Ultimi Articoli

La resilienza dell’orzo: è l’unica pianta in grado di crescere in tutte le aree agricole del mondo
12 Luglio 2019

L’Università Statale di Milano assieme al CREA e al PTP...

BAMBINO GESU’: TUTTO SULLA SALUTE DEI DENTI, DALL’IGIENE ORALE ALL’APPARECCHIO
12 Luglio 2019

Convincere un bambino a lavarsi i denti può rivelarsi un’impresa...

Team di scienziati italiani getta nuova luce sul funzionamento del Prozac (che funziona ma ad oggi non si sa bene perché)
12 Luglio 2019

La ricerca pubblicata su “ACS Chemical Neuroscience” coordinata dall’Università di...

01 Luglio 2019

Trasformare le biomasse in combustibile diesel utilizzando vapore e luce...

Building up an appetite for a new kind of grub
01 Luglio 2019

Food preparation using cricket garnish and ground cricket Credit: Guiomar...

Scoperte le proprietà anti-ipertensive della rucola che, sorpresa, sono proprio legate al suo tipico sapore pungente
28 Giugno 2019

Lo studio condotto dai farmacologi dell’Università di Pisa è stato...

Pseudomonas aeruginosa: svelato uno dei meccanismi di resistenza agli antibiotici
22 Giugno 2019

L’infezione causata da questo batterio colpisce in ospedale i pazienti...

Piu' di 33mila bottigliette di plastica finiscono ogni minuto nel Mediterraneo
07 Giugno 2019

C’è un’incapacità diffusa dei Paesi del Mediterraneo di gestire i...

Scienzaonline

 

  • Children living with asthma are more likely to be overweight than their pee
  • Research will examine impact of asthma on children’s eating, exercise and weight

Researchers at Aston University and clinicians at Birmingham Children’s Hospital are exploring how children living with asthma can be supported to maintain a healthy weight. Children and teenagers with the chronic condition are much more likely to be overweight than their counterparts, and if they are clinically obese their risk of having severe asthma is three times higher.  Now a £70,000 jointly funded project is seeing Dr Claire Farrow, Dr Gemma Heath and Professor Helen Pattison from the university working with the hospital’s respiratory team to investigate the complex relationship between weight and asthma in children – and potentially help young patients better manage their symptoms and improve their health. “Asthma is one of the most common chronic illnesses in children, with no current therapeutic cure,” said Dr Farrow. “Children who live with asthma are much more likely to be overweight or obese than other children, and if they are obese, their risk of having severe asthma is three times higher.” 

Pubblicato in Scienceonline

 

The emotional facial expression of others influences how positive or negative we perceive an odour. The basis of this effect seems to be the activity of a brain area that is relevant for smelling and is activated even before we perceive an odour. This is what neuropsychologists at the Ruhr-Universität Bochum found out. They published their findings in the Journal Scientific Reports. “When we see someone that makes a face, because a bad smell stings his nose, the same odour appears to be unpleasant for us as well,” says Dr Patrick Schulze, one of the authors.

The same scent smells always different

The research team around Dr Patrick Schulze, Dr Anne-Kathrin Bestgen and Prof Dr Boris Suchan investigated via functional magnetic resonance imaging (fMRI) how the brain processes the combination of emotional information and odours. They had their participants look at a picture of a person with a happy, neutral or disgusted facial expression. Afterwards they had them rate one of twelve scents. The picture of the facial expression affected the way the odours were perceived. The participants rated the valence of a scent higher, when they saw a happy face first and they rated the valence as poorer when they saw a disgusted face before. That applied to aromas like caramel and lemon, as well as to the smell of sweat or garlic. Only the smell of feces could not be up valued by a positive facial expression.

Pubblicato in Scienceonline

Lo studio, condotto da un team di ricercatori di Nanotec-Cnr e dell'Università Sapienza di Roma, è stato pubblicato sulla rivista Nature Communication

Molti batteri, come Escherichia coli, sono fantastici ‘nuotatori’, capaci di percorrere più di dieci volte la loro lunghezza in un secondo: approssimativamente, in proporzione, la stessa velocità di un ghepardo. Per muoversi, usano il ‘motore flagellare’, ruotando sottili filamenti elicoidali, i flagelli, a più di cento giri al secondo. Il motore flagellare è una sorta di motore ‘elettrico’, alimentato da un flusso di cariche che la cellula accumula costantemente nello spazio periplasmatico che ne circonda la membrana interna e il meccanismo con il quale i batteri ‘ricaricano le batterie’ prende il nome di respirazione e di solito richiede l'ossigeno. Nel 2000 è stata scoperta mediante la sequenziazione genetica di batteri in campioni di plancton una nuova proteina, la proteorodopsina, che si inserisce nella membrana cellulare, dove utilizza energia proveniente dalla luce per accumulare carica nella ‘batteria’ anche in assenza di ossigeno. Un team di ricercatori dell’Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Nanotec-Cnr) e del dipartimento di Fisica dell'Università Sapienza di Roma, grazie a uno studio pubblicato su Nature Communication, ha dimostrato che alcuni batteri geneticamente modificati e in grado di produrre proteorodopsina possono essere utilizzati come minuscoli propulsori in micromacchine invisibili all'occhio umano, la cui velocità di rotazione può essere finemente regolata con luce verde di intensità controllabile.

Pubblicato in Neuroscienze
Venerdì, 25 Agosto 2017 07:01

New therapeutic antibody for dog cancers

One of the OMM dogs showed obvious tumor regression after 10 weeks of antibody administration. Photographs (a) and (d) were taken before the administration, (b) and (e) after 10 weeks of administration, and (c) and (f) after 34 weeks of administration. The antibody dosage was increased from week 24. (Maekawa N. et al., Scientific Reports, August 21, 2017)

 

Scientists have developed a new chimeric antibody that suppresses malignant cancers in dogs, showing promise for safe and effective treatment of intractable cancers.

Similar to our aging society, dogs live longer than before and an increasing number of them die from cancer nowadays. As seen in humans, dogs have malignant cancers that cannot be treated by existing therapies such as surgery, radiotherapy and chemotherapy. Oral malignant melanoma (OMM), a highly invasive cancer in dogs, is one such example. In humans, some malignant cancer cells express PD-L1 proteins that bind to their receptor PD-1 on T cells, resulting in the suppression of the T cell’s immune function. Thus, PD-L1/PD-1 interaction is considered an “immune escape mechanism” that cancer cells have. Antibodies that block PD-1/PD-L1 binding have proven effective in inducing anti-tumor immune responses and have been widely used in immunotherapy in the last five years. However, in dogs, no such clinical studies have been reported so far.

Pubblicato in Scienceonline

Medicina

BAMBINO GESU’: TUTTO SULLA SALUTE DEI DENTI, DALL’IGIENE ORALE ALL’APPARECCHIO

BAMBINO GESU’: TUTTO SULLA SALUTE DEI DENTI, DALL’IGIENE ORALE ALL’APPARECCHIO

12 Luglio 2019

Convincere un bambino a lavarsi i denti può rivelarsi un’impresa...

Paleontologia

L'arcano popolo dei Sesi di Pantelleria

L'arcano popolo dei Sesi di Pantelleria

24 Maggio 2019

Sembra alquanto strano che non vi sia stato archeologo sino ad oggi che abbia...

Geografia e Storia

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

09 Aprile 2019

Un team internazionale. coordinato dall'Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e dal Dipartimento...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

La resilienza dell’orzo: è l’unica pianta in grado di crescere in tutte le aree agricole del mondo

La resilienza dell’orzo: è l’unica pianta in grado di crescere in tutte le aree agricole del mondo

12 Luglio 2019

L’Università Statale di Milano assieme al CREA e al PTP Science...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery