Scienzaonline - Ultimi Articoli

Australia, un anno dopo gli incendi

Australia, un anno dopo gli incendi

18 Gennaio 2021

Dalle ceneri dei roghi parte “Regenerate Australia”, il piano WWF...

Quanti cinghiali abitano qui?

Quanti cinghiali abitano qui?

18 Gennaio 2021

Ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per...

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

18 Gennaio 2021

I Ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con il sostegno di...

I grandi carnivori riconquistano il territorio

I grandi carnivori riconquistano il territorio

18 Gennaio 2021

In un nuovo studio, frutto della collaborazione fra la Sapienza...

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

15 Gennaio 2021

Le associazioni hanno diffidato il sindaco di Castigline del Lago...

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

15 Gennaio 2021

Finanziato dall’Unione Europea un progetto interdisciplinare per la decifrazione dei...

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

15 Gennaio 2021

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi...

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

13 Gennaio 2021

Un dolore intenso nella zona del tallone che spesso rende...

Lunedì, 25 Novembre 2019


Portati alla luce centinaia di testi cuneiformi databili all'inizio del II millennio a.C., di cui otto le tavolette ben conservate e tre “buste” di argilla


Migliaia di anni fa in Mesopotamia, per scambiarsi in formazioni di ogni tipo, le lettere si scrivevano su tavolette che poi si inviavano in “buste” di argilla. Tre grandi porzioni di queste “buste” sono parte di un eccezionale ritrovamento, per quantità e stato di conservazione dei reperti, portato alla luce durate una campagna di scavi in Iraq condotta dall’Università di Pisa in collaborazione con l’ateneo di Siena e quello iracheno di al-Qādisiyyah. In particolare gli archeologi hanno trovato un centinaio di frammenti con testi cuneiformi databili all'inizio del II millennio a.C. (fra cui ben otto tavolette intere o quasi) oltre a un ricco repertorio ceramico e a più di novanta “cretule”, cioè blocchetti di argilla con impronte di sigillo o corda applicate a chiusura di contenitori.


Le indagini archeologiche concluse a novembre hanno riguardato Tell as-Sadoum nell’Iraq centro-meridionale. Il sito di 50 ettari, a est di Najaf, su un ramo del fiume Eufrate è stato identificato con Marad, una antica città della Mesopotamia meridionale, la cui storia copre un lungo arco cronologico che va dal Protodinastico (III millennio a.C.) al Neobabilonese (I millennio a.C). In particolare gli scavi hanno riguardato un grande tempio sulla sommità della collina principale e due quartieri, uno residenziale e l'altro produttivo dove sono state rinvenute gran parte dei testi e delle cretule.
“In generale le tavolette testimoniano la ricchezza e vivacità della vita economica e amministrativa delle antiche città della Mesopotamia e ci parlano spesso di transazioni contabili, questioni amministrative e giuridiche – spiega il dottor Anacleto D'Agostino, docente di Archeologia del Vicino Oriente all’Università di Pisa che ha coordinato il progetto – quelle che abbiamo trovato, di epoca Isin-Larsa/antico-paleobabilonese e che sono in corso di studio, contengono contratti di compravendita e lettere, e menzionano i nomi di sovrani, formule di datazione e forse il riferimento ad alcune città”.

Pubblicato in Paleontologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery