Scienceonline - Last News

Arthritis drug to be investigated as possible treatment for vascular dementia

Arthritis drug to be investigated as possible treatment for vascular dementia

19 Ottobre 2020

Scientists from the University of Sheffield and University of Manchester...

Deep sea coral time machines reveal ancient CO2 burps

Deep sea coral time machines reveal ancient CO2 burps

19 Ottobre 2020

The fossilised remains of ancient deep-sea corals may act as...

HIV epidemic: Successful use of self-tests in rural Africa

HIV epidemic: Successful use of self-tests in rural Africa

12 Ottobre 2020

In Africa, health centers organize "door-to-door" campaigns to facilitate medical...

CAUSE OF 1990'S ARGENTINIAN CHOLERA EPIDEMIC UNCOVERED

CAUSE OF 1990'S ARGENTINIAN CHOLERA EPIDEMIC UNCOVERED

02 Ottobre 2020

The evolution of epidemic and endemic strains of the cholera-causing...

The ancient Neanderthal hand in severe COVID-19

The ancient Neanderthal hand in severe COVID-19

30 Settembre 2020

Since first appearing in late 2019, the novel virus, SARS-CoV-2,...

"Immortal" in tree resin

"Immortal" in tree resin

30 Settembre 2020

Resin samples from Hymenaea trees in Madagascar with embedded ambrosia...

Not only a matter of words: how defective translation can explain Spinal Muscular Atrophy

Not only a matter of words: how defective translation can explain Spinal Muscular Atrophy

28 Settembre 2020

The Institute of Biophysics of the National Research Council of...

Strong activation of anti-bacterial T cells linked to severe COVID-19

Strong activation of anti-bacterial T cells linked to severe COVID-19

28 Settembre 2020

A type of anti-bacterial T cells, so-called MAIT cells, are...

Venerdì, 07 Febbraio 2020

 

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and Malnutrition Onlus (B&M) ha correlato la Vitamina D (25-OH) plasmatica non solo con ciò che mangiamo, ma anche con l’esposizione al sole, che permette all’organismo di sintetizzare questa vitamina. I volontari dell’associazione B&M hanno indagato le abitudini alimentari, i livelli di vitamina D nel sangue e l’esposizione al sole di 450 persone con età maggiore di 60 anni e in possesso degli esami ematochimici inerenti ai livelli di 25OH vitamina D, senza però aver consumato supplementi (integratori) di tale vitamina. Dall’indagine si evince che l’esposizione media al sole è di circa 1,6 ore a settimana e che con gli alimenti il campione intervistato assume circa 2.5 microgrammi al giorno di vitamina D. La concentrazione ematica media di Vitamina D (25-OH) rilevata dallo studio è di 17,8ng/ml (DS± 9,4), insufficiente per garantire il fabbisogno di molte funzioni dell’organismo. Dal campione preso in esame si evince che, a parità di vitamina D assunta dagli alimenti, chi si espone di più al sole ha una concentrazione di vitamina D nel sangue più elevata.

Pubblicato in Medicina


Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi condotte presso il Laboratorio Sapienza LTFAPA, ha accertato il riciclo degli strumenti in pietra già 400.000 anni fa.


Già 400.000 anni fa, gli antichi cacciatori-raccoglitori riciclavano antichi strumenti di pietra ormai inutilizzati per produrre nuove schegge: questo il senso dello studio condotto da Flavia Venditti, che le è valso il Tübingen Prize for Older Prehistory and Quaternary Ecology 2020. La ricerca, intitolata “The recycling phenomenon during the Lower Paleolithic: the case study of Qesem Cave (Israel)” e svolta durante il dottorato di ricerca in Archeologia alla Sapienza, è stata condotta attraverso analisi microscopiche e chimiche presso il “Laboratory of Technological and Functional Analyses of Prehistoric Artefacts”, diretto da Cristina Lemorini del Dipartimento di Scienze dell’Antichità che è stata anche la tutor di tale ricerca di dottorato.


Flavia Venditti ha dimostrato come antichi cacciatori-raccoglitori vissuti 400.000 anni fa nel sito del Paleolitico Inferiore di Qeserm Cave (Israele) riciclassero antichi strumenti di pietra inutilizzati per produrre nuove schegge piccole e taglienti. Attraverso le analisi di laboratorio, è stato possibile diagnosticare tracce riconducibili alla lavorazione delle carcasse animali attraverso attività di macellazione, ma anche di lavorazione di osso, pelli e persino di piante e tuberi. Le particolari condizioni di preservazione degli oggetti analizzati hanno reso possibile identificare micro-residui di osso, tessuti animali e grasso relativi al loro utilizzo. Nei suoi esperimenti, Flavia Venditti dimostra come questi piccoli strumenti fossero particolarmente adatti a compiere specifiche attività di taglio con un alto grado di accuratezza. Inoltre, attraverso la distribuzione degli oggetti nel sito, la ricercatrice ha messo in luce una chiara divisione spaziale delle attività nelle diverse aree della grotta.
Attraverso il suo lavoro la ricercatrice è stata in grado di evidenziare come i nostri antenati del Paleolitico si impegnassero in azioni mirate di riutilizzo delle risorse disponibili, aprendo la strada a ricerche future sull’argomento.

Pubblicato in Paleontologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery