Scienzaonline - Ultimi Articoli

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo

12 Febbraio 2020

Immagini: Foto 1: Nel DNA, qui rappresentato dalla sequenza delle...

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane

10 Febbraio 2020

Didascalia foto: a sinistra la mela Rotella, a destra la...

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie

08 Febbraio 2020

Secondo gli scienziati cinesi della South China Agricultural University, a...

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole

07 Febbraio 2020

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and...

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi...

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto

06 Febbraio 2020

I grafici mostrano il cambiamento della diffrazione di neutroni, via...

Allarme influenza: i consigli per combatterla

Allarme influenza: i consigli per combatterla

01 Febbraio 2020

Come l’anno scorso, i dati confermano che l’influenza sta aumentando...

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

31 Gennaio 2020

Per la prima volta uno studio realizzato dalla Sapienza in...

Mercoledì, 31 Ottobre 2018

 


Quando incontriamo una persona per la prima volta è difficile stabilire se possiamo fidarci o meno. Per farci un’impressione, anche lo sguardo gioca il suo ruolo. Infatti, spesso ci convinciamo di comprendere emozioni e intenzioni della persona incontrata semplicemente guardandola negli occhi. E studiandone, per esempio, quanto sono dilatate le pupille.

È su questo aspetto che si è concentrata la ricerca sperimentale condotta da due ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, Marco Brambilla e Marco Biella, in collaborazione con Mariska Kret, ricercatrice dell’Università di Leiden, in Olanda. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista Cognition and Emotion con il titolo Looking into your eyes: Observed pupil size influences approach-avoidance responses (DOI: 10.1080/02699931.2018.1472554). Dal momento che le variazioni nella dilatazione delle pupille sono perlopiù automatiche e inconsce, spesso riteniamo che tali variazioni possano indicare caratteristiche più profonde degli individui con cui interagiamo e che non siano solo la risposta a diverse intensità luminose. I ricercatori hanno perciò voluto verificare se semplici variazioni nel diametro pupillare delle persone che incontriamo siano in grado di influenzare risposte comportamentali diverse.

In particolare, se le persone con un’elevata dilatazione pupillare siano percepite come attraenti, calorose e amichevoli. E al contrario, se le persone con le pupille contratte siano percepite fredde, poco attraenti e inaffidabili. Per effettuare la ricerca, sono stati coinvolti cinquanta studenti ai quali è stato chiesto di svolgere un compito in laboratorio. Nello specifico, i partecipanti sono stati invitati a visualizzare sullo schermo di un computer 96 volti di persone sconosciute, con diversi livelli di dilatazione pupillare.

Pubblicato in Medicina

 

Usare le leve sociali per spronare i bambini all’attività fisica. È quanto emerge da uno studio cui ha partecipato una ricercatrice del Cnr-Istc, pubblicato su Nature Human Behaviour e condotto dal Jrc della Commissione europea. Le femmine sono più stimolate dalle migliori amiche, i maschi da gioco in squadre

 

Secondo l’International Association for the Study of Obesity, in Europa un bambino su tre è obeso o sovrappeso. Ma qual è il modo migliore per motivare i giovani a fare più attività fisica, che aiuta a dimagrire e a prevenire le malattie associate alla sedentarietà? Un recente studio di cui è coautrice Eugenia Polizzi, ricercatrice dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc), ha esaminato l'impatto di meccanismi sociali come la reciprocità e la cooperazione di gruppo sul motivare bambini di 9-11 anni a praticare più sport. Il lavoro, pubblicato su Nature Human Behaviour, è coordinato dal Joint Research Center della Commissione europea in collaborazione con l’Università di Cambridge.

A 350 bambini di 15 scuole elementari italiane è stato chiesto di indossare quotidianamente per sette settimane un accelerometro che permette di registrare i movimenti del corpo. L’attività fisica rilevata veniva trasformata in punti, che alla fine dello studio potevano essere scambiati con premi, assegnati in base all’attività svolta dal bambino (incentivi individuali), oppure a quella dei loro migliori amici e collettivamente all’interno di squadre (incentivi sociali). In queste ultime due condizioni, più i loro amici si muovevano, più i bambini ricevevano punti.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery