Scienzaonline - Ultimi Articoli

World Dream Day 25 settembre Sogni e realtà

World Dream Day 25 settembre Sogni e realtà

25 Settembre 2020

World Dream Day 25 settembre Sogni e realtà – Piero...

Al Museo delle Mura “Narrazioni d’argilla”

Al Museo delle Mura “Narrazioni d’argilla”

25 Settembre 2020

Dal 18 settembre al 15 novembre 2020 le Mura Aureliane...

Covid-19: il 15% delle forme gravi spiegato da anomalie genetiche e immunologiche

Covid-19: il 15% delle forme gravi spiegato da anomalie genetiche e immunologiche

25 Settembre 2020

Anticorpi neutralizzanti contro l’IFN di tipo I sono alla base...

Ricerca di Greenpeace: dagli allevamenti intensivi il 17% delle emissioni Ue di gas serra, più delle automobili

Ricerca di Greenpeace: dagli allevamenti intensivi il 17% delle emissioni Ue di gas serra, più delle automobili

25 Settembre 2020

Le emissioni di gas serra degli allevamenti intensivi rappresentano il...

Alimenti e COVID-19: strategie preventive e di supporto alle terapie

Alimenti e COVID-19: strategie preventive e di supporto alle terapie

25 Settembre 2020

Il team di studiosi del Dipartimento di Chimica e tecnologie...

Covid-19, il ruolo cruciale degli interferoni nell'immunità protettiva dei pazienti

Covid-19, il ruolo cruciale degli interferoni nell'immunità protettiva dei pazienti

25 Settembre 2020

Un consorzio internazionale di ricercatori, coordinati dal National Institute of...

I 10 passi per far entrare la natura nelle scuole

I 10 passi per far entrare la natura nelle scuole

23 Settembre 2020

Sono stati i Panda Club della Romanina, periferia della capitale,...

Ricostruiti i primi mesi di vita dell’epidemia Covid-19

Ricostruiti i primi mesi di vita dell’epidemia Covid-19

23 Settembre 2020

In pubblicazione sul Journal of Medical Virology, uno studio condotto...

Giovedì, 07 Novembre 2019
Giovedì, 07 Novembre 2019 16:51

Il superbasilico che cresce in fondo al mare

L’Università di Pisa, partner del progetto l’Orto di Nemo, ha condotto le analisi sul basilico coltivato nelle biosfere sottomarine a largo delle coste liguri


Il basilico coltivato nelle biosfere sottomarine dell’Orto di Nemo è più verde, aromatico e ricco di sostanze antiossidanti rispetto a quello che cresce sulla terraferma. La notizia arriva dall’Università di Pisa dove un team di ricercatori ha avuto il compito di valutare la risposta delle piante a condizioni di vita così particolari come quelle in fondo al mare. L’Ateneo pisano è infatti uno dei partner scientifici dell’Orto di Nemo, un progetto partito nel 2012 e promosso da Mestel Safety del gruppo Ocean Reef, una società che si occupa di strumentazioni subacquee, con l’obiettivo di realizzare un sistema alternativo di agricoltura per aree in cui le condizioni economiche o ambientali rendono difficile la crescita di specie vegetali a livello del suolo.


Il basilico studiato è stato coltivato in biosfere di metacrilato di alcuni metri di diametro immerse nel mare tra i 6 e i 10 metri di profondità di fronte a Noli, al largo delle coste liguri. Queste serre sottomarine sono delle specie di mongolfiere trasparenti dove possono crescere, su mensole posizionate all’interno, dalle 65 alle 95 piantine. Riempite di aria, che essendo più leggera si posiziona nella parte superiore spingendo l’acqua sotto, sono strutture ecologiche che non inquinano e non danneggiano il mare, ed autosostenibili. Si alimentano infatti con energia rinnovabile e per quanto riguarda l’irrigazione utilizzano che l’acqua marina che distilla dalle pareti e gocciola sulle piante.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery