Scienzaonline - Ultimi Articoli

Studio del cervello, la ricerca si mette... a fuoco

Studio del cervello, la ricerca si mette... a fuoco

02 Agosto 2021

ogni puntino corrisponde a ciascun neurone individuato grazie all'alta risoluzione...

I pipistrelli non si ammalano di Covid-19

I pipistrelli non si ammalano di Covid-19

29 Luglio 2021

L’Università degli Studi di Milano ha studiato la capacità dei...

Nel tartaro dei nostri antenati preistorici, le origini dell’agricoltura in Europa

Nel tartaro dei nostri antenati preistorici, le origini dell’agricoltura in Europa

27 Luglio 2021

L’analisi del tartaro preistorico di 44 individui provenienti da siti...

All'UOC Sant’Andrea il primo intervento in Italia per il recupero dell’udito e di deficit vestibolari

All'UOC Sant’Andrea il primo intervento in Italia per il recupero dell’udito e di deficit vestibolari

27 Luglio 2021

L'intervento è stato effettuato il 19 luglio scorso dall'équipe coordinata...

Dal 1850 a oggi più che raddoppiato il tasso di innalzamento del Mediterraneo rispetto agli ultimi 4000 anni

Dal 1850 a oggi più che raddoppiato il tasso di innalzamento del Mediterraneo rispetto agli ultimi 4000 anni

27 Luglio 2021

L’Università di Pisa unico partner italiano dello studio internazionale pubblicato...

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

20 Luglio 2021

L’Università degli Studi di Milano ha analizzato 150 anni di...

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

20 Luglio 2021

La bassa concentrazione di ossigeno al fondo, il rapido seppellimento...

Martedì, 20 Dicembre 2016

È quanto emerge da uno studio condotto dall’Istituto di neuroscienze del Cnr e dall’Università di Padova e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition. La ricerca ha evidenziato come seguire questo stile alimentare assicuri una minore prevalenza di disabilità, depressione e dolore

È noto che la Dieta mediterranea ha effetti positivi sulle malattie neurodegenerative, metaboliche e cardiovascolari. Per la prima volta, ora, una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che la Dieta mediterranea ha effetti positivi anche sulla qualità di vita e sui parametri connessi, come disabilità, presenza di dolore, depressione. Lo studio, nato dalla collaborazione tra l’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) e Nicola Veronese dell’Università di Padova, ha preso in considerazione 4.470 americani con un’età media di 61 anni.“È la prima volta che in uno studio di questo genere vengono prese a campione popolazioni con regimi dietetici lontani da quello mediterraneo e con una prevalenza di malattie cardiovascolari e metaboliche più elevata rispetto a quelle del Vecchio Continente”, spiega Stefania Maggi della Sezione invecchiamento dell’In-Cnr.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery