Scienzaonline - Ultimi Articoli

Aterosclerosi, scoperta la molecola in grado di frenare la malattia

Aterosclerosi, scoperta la molecola in grado di frenare la malattia

27 Novembre 2019

Individuati possibili futuri farmaci in grado di bloccare lo sviluppo...

La grave crisi dei Koala

La grave crisi dei Koala

27 Novembre 2019

Se non verranno fermati la distruzione delle foreste e il...

Una lente per cellulare più potente di un microscopio

Una lente per cellulare più potente di un microscopio

27 Novembre 2019

È stata progettata nei laboratori del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione...

Gli echi sensoriali del passato condizionano il nostro modo di udire le cose

Gli echi sensoriali del passato condizionano il nostro modo di udire le cose

22 Novembre 2019

Lo dimostra uno studio risultato di una collaborazione internazionale tra...

Da oggi è possibile bio-stampare anche i neuroni

Da oggi è possibile bio-stampare anche i neuroni

22 Novembre 2019

Lo studio, pubblicato sulla rivista internazionale Journal of Clinical Medicine,...

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

18 Novembre 2019

È stato misurato l’attimo esatto in cui scompare il permafrost...

Scoperta una nuova specie di lucertola. Da due milioni di anni vive indisturbata nelle isole pontine

Scoperta una nuova specie di lucertola. Da due milioni di anni vive indisturbata nelle isole pontine

18 Novembre 2019

A individuare il rettile un gruppo di ricerca guidato dal...

Articoli filtrati per data: Giovedì, 12 Dicembre 2013

Per la prima volta è stata misurata la profondità di un mare “alieno”: si chiama Ligeia, è uno dei mari del più grande satellite di Saturno, Titano, ed è profondo circa 160 metri.

Gran parte del merito della scoperta è italiano: il raggiungimento di questo importante risultato scientifico è il frutto di uno studio condotto con dei radar planetari concepiti e sviluppati in Italia dall’Agenzia Spaziale Italiana, in collaborazione con la Nasa. La ricerca, poi, è stata guidata da ricercatori italiani, a cui hanno contribuito anche americani e francesi: l’analisi dimostra la natura liquida del Mare Ligeia, composto di metano quasi puro (con piccole quantità di etano ed azoto) e fornisce la profondità di un mare extraterrestre che raggiunge più o meno 160 metri.

I risultati dello studio sono stati presentati mercoledì 11 dicembre al congresso dell’American Geophysical Union a San Francisco e saranno pubblicati sulla rivista Journal of Geophysical Research.

“Si tratta di un grande successo che si è potuto conseguire grazie alle competenze scientifiche sviluppate in Italia nel campo dei radar planetari realizzati dall’ASI in collaborazione con la Nasa - ha dichiarato Enrico Flamini, coordinatore scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana e uno degli autori del lavoro. “Abbiamo un bellissimo esempio di come gli algoritmi ed i metodi di processo dei dati sviluppati nei nostri programmi siano potenti e flessibili e come, grazie all’intuizione di un giovane ricercatore, supportato da un grande team, possano portare a risultati non aspettati, ma anche come la missione Cassini non smetta mai di stupirci”.

 

Pubblicato in Planetologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery