Scienzaonline - Ultimi Articoli

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo

12 Febbraio 2020

Immagini: Foto 1: Nel DNA, qui rappresentato dalla sequenza delle...

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane

10 Febbraio 2020

Didascalia foto: a sinistra la mela Rotella, a destra la...

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie

08 Febbraio 2020

Secondo gli scienziati cinesi della South China Agricultural University, a...

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole

07 Febbraio 2020

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and...

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi...

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto

06 Febbraio 2020

I grafici mostrano il cambiamento della diffrazione di neutroni, via...

Allarme influenza: i consigli per combatterla

Allarme influenza: i consigli per combatterla

01 Febbraio 2020

Come l’anno scorso, i dati confermano che l’influenza sta aumentando...

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

31 Gennaio 2020

Per la prima volta uno studio realizzato dalla Sapienza in...

Lunedì, 08 Ottobre 2018

 

La natura non è solo un elemento fondamentale per il nostro benessere quotidiano ma rappresenta anche una ‘scuola’ importantissima per i bambini che, purtroppo nei Paesi di più antica industrializzazione, sono costretti a stili di vita sempre più sedentari, con minori gradi di autonomia e costretti ad attività, esperienze e socialità sempre più virtuali.

Si tratta di un vero e proprio deficit di natura (espressione coniata dal giornalista americano Richard Louv) che ormai condiziona in modo evidente la crescita e la salute psicofisica delle nuove generazioni. È questo il cuore del report “Benessere e natura: città verdi a misura di bambino” lanciato dal WWF in occasione di Urban Nature (la festa della biodiversità urbana), realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Studi sulla Qualità della Vita AIQUAV, che riunisce i migliori esperti che si occupano di benessere e qualità della vita e con il contributo del gruppo di lavoro su Ambiente&Salute dell’Associazione Culturale Pediatri (ACP) e di LABUS, il Laboratorio per la Sussidiarietà.
“Come se non bastasse il debito economico di cui dovranno farsi carico negli anni a venire sulle spalle dei nostri giovani grava anche un ‘debito di natura’ che sta progressivamente erodendo salute, benessere e qualità della vita”. Dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che aggiunge: “Se non si inverte la rotta non solo i nostri giovani dovranno fare i conti con lo sfruttamento intensivo delle risorse, che consuma vorticosamente “Natura”, ma si troveranno a crescere in habitat sempre più artificiali. Il deficit di natura di cui si occupa il nostro Report è ormai una ‘patologia sociale’ che possiamo misurare quotidianamente osservando la vita e i comportamenti dei nostri ragazzi, sempre più abituati ad una dimensione virtuale della vita e della natura.

Per questo è necessario correre ai ripari: con Urban Nature vogliamo provare a favorire la riscoperta della natura, anche di quella che abbiamo vicino a casa o a scuola. Però è necessario che anche le istituzioni, locali e nazionali si attivino per garantire più verde alle nostre città, che significa più salute, più benessere e miglior qualità della vita”.
Oggi siamo di fronte ad un paradosso: i giovani, che potrebbero aspirare a guidare la difesa della natura, hanno sempre meno a che fare con essa. Secondo un’indagine Istat del 2017 il 93% dei bambini in età compresa tra i 6 e i 10 anni, guarda la TV tutti i giorni. Il dato scende al 87,7% per i ragazzi di età compresa fra gli 11 e i 14 anni che con molta probabilità sono già più attratti dal web. I ragazzi occidentali passano in media 44 ore della alla settimana davanti a TV e media elettronici. Escludendo le ore di sonno, questa percentuale tempo occupa una buona parte della giornata tipo di un giovane: circa 6 ore e mezza.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery