Scienceonline - Last News

Innovative policies needed for increasing meat demand

Innovative policies needed for increasing meat demand

05 Agosto 2020

Africa may import as much as 20 per cent of...

Approved drug reduces ventilator time for patients with severe COVID-19

Approved drug reduces ventilator time for patients with severe COVID-19

05 Agosto 2020

The drug tocilizumab, which is used in the treatment of...

Nanocrystals to deliver oxygen to brain tumours

Nanocrystals to deliver oxygen to brain tumours

05 Agosto 2020

Glioblastoma, the most widespread and lethal primary brain tumour in...

Cold-sensitive staphylococci reveal a weakness

Cold-sensitive staphylococci reveal a weakness

03 Agosto 2020

“Staphylococcus aureus” – also known as “golden staph” – has...

Transferrin identified as potential contributor to COVID-19 severity

03 Agosto 2020

SARS-CoV-2 is the coronavirus that causes COVID-19. It is currently...

Lactoferrin as potential preventative and treatment for COVID-19

Lactoferrin as potential preventative and treatment for COVID-19

03 Agosto 2020

The novel coronavirus 2019 (COVID-19) pandemic is rapidly advancing across...

The importance of balance and postural control in children with autism spectrum disorders

The importance of balance and postural control in children with autism spectrum disorders

31 Luglio 2020

Doctoral candidate of the Education Programme of Castellón’s Jaume I...

Martedì, 22 Maggio 2018

 

Sulla rivista internazionale “Human Vaccines and Immunotherapeutics”, l’analisi dell’Università di Pisa su 560 video pubblicati dal 2007 al 2017

In tema di vaccini e autismo, su YouTube domina la disinformazione. E’ questo quanto emerge da una recente analisi condotta all’Università di Pisa e pubblicata sulla rivista scientifica “Human Vaccines and Immunotherapeutics”. Lo studio coordinato dal professore Luigi Lopalco, direttore del centro interdipartimentale ProSIT, e dalla professoressa Annalaura Carducci, direttore dell’Osservatorio della Comunicazione Sanitaria (OCS), è stato condotto su 560 video caricati su YouTube dal 2007 al 2017 e relativi al collegamento tra vaccini e autismo o altri gravi effetti collaterali sui bambini.
In particolare, i ricercatori hanno evidenziato come il tono dell’informazione sul tema sia principalmente negativo e come l’informazione istituzionale sia praticamente assente su questo mezzo di informazione. Il tutto incrementato da una sorta di “effetto valanga” dovuto al fatto che il numero annuale di video caricati è aumentato durante il periodo considerato con un picco di 224 nei primi sette mesi del 2017. 
“A partire dal 2012 si è assistito in Italia ad un calo della fiducia nelle vaccinazioni che si è tradotto in una pericolosa diminuzione dei livelli di copertura vaccinale – sottolinea Lopalco – da questo punto di vista, la disinformazione diffusa ad arte su Internet sembra essere un fattore determinante considerato che moltissime persone usano il web come fonte di informazione e che nel 2016, ad esempio, il 42,8% dei cittadini italiani ha utilizzato internet per informarsi sui vaccini”.
Ma non è la prima volta che il gruppo di ricerca dell’Ateneo pisano si occupa del rapporto Intenet e vaccini. In un articolo pubblicato nel 2017 sulla rivista scientifica “Vaccine”, gli studiosi dell’Ateneo infatti avevano già osservato un legame fra il calo delle vaccinazioni contro morbillo, parotite e rosolia e, in quel caso, una notizia di cronaca diffusa attraverso siti web italiani di disinformazione antivaccinista a partire dal 2012.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery