Scienzaonline - Ultimi Articoli

Le pupille dei nostri occhi: uno specchio sulla meditazione mindfulness

Le pupille dei nostri occhi: uno specchio sulla meditazione mindfulness

21 Settembre 2020

Pubblicati su Current Biology i risultati di una ricerca condotta...

Scuola: dal WWF una raccolta fondi straordinaria per costruire Aule natura

Scuola: dal WWF una raccolta fondi straordinaria per costruire Aule natura

21 Settembre 2020

Da oggi è attiva la raccolta fondi straordinaria del WWF...

I nanocristalli dorati che raccolgono tutta la luce del sole

I nanocristalli dorati che raccolgono tutta la luce del sole

21 Settembre 2020

Ottimizzare l’energia prodotta dai dispositivi fotovoltaici, recuperando la luce sprecata....

L’intelligenza delle onde

L’intelligenza delle onde

21 Settembre 2020

Un team di ricercatori del Dipartimento di fisica della Sapienza...

GIOVANNI GASTEL. The People I like

GIOVANNI GASTEL. The People I like

21 Settembre 2020

MAXXI, 15 Settembre, 22 Novembre 2020 Al MAXXI in prima...

Alzheimer: perché colpisce di più le donne

Alzheimer: perché colpisce di più le donne

21 Settembre 2020

La riduzione del livello degli estrogeni associata alla menopausa è...

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

18 Settembre 2020

Le molteplici possibilità che il sistema immunitario intervenga a difesa...

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

18 Settembre 2020

Protagonista nella prima missione spaziale per difendere la Terra dagli...

Lunedì, 15 Gennaio 2018
 
L'Onu per l'ambiente e l'Oms hanno concordato una nuova collaborazione ad ampio raggio per accelerare l'azione per limitare i rischi per la salute ambientale che causano circa 12,6 milioni di morti l'anno. A Nairobi, Erik Solheim, a capo del Dipartimento ambiente dell'Onu, e Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, hanno firmato un accordo per intensificare le azioni comuni per combattere l'inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici e la resistenza antimicrobica e per migliorare il coordinamento gestione dei rifiuti e dei prodotti chimici, qualita' dell'acqua e problemi alimentari e nutrizionali. La collaborazione comprende anche la gestione congiunta della campagna di advocacy BreatheLife per ridurre l'inquinamento atmosferico per ottenere benefici climatici, ambientali e sanitari. Si tratta dell'accordo formale piu' significativo in oltre 15 anni di azione congiunta su tutto lo spettro delle questioni ambientali e sanitarie.
Pubblicato in Medicina

Untermassfeld research excavation: Top (a) – Exposed skeleton parts of various large mammal species, with a completely preserved metacarpal bone (rectangle) of an early fallow deer (Dama nestii vallonnetensis) on the day prior to the theft. Photo: T. Korn, Senckenberg Weimar. Bottom (b) – Vandalism caused by illegal excavation: The lower part of the rare deer bone was broken off and stolen (rectangle). Photos: J.-A. Keiler, R.-D. Kahlke, Senckenberg Weimar

 

In a newly published study in the “Journal of Paleolithic Archaeology,” Senckenberg scientist Professor Dr. Ralf-Dietrich Kahlke, in conjunction with an international team of renowned Stone Age experts, refutes a recent publication regarding the dispersal of humans in Europe. This publication postulates that the first humans occurred in Northern and Central Europe as early as about one million years ago – more than 200,000 years earlier than previously documented. Moreover, the team of scientists around the Ice Age researcher from Weimar was able to show that the specimens of the archeological study were presumably stolen from the research excavation in Untermassfeld. Saber- and dirk-toothed cats, giant hyenas, hippopotamuses and elephants – the Untermassfeld fossil site in the Thuringian Werra Valley offers a unique representation of the time period around one million years ago. “Each recovered fossil helps us to understand the ecosystem at that time and offers a detailed view into the life history on earth,” explains Professor Dr. Ralf-Dietrich Kahlke of the Senckenberg Research Station for Quaternary Paleontology in Weimar, and he continues, “The diversity of the more than 17,000 specimens retrieved to date ranges from a tiny frog skeleton to the largest known cheetahs in geological history."

Pubblicato in Scienceonline

 

La ricerca sull'Alzheimer va avanti e la patologia non diventera' orfana di cure. Per gli 800mila pazienti italiani, in tutto 3 milioni di persone contando anche i familiari dei malati, un nuovo trattamento promette di bloccare i sintomi iniziali del disturbo, ritardando l'avanzamento della malattia. Un intervento innovativo che agisce sul controllo della neuroinfiammazione e del connesso stress ossidativo localizzato, rallentando il loop di sofferenza neuronale e l'esordio conclamato della patologia. "Sulla malattia di Alzheimer la ricerca sta facendo grandi progressi e in questo senso il controllo della neuroinfiammazione costituisce la punta di diamante, un filone di grandissimo interesse che e a breve dara' importanti risultati- spiega Carlo Caltagirone, professore di neurologia all'Universita' di Roma Tor Vergata e direttore scientifico della Fondazione Santa Lucia- Alcune molecole che agiscono come mediatori nei sistemi endocannabinoidi, come la PEALut (palmitoiletanolamide co-ultramicronizzata con Luteolina), si stanno rivelando promettenti nella riduzione dell'infiammazione e del contemporaneo controllo dello stress ossidativo localizzato e quindi nel ritardo dell'avanzamento della malattia".

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery