Scienceonline - Last News

Media beautifies the image of coronavirus

Media beautifies the image of coronavirus

15 Settembre 2021

According to a study by the Instituto de Radio Televisión...

Scientific evidence to date on COVID-19 vaccine efficacy does not support boosters for general population, expert review concludes

Scientific evidence to date on COVID-19 vaccine efficacy does not support boosters for general population, expert review concludes

15 Settembre 2021

An expert review by an international group of scientists, including...

How plants can respond to threats

How plants can respond to threats

10 Settembre 2021

(A) Silver electrodes placed on the surface of leaf petioles...

Singapore scientists develop AI-powered system to diagnose glaucoma using eye images

Singapore scientists develop AI-powered system to diagnose glaucoma using eye images

10 Settembre 2021

Scientists from Nanyang Technological University, Singapore (NTU Singapore), in collaboration...

Have COVID-19 lockdowns affected passion and intimacy in relationships?

Have COVID-19 lockdowns affected passion and intimacy in relationships?

10 Settembre 2021

In a study of dating and married couples in India...

Research reveals the impact of nicotine-containing e-cigarettes on the body

Research reveals the impact of nicotine-containing e-cigarettes on the body

07 Settembre 2021

Using e-cigarettes containing nicotine causes an immediate increase in the...

Oncotarget: Telomere dysfunction and chromosome instability in cancer cells

Oncotarget: Telomere dysfunction and chromosome instability in cancer cells

06 Settembre 2021

These terpyridine platinum-derived G4 ligands are promising compounds for cancer...

Bisexual adults more than twice as likely to have asthma as straight adults

Bisexual adults more than twice as likely to have asthma as straight adults

06 Settembre 2021

Discrimination may lead to inflammation, increased stress hormones associated with...

Settembre 2020

 



Pollution particles, including metals, have been found in the placentas of fifteen women in London, according to research led by Queen Mary University of London.

The study, funded by Barts Charity and published in the journal Science of The Total Environment, demonstrate that inhaled particulate matter from air pollution can move from the lungs to distant organs, and that it is taken up by certain cells in the human placenta, and potentially the foetus.

The researchers say that further research is needed to fully define the direct effect that pollution particles may have on the developing foetus. Lead author Professor Jonathan Grigg from Queen Mary University of London said: “Our study for the first time shows that inhaled carbon particulate matter in air pollution, travels in the blood stream, and is taken up by important cells in the placenta. We hope that this information will encourage policy makers to reduce road traffic emissions in this post lock down period.”

Dr Norrice Liu from Queen Mary University of London added: “Pollution levels in London often exceed annual limits and we know that there is a link between maternal exposure to high pollution levels and problems with the foetus, including risk of low birthweight. However, until now we had limited insight into how that might occur in the body.”

Pubblicato in Scienceonline


L’Università di Pisa partner della ricerca pubblicata sulla rivista Current Neuropharmacology


La formazione di nuovi neuroni in alcune aree cerebrali come l’ippocampo avviene anche in età adulta e alcuni farmaci come gli antidepressivi, ma anche l’attività fisica e il sonno, stimolano il fenomeno. E’ questo quanto emerge da uno studio dei ricercatori delle Università di Pisa, L’Aquila, Glasgow e dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli pubblicato sulla rivista Current Neuropharmacology. Lo studio apre così a nuove prospettive per curare alcune patologie psichiatriche, come ad esempio la depressione, mettendo insieme terapie farmacologiche e non.


“La funzione di questo processo, noto come “neurogenesi” – spiega Marco Scarselli professore di Farmacologia dell’Ateneo pisano - sembra importante per la flessibilità cognitiva, la regolazione emotiva e la resilienza allo stress. Alcuni farmaci, come gli antidepressivi stimolano questo processo e questo meccanismo è in buona parte responsabile della loro efficacia clinica. Tuttavia, anche approcci alternativi non farmacologici come l’attività fisica ed il sonno ristoratore, inducono la neurogenesi, con importanti conseguenze nella pratica clinica”.
All’Università di Pisa la ricerca è stata condotta al Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia da un gruppo composto da Marco Scarselli, Marco Carli, Stefano Aringhieri, Biancamaria Longoni, Giovanna Grenno e Francesco Fornai.

Pubblicato in Medicina




Is the world prepared a wave of neurological consequences that may be on its way as a result of COVID-19? This question is at the forefront of research underway at the Florey Institute of Neuroscience and Mental Health. A team of neuroscientists and clinicians are examining the potential link between COVID-19 and increased risk of Parkinson’s disease, and measures to get ahead of the curve.

“Although scientists are still learning how the SARS-CoV-2 virus is able to invade the brain and central nervous system, the fact that it’s getting in there is clear. Our best understanding is that the virus can cause insult to brain cells, with potential for neurodegeneration to follow on from there,” said Professor Kevin Barnham from the Florey Institute of Neuroscience & Mental Health.

In a review paper published today, researchers put spotlight on the potential long-term neurological consequences of COVID-19, dubbing it the ‘silent wave’. They are calling for urgent action to be taken to have available more accurate diagnostic tools to identify neurodegeneration early on and a long-term monitoring approach for people who have been infected with the SARS-CoV-2 virus.

The researchers report that neurological symptoms in people infected with the virus have ranged from severe, such as brain hypoxia (lack of oxygen), to more common symptoms such as loss of smell.

“We found that loss of smell or reduced smell was on average reported in three out of four people infected with the SARS-CoV-2 virus. While on the surface this symptom can appear as little cause for concern, it actually tells us a lot about what’s happening on the inside and that is that there’s acute inflammation in the olfactory system responsible for smell,” explained Florey researcher Leah Beauchamp.

Inflammation is understood to play a major role in the pathogenesis of neurogenerative disease and has been particularly well studied in Parkinson’s. Further research into these illnesses may prove critical for future impacts of SARS-CoV-2.

Pubblicato in Scienceonline



La Riserva Naturale Regionale dei Calanchi di Atri – Oasi WWF meta prediletta da migliaia di persone provenienti da tutta Italia


ATRI. Si preannunciava difficile e incerta l’estate all’inizio del giugno scorso, quando la Riserva Naturale Regionale dei Calanchi di Atri - Oasi WWF presentava il suo calendario di eventi. Un programma rimodulato nel rispetto degli indispensabili e preziosi regolamenti per il contenimento della diffusione del COVID 19.
Contrariamente alle aspettative, invece, si è registrato un boom di presenze. Più di 6500 persone, principalmente cittadini italiani, desiderose di scoprire le bellezze paesaggistiche, naturalistiche e ambientali della nostra meravigliosa Oasi, scrigno di biodiversità vegetale e animale e fucina di promozione territoriale.
Il programma, con attività prevalentemente gratuite, ha dato la possibilità a giovani e meno giovani di vivere un’esperienza immersiva tra le suggestive “bolge dantesche”. Dalle visite autonome, accompagnati virtualmente dalla app PICUS, alle escursioni pomeridiane guidate da accompagnatori di media montagna; dalle escursioni al chiaro di luna alle passeggiate a tema, dalla pratica yoga in natura ai laboratori creativi per bambini, dagli spettacoli teatrali agli incontri per docenti promossi dal Centro di Educazione Ambientale...sono state queste le attività protagoniste dell’estate 2020 appena conclusa, realizzate in collaborazione con le associazioni del territorio L’Istrice, OM ARTIS e Cul.Tur.A’.

Pubblicato in Ambiente

Retinal Organoid - thin section. Image: IOB.ch

 



Scientists have generated accurate replications of human retinas in culture that can be used to pinpoint the specific types of cells affected by genetic eye diseases. The culmination of a six-year effort, this achievement will accelerate progress in developing new therapies and was reported today in Cell by a team led by Botond Roska at the Institute for Molecular and Clinical Ophthalmology Basel (IOB) and collaborators at the Novartis Institutes for BioMedical Research.

"The research addresses a fundamental unmet need, which is to develop model retinas that closely resemble the real organ," says Cameron Cowan, a senior researcher in the IOB Human Retinal Circuit Group and the paper's first author. "It opens up the possibility of developing treatments in a dish tailored to individual patients."

Pubblicato in Scienceonline


Pubblicati su Current Biology i risultati di una ricerca condotta dall’Università di Pisa in collaborazione con l’Università di Firenze


La pupilla è una finestra aperta sui nostri processi cerebrali e fisiologici, in grado di fornire un metodo oggettivo per misurare lo stato di coscienza e le sue alterazioni – spesso ritenuti impenetrabili – raggiunti attraverso la meditazione mindfulness. È questo il risultato di una ricerca condotta dall’Università di Pisa in collaborazione con l’Università di Firenze sul tema “Spontaneous pupillary oscillations increase during mindfulness meditation”, appena pubblicata sulla prestigiosa rivista Current Biology.

Pubblicato in Medicina
Lunedì, 21 Settembre 2020 11:39

Why the world is at risk without immunisation



COVID-19 pandemic has shown the world that vaccines should be prioritised, writes Githinji Gitahi.

Imagine a world in which everyone is at risk of contracting a contagious disease with no prevention or cure. A world in which billions of people live in fear of a disease that is fatal to many, and that has the power to shut down entire economies.

For many, such a frightening scenario would have been confined to the realms of creative imagination just a year ago despite the warnings of public health experts. Yet, this is the reality we live in today as a result of the COVID-19 pandemic, which has infected over 16.5 million people and killed more than 655,000 as of 29 July 2020.

Global health crisis

While this global health crisis continues to put a strain on health systems and economies around the world, it is also threatening the health and wellbeing of populations in more ways than one. In July 2020, the WHO and UNICEF warned of an alarming decline in the number of children receiving life-saving vaccines worldwide, due to COVID-19 lockdowns and the disruption of essential health services. At least 21 countries are experiencing vaccine shortages as a result of the pandemic, while vaccination campaigns for diseases such as polio, cholera, yellow fever and meningitis, among others, have been postponed – already affecting more than 13.5 million people.

Pubblicato in Scienceonline



Da oggi è attiva la raccolta fondi straordinaria del WWF Italia che attraverso il numero solidale 45585 sta raccogliendo risorse per costruire le prime Aule Nature distribuite su tutto il territorio nazionale.
La campagna sarà attiva per due settimane, dal 21 settembre fino al 4 ottobre data in cui è prevista l’iniziativa Urban Nature, dedicata al verde in città.


Le ultime settimane e la necessità di ripartire dopo il periodo di blocco imposto dall’emergenza COVID hanno evidenziato come la nostra scuola sia in affanno rispetto alle nuove misure di sicurezza per contenere il contagio. Proprio per questa ragione, quest’anno, il WWF Italia ha deciso di dedicare la propria campagna Urban Nature all’educazione con una raccolta fondi straordinaria che ha l’obiettivo di costruire il maggior numero di Aule Natura da nord a sud della penisola.

Pagina web dedicata al progetto >>

Pubblicato in Ambiente


Ottimizzare l’energia prodotta dai dispositivi fotovoltaici, recuperando la luce sprecata. Questa l’obiettivo raggiunto dai ricercatori di Milano-Bicocca, realizzato attraverso nuovi nanoscristalli fluorescenti, drogati con pochi grammi di oro, in grado di assorbire e manipolare lo spettro solare e trasformare una frazione dei fotoni sprecati in modo che possano essere utilizzati dai dispositivi.

 I risultati di questa ricerca, dal titolo "High Photon Upconversion Efficiency with Hybrid Triplet Sensitizers by Ultrafast Hole-Routing in Electronic-Doped Nanocrystals" (doi: 10.1002/adma.202002953) sono stati appena pubblicati su Advanced Materials.

 Per rendere più efficienti i dispositivi fotovoltaici, come ad esempio le celle solari, è necessario sfruttare dei processi che consentano di recuperare la luce sprecata. Per risolvere questo problema, il gruppo di Spettroscopia Avanzata di Nanomateriali Funzionali del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’ Università degli Studi di Milano – Bicocca guidato dai professori Sergio Brovelli, Francesco Meinardi e Angelo Monguzzi, ha sviluppato una nuova classe di nanocristalli fluroescenti in cui vengono inseriti pochi atomi di oro e sono “decorati” con cromofori organici. Essi sono in grado di assorbire e manipolare lo spettro solare, trasformando una frazione dei fotoni sprecati i in modo che possano essere utilizzati dai dispositivi.

Pubblicato in Fisica
Lunedì, 21 Settembre 2020 11:08

L’intelligenza delle onde

 

Un team di ricercatori del Dipartimento di fisica della Sapienza Università di Roma e dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr, ha proposto un nuovo modello di intelligenza artificiale che sfrutta la propagazione di onde per compiere attività complesse come comprendere un testo o guidare un’automobile. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Physical Review Letters

L’intelligenza artificiale in genere evoca l’immagine di una complessa rete di computer, disposti in interminabili stanze, che elaborano immense quantità di dati per le funzioni più disparate: il riconoscimento di immagini, la traduzione di testi, le strategie per sconfiggere un campione di scacchi, od ottimizzare portafogli azionari.
Tuttavia, la superiorità dell’uomo rispetto alla macchina è ancora evidente se si analizza il consumo di energia necessaria per addestrare un computer, per esempio, a riconoscere un gatto da un cane e lo si rapporta ai pochi cucchiaini di zucchero che bastano al nostro cervello per fare operazioni molto più complesse, come comprendere un testo o guidare un’automobile. Il divario tra uomo e macchina è impietoso: si stima che “insegnare” a una rete neurale a compiere attività complesse inquini quanto 20 volte un essere umano in un anno.

Pubblicato in Fisica

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery