopo un terribile attentato toglieva la vita al Giudice Borsellino. La sorte dei due leali servitori dello Stato era così eternamente accomunata sia nella stessa scelta-missione di vita, sia nella medesima tragica scomparsa.

Per non dimenticare il prezzo in termini di vite umane pagato dal nostro Paese nei confronti della mafia, per far conoscere ai più giovani la propria storia e per suscitare, con rinnovato ardore, il diniego di tutti i cittadini contro ogni forma di malavita organizzata, il giorno 21 maggio è stata inaugurata, presso Palazzo Incontro a Roma, la mostra fotografica: "Il silenzio è mafia. Il tempo della lotta alla mafia".

Promossa dalla Provincia di Roma e realizzata in collaborazione con l'Associazione "Libera" fondata da don Luigi Ciotti e l'Agenzia fotografica "Contrasto", la mostra fotografica si inserisce in un più ampio progetto. Presentazione di volumi, convegni e lezioni vedranno protagonisti, fino al 18 luglio, magistrati, giornalisti, scrittori, registi, sociologi e politici uniti nell'intento di celebrare le vittime della mafia, rievocare vicende giudiziarie e tenere alto il livello di allarme nei confronti della malavita.

 

 

Race for the cure

E-mail Stampa

 

Tre giorni di salute, sport, benessere e soprattutto di sensibilizzazione dell'opinione pubblica riguardo all'importanza della prevenzione nella lotta ai tumori del seno. Questa è "Race for the cure", manifestazione sportiva giunta alla 13ª edizione che si è disputata dal 18 al 20 maggio a Roma, nella suggestiva sede dello Stadio delle Terme di Caracalla.

L'evento benefico, che quest'anno ha visto la partecipazione di ben 50.000 atleti, è stato patrocinato dalla Presidenza della Repubblica, dal Comune e dalla Provincia di Roma, dal Policlinico Gemelli, dal CONI e dalla Federazione Italiana di Atletica leggera.

La "Race for the cure" è la manifestazione principale della Susan G. Komen, organizzazione di volontariato e senza scopo di lucro che dal 2000 si mobilita nella lotta ai tumori del seno.

Numerose ed interessanti le iniziative realizzate durante i tre giorni nei quali si è svolta la manifestazione.

Laboratori educativi circa le norme di prevenzione dei tumori; incontri con gli esperti di alimentazione, attività fisica e stili di vita; aree dedicate al fitness ed allo svolgimento di altre attività sportive come il kick boxing; stand di meditazione, yoga riflessologia e agopuntura; spazio dedicato alla bellezza con esperte di make-up artist; aree per l'intrattenimento dei più piccoli.

 

 

Mestiere donna

E-mail Stampa

 

Il giorno 8 marzo, in occasione della ricorrenza della Festa della donna, è stata inaugurata una interessante mostra fotografica presso la Casa della Memoria e della Storia di Roma, intitolata "Mestiere donna".

L'esposizione, a cura di Eugenia Querci e Bianca La Rocca, è stata organizzata da Maurizio Bartolucci ed è patrocinata dall'Assessorato alle Politiche Culturali del Comune.

Il percorso fotografico consta del materiale della Fondazione Nevol Querci che raccoglie l'archivio storico del periodico "Avanti!"

Le foto esposte, tutte di grande impatto emotivo, hanno come soggetto comune il mondo del lavoro femminile e permettono al visitatore di ricostruire il percorso compiuto dal nostro Paese per quanto concerne la piena affermazione e la tutela dei diritti civili e sociali della donna dal secondo dopoguerra fino alla metà degli anni sessanta. Un percorso dunque molto rappresentativo del reale sviluppo della democrazia in Italia durante la seconda metà del secolo scorso.

 

 

TECNOLOGIA

Radar satellitari e Gps...

Stazione Gps della rete Ring di Mormanno (Cosenza) Evidenziata per la prima volta in Italia, nella zona del Pollino, la presenza di movimenti lenti di faglia durante le sequenze di terremoti di bassa magnitudo che contribuiscono a spiegare perché, rispetto al resto dell’Appennino, in...

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Statistiche

Tot. visite contenuti : 22871149

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

Chi è Online

 177 visitatori online

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information