Scienzaonline - Ultimi Articoli

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

15 Gennaio 2021

Le associazioni hanno diffidato il sindaco di Castigline del Lago...

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

15 Gennaio 2021

Finanziato dall’Unione Europea un progetto interdisciplinare per la decifrazione dei...

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

15 Gennaio 2021

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi...

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

13 Gennaio 2021

Un dolore intenso nella zona del tallone che spesso rende...

Musei aperti: il racconto in diretta dei Marmi Torlonia ai Musei Capitolini

Musei aperti: il racconto in diretta dei Marmi Torlonia ai Musei Capitolini

13 Gennaio 2021

Attraverso la pagina Facebook dei Musei Capitolini un ciclo di...

Determinato il costo energetico di un calcolo quantistico

Determinato il costo energetico di un calcolo quantistico

13 Gennaio 2021

Uno degli ostacoli da superare per rendere concreta la diffusione...

In 13 anni cancellata un'area di foresta grande come la California

In 13 anni cancellata un'area di foresta grande come la California

13 Gennaio 2021

Pubblicato il nuovo studio globale del WWF "Fronti di deforestazione:...

Mercoledì, 10 Ottobre 2018

 


Un team coordinato dall’Istituto dei sistemi complessi del Cnr ha chiarito con un approccio matematico il meccanismo alla base della capacità delle berte maggiori di compiere rotte lunghissime in mezzo al mare. A guidarle è una mappa olfattiva guidata dagli odori presenti sul mare e trasportati dalla turbolenza atmosferica. Lo studio è pubblicato su Scientific Reports


Alcune specie di uccelli marini come la berta maggiore riescono a compiere viaggi di migliaia di chilometri in mezzo al mare per trovare il cibo e poi ritornare al nido: uno studio internazionale coordinato dall’Istituto dei sistemi complessi (Isc) del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze ha chiarito, con l’ausilio di modelli matematici, che il meccanismo alla base delle lunghe navigazioni è olfattivo, cioè guidato dagli odori trasportati dalla turbolenza atmosferica, indispensabile in alto mare, in assenza di qualunque riferimento topografico. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, ha coinvolto anche ricercatori italiani dell’Ispra, portoghesi del Marine and Environmental Sciences Centre (MARE) e britannici del Rothamsted Research.

Pubblicato in Ambiente



Abitano i nostri mari da 600 milioni di anni, il loro corpo è costituito dal 98 per cento di acqua ed è composto da una parte superiore, detta “ombrella”, dalla caratteristica forma a campana e da una parte inferiore, i tentacoli, più o meno lunghi a seconda delle specie. Le meduse sono le protagoniste della mostra che l’Università di Milano-Bicocca inaugurerà venerdì 19 ottobre presso l’edificio U6, nell’ambito delle celebrazioni del Ventennale dell’Ateneo, grazie alla collaborazione con l’Acquario di Genova, l’Acquario di Milano e il Museo Civico di Storia Naturale di Milano.

Attraverso un percorso che si snoda tra dieci acquari, fossili rari, suggestive fotografie e riferimenti letterari si scoprirà come si muovono e come mangiano le meduse, qual è la loro importanza per l’ecosistema marino, e ancora, quali sono le caratteristiche che le rendono una presenza estiva poco gradita ai bagnanti.

Diverse le specie ospitate nella mostra provenienti dall’Acquario di Genova, specializzato ormai da anni nella riproduzione di questi delicatissimi animali: una specie cosmopolita – la medusa quadrifoglio Aurelia aurita – e tre specie tropicali - Phyllorhiza punctata, Cassiopea andromeda, la medusa che vive a testa in giù, e Sanderia malayensis.

Dall’ecologia alla medicina, la mostra offre l’opportunità di approfondire gli aspetti interdisciplinari di questo universo trasparente: l’aumento del numero di meduse dovuto alla diminuzione di predatori naturali come le tartarughe marine, il loro rapporto con il problema dell’inquinamento da plastica in mare e il loro utilizzo come cibo del futuro.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery