Scienzaonline - Ultimi Articoli

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

15 Gennaio 2021

Le associazioni hanno diffidato il sindaco di Castigline del Lago...

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

15 Gennaio 2021

Finanziato dall’Unione Europea un progetto interdisciplinare per la decifrazione dei...

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

15 Gennaio 2021

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi...

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

13 Gennaio 2021

Un dolore intenso nella zona del tallone che spesso rende...

Musei aperti: il racconto in diretta dei Marmi Torlonia ai Musei Capitolini

Musei aperti: il racconto in diretta dei Marmi Torlonia ai Musei Capitolini

13 Gennaio 2021

Attraverso la pagina Facebook dei Musei Capitolini un ciclo di...

Determinato il costo energetico di un calcolo quantistico

Determinato il costo energetico di un calcolo quantistico

13 Gennaio 2021

Uno degli ostacoli da superare per rendere concreta la diffusione...

In 13 anni cancellata un'area di foresta grande come la California

In 13 anni cancellata un'area di foresta grande come la California

13 Gennaio 2021

Pubblicato il nuovo studio globale del WWF "Fronti di deforestazione:...

Lunedì, 22 Luglio 2019

 


La scoperta, utile per la progettazione del verde nelle nostre città, arriva da una ricerca dell’Università di Pisa pubblicata sulla rivista “Frontiers in Plant Science”


Il ‘verde’ delle nostre città? Più è rosso e più è resistente. È questo quanto emerge da uno studio del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa pubblicato sulla rivista “Frontiers in Plant Science”. Il team dei ricercatori coordinato dalla professoressa Lucia Guidi, direttore del Centro Nutrafood, ha infatti scoperto che le piante a foglie rosse si difendono meglio dagli stress ambientali, come siccità, stress luminoso e salinità, rispetto a quelle a foglie verdi.
“Questo maggiore resilienza – spiega Marco Landi ricercatore dell’Università di Pisa – è dovuta alla presenza di antociani, dei pigmenti da cui deriva proprio il rosso delle foglie, che fanno da ‘filtro’ nei confronti dei raggi solari esercitando un’azione fotoprotettiva, soprattutto nei momenti in cui le foglie sono più vulnerabili, cioè quando sono più giovani o senescenti”.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery