Scienzaonline - Ultimi Articoli

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

08 Luglio 2020

Intanto da Policoro avvistata la tartaruga Alessandra, liberata il 18...

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

08 Luglio 2020

Ricreare le complesse interazioni molecolari e cellulari che avvengono durante...

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

08 Luglio 2020

Le aziende utilizzano plastica liquida, semisolida o solubile tra gli...

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

08 Luglio 2020

L’utilizzo di velivoli senza pilota è una delle principali sfide...

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

08 Luglio 2020

WWF e Intesa Sanpaolo hanno avviato una sinergia per aiutare...

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

08 Luglio 2020

C’è un momento dell’anno che segna il limite oltre il...

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

08 Luglio 2020

Intervento straordinario preparato in oltre un anno di studio e...

Sabato, 29 Settembre 2018

Per la più frequente patologia muscolare ereditaria ancora non è disponibile una cura. Una nuova speranza arriva dall’Istituto di chimica biomolecolare del Cnr di Pozzuoli, dove si è scoperto che farmaci in grado di regolare la funzione degli endocannabinoidi permettono di contrastare il decorso della malattia e recuperare parte delle funzioni motorie perdute in un modello animale. Lo studio è pubblicato su Nature Communications

La distrofia muscolare di Duchenne è la più frequente patologia muscolare su base ereditaria. Ad esserne colpiti sono principalmente i bambini maschi. L’esordio è precoce e, oltre ai muscoli scheletrici, sono colpiti molti altri organi come cuore, polmoni e cervello. Ancora oggi contro tale patologia non è disponibile una cura. Una nuova speranza arriva dai laboratori di ricerca dell’Istituto di chimica biomolecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Icb) di Pozzuoli guidati da Vincenzo Di Marzo, dove si è scoperto come in un modello animale sia possibile rallentare significativamente il decorso della malattia e recuperare le funzioni motorie perdute mediante i farmaci in grado di regolare la funzione dei cannabinoidi prodotti dal nostro stesso organismo. Lo studio è pubblicato su Nature Communications.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery