Scienzaonline - Ultimi Articoli

Parkinson: individuato nuovo potenziale biomarcatore

Parkinson: individuato nuovo potenziale biomarcatore

20 Gennaio 2021

Uno studio clinico pilota ha dimostrato per la prima volta...

Per primi al mondo a Torino i cardiologi sfruttano l’intelligenza artificiale per definire la strategia dopo l'infarto

Per primi al mondo a Torino i cardiologi sfruttano l’intelligenza artificiale per definire la strategia dopo l'infarto

20 Gennaio 2021

Pubblicato sulla rivista The Lancet uno studio della Cardiologia universitaria...

La percezione distorta dell'inquinamento atmosferico

La percezione distorta dell'inquinamento atmosferico

20 Gennaio 2021

Uno studio condotto dall'Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima...

Dalle profondità dei ghiacci antartici la chiave per comprendere un mistero geologico su Marte

Dalle profondità dei ghiacci antartici la chiave per comprendere un mistero geologico su Marte

20 Gennaio 2021

Arriva dalle grandi profondità dei ghiacciai dell’Antartide la risposta ad...

Australia, un anno dopo gli incendi

Australia, un anno dopo gli incendi

18 Gennaio 2021

Dalle ceneri dei roghi parte “Regenerate Australia”, il piano WWF...

Quanti cinghiali abitano qui?

Quanti cinghiali abitano qui?

18 Gennaio 2021

Ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per...

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

18 Gennaio 2021

I Ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con il sostegno di...

Giovedì, 28 Febbraio 2019
Giovedì, 28 Febbraio 2019 17:41

Nicotina, cavallo di Troia della cannabis

 

 

Il rischio di dipendenza da altre droghe non è relativo alla tipologia di sigarette, tradizionali o elettroniche contenenti la stessa dose di nicotina, poiché esse aumentano comunque la gratificazione indotta dal Δ9-tetraidrocannabinolo (THC), il principio attivo della marijuana, e quindi ne facilitano l’uso. Lo dice uno studio dell’Istituto di neuroscienze del Cnr pubblicato su European Neuropsychopharmacology, che dà importanti suggerimenti sui meccanismi molecolari alla base di questo effetto

 

Il tabagismo rappresenta indubbiamente un grande problema di sanità pubblica, essendo uno dei maggiori fattori di rischio prevenibile per lo sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, inoltre, l’uso del tabacco può determinare l’insorgenza di disturbi mentali, comportamentali e fisici tipici delle dipendenze. Studi epidemiologici hanno peraltro mostrato che il consumo di tabacco è predittivo per il futuro consumo di altre droghe come cannabis e cocaina. Le sigarette elettroniche contenenti nicotina sono proposte come sostituto per diminuire l'uso delle sigarette convenzionali e gli effetti nocivi del tabacco combusto, ma ancora non è chiaro se l’eventuale beneficio sia estendibile a tutti gli effetti del fumo di tabacco. Ricercatori dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano (Cecilia Gotti e Mariaelvina Sala, associato) in collaborazione con colleghi del Dipartimento Biometra delle Università degli Studi di Milano (Milena Moretti e Paola Viani, Francesco Clementi) e di Modena-Reggio Emilia (Michele Zoli) e ai ricercatori finanziati dalla Fondazione Zardi-Gori (Braida Daniela e Luisa Ponzoni)   hanno cercato di chiarire questo aspetto con un lavoro riportato nella rivista European Neuropsychopharmacology: ‘Increased sensitivity to Δ9-THC-induced rewarding effects after seven-week exposure to electronic and tobacco cigarettes in mice’.

“Tabacco e marijuana sono le sostanze usate più comunemente dagli adolescenti a scopo ricreativo, spesso in associazione tra loro, e la frequenza dell’uso della seconda è associata alla dipendenza da nicotina, la principale sostanza d’abuso presente nel tabacco. Inoltre, il lavoro sperimentale dei coniugi Eric (già vincitore del premio Nobel) e Denise Kandel del Department of Neuroscience, della Columbia University NY, ha posto le basi molecolari per capire come la nicotina possa abbassare la soglia per la dipendenza da altre sostanze, come marijuana e cocaina (cosiddetto effetto gateway)”, premette Cecilia Gotti dell’Istituto di neuroscienze del Cnr.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery