Scienceonline - Last News

Arthritis drug to be investigated as possible treatment for vascular dementia

Arthritis drug to be investigated as possible treatment for vascular dementia

19 Ottobre 2020

Scientists from the University of Sheffield and University of Manchester...

Deep sea coral time machines reveal ancient CO2 burps

Deep sea coral time machines reveal ancient CO2 burps

19 Ottobre 2020

The fossilised remains of ancient deep-sea corals may act as...

HIV epidemic: Successful use of self-tests in rural Africa

HIV epidemic: Successful use of self-tests in rural Africa

12 Ottobre 2020

In Africa, health centers organize "door-to-door" campaigns to facilitate medical...

CAUSE OF 1990'S ARGENTINIAN CHOLERA EPIDEMIC UNCOVERED

CAUSE OF 1990'S ARGENTINIAN CHOLERA EPIDEMIC UNCOVERED

02 Ottobre 2020

The evolution of epidemic and endemic strains of the cholera-causing...

The ancient Neanderthal hand in severe COVID-19

The ancient Neanderthal hand in severe COVID-19

30 Settembre 2020

Since first appearing in late 2019, the novel virus, SARS-CoV-2,...

"Immortal" in tree resin

"Immortal" in tree resin

30 Settembre 2020

Resin samples from Hymenaea trees in Madagascar with embedded ambrosia...

Not only a matter of words: how defective translation can explain Spinal Muscular Atrophy

Not only a matter of words: how defective translation can explain Spinal Muscular Atrophy

28 Settembre 2020

The Institute of Biophysics of the National Research Council of...

Strong activation of anti-bacterial T cells linked to severe COVID-19

Strong activation of anti-bacterial T cells linked to severe COVID-19

28 Settembre 2020

A type of anti-bacterial T cells, so-called MAIT cells, are...

Domenica, 23 Febbraio 2020

Un nuovo contributo pubblicato sulla rivista PNAS, con il coordinamento del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin della Sapienza, mette in relazione il fenomeno della diffusione delle malattie infettive con l'azione dell'uomo sulla natura.


L'attuale epidemia di Covid-19, originata nella provincia cinese di Hubei e causata da un coronavirus simile a quello della Sars, sta tenendo ancora una volta il mondo sotto scacco. Questa non è che l'ultima di una serie di pandemie che hanno terrorizzato paesi di ogni parte del mondo negli ultimi anni: Ebola, Sars, Zika, MERS, H1N1, solo per citarne alcune. Tutte queste pandemie hanno una cosa in comune: sono di origine zoonotica, sono trasmesse cioè dagli animali, soprattutto selvatici. Ma è possibile prevenire questi fenomeni?

I recenti focolai di malattie infettive, come il Covid-19, sono stati associati alle alte densità di popolazione umana, ai livelli insostenibili di caccia e di traffico di animali selvatici, alla perdita di habitat naturali (soprattutto foreste) che aumenta il rischio di contatto tra uomo e animali selvatici e all’intensificazione degli allevamenti di bestiame (specie in aree ricche di biodiversità).

Un recente contributo, pubblicato sulla rivista PNAS, con il coordinamento di Moreno Di Marco del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin della Sapienza, discute il rischio di insorgenza di pandemie nell'ottica dei cambiamenti ambientali causati dall'uomo. Lo studio evidenzia che il rischio di insorgenza di pandemie non dipende di per sé dalla presenza di aree naturali o di animali selvatici, ma piuttosto dal modo in cui le attività antropiche influiscono su queste aree e queste specie.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery