Ultimi Articoli

Osteoartrosi: un chip “mima” la malattia per ideare farmaci efficaci
14 Ottobre 2019

La ricerca, pubblicata su Nature Biomedical Engineering, è condotta dal...

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori
14 Ottobre 2019

Lo rivela la TAC eseguita su un cranio fossile di...

Papiri carbonizzati tornano leggibili
11 Ottobre 2019

Un team internazionale di ricerca guidato dal Cnr-Iliesi, attraverso l’hyperspectral...

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra
09 Ottobre 2019

Uno studio condotto dalla Sapienza, in collaborazione con l’Università di...

Meno piogge in pianura al Nord: l’inquinamento tra le cause
30 Settembre 2019

L’inquinamento può determinare dove e quanto pioverà: è questa la...

Mediterraneo: variabilità stagionali più marcate nel clima futuro
27 Settembre 2019

Un archivio naturale di 450 m di sedimenti sul fondo...

Winners of the 2019 UN Global Climate Action Awards Announced
27 Settembre 2019

The recipients of the 2019 United Nations Global Climate Action...

Mozia, scoperta stele con iscrizione in fenicio del “servo di Melqart”
27 Settembre 2019

Un team della Sapienza guidato da Lorenzo Nigro del Dipartimento...

Scienzaonline
Giovedì, 27 Settembre 2018 11:28

Skin is a battlefield for mutations



Normal skin contains a patchwork of mutated cells, yet very few go on to eventually form cancer and scientists have now uncovered the reason why. Researchers at the Wellcome Sanger Institute and MRC Cancer Unit, University of Cambridge genetically engineered mice to show that mutant cells in skin tissue compete with each other, with only the fittest surviving. The results, published today (27 September) in Cell Stem Cell suggest that normal skin in humans is more resilient to cancer than previously thought and can still function while a battle between mutated cells takes place in the tissue.

Non-melanoma skin cancer in humans includes two main types: basal cell skin cancer and squamous cell skin cancer, both of which develop in areas of the skin that have been exposed to the sun. Basal cell skin cancer is the most common type of skin cancer, whereas squamous cell skin cancer is generally faster growing. There are over 140,000 new cases of non-melanoma skin cancer each year in the UK*.

However, every person who has been exposed to sunlight carries many mutated cells in their skin, and only very few of these may develop into tumours. The reasons for this are not well understood.

For the first time, researchers have shown that mutated cells in the skin grow to form clones that compete against each other. Many mutant clones are lost from the tissue in this competition, which resembles the selection of species that occurs in evolution. Meanwhile, the skin tissue is resilient and functions normally while being taken over by competing mutant cells.

Pubblicato in Scienceonline

Medicina

Osteoartrosi: un chip “mima” la malattia per ideare farmaci efficaci

Osteoartrosi: un chip “mima” la malattia per ideare farmaci efficaci

14 Ottobre 2019

La ricerca, pubblicata su Nature Biomedical Engineering, è condotta dal...

Paleontologia

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra

09 Ottobre 2019

Uno studio condotto dalla Sapienza, in collaborazione con l’Università di Tel Aviv, ha gettato...

Geografia e Storia

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

09 Aprile 2019

Un team internazionale. coordinato dall'Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e dal Dipartimento...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori

14 Ottobre 2019

Lo rivela la TAC eseguita su un cranio fossile di archeoceto...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery