Appello mondiale per tolleranza zero nei confronti delle perdite e degli sprechi di cibo

Comunicato stampa Fao 21 Set 2017
629 volte

 

 

Sistemi alimentari sani contribuiranno a porre fine alla fame, ma serve maggiore cooperazione

 Cambiare il modo in cui i pomodori vengono confezionati può contribuire a ridurre le perdite durante il trasporto.

New York20 settembre 2017 - Il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, si è unito all'appello per un rinnovato impegno globale di tolleranza zero nei confronti delle perdite e degli sprechi alimentari. L'appello è stato lanciato nel corso di un evento ad alto livello alla 72a sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dedicato ad affrontare le perdite e gli sprechi alimentari come percorso obbligato per raggiungere l'Obiettivo di sviluppo sostenibile 2: Fame Zero.

"La tolleranza zero nei confronti delle perdite e degli sprechi di cibo ha senso anche dal punto di vista economico. È stato dimostrato che per ogni dollaro che società hanno investito per ridurre la perdite e sprechi, esse hanno risparmiato 14 dollari in costi operativi", ha dichiarato Graziano da Silva nel suo intervento. "Investire in misure per prevenire le perdite e gli sprechi di cibo significa anche investire in politiche a favore dei poveri, in quanto così si promuovono sistemi alimentari sostenibili per un mondo a fame zero", ha aggiunto. Ogni anno un terzo del cibo prodotto per il consumo umano va perduto o sprecato. Queste perdite avvengono lungo l'intera catena di approvvigionamento, dalla fattoria alla forchetta. Oltre al cibo, vi è anche uno spreco di manodopera, di acqua, di energia, di terra e di altri mezzi di produzione. Se la perdita di cibo e gli sprechi fossero un paese, esso sarebbe la terza più alta emittente nazionale di gas serra.

Graziano da Silva si è unito a Gilbert Houngbo, Presidente del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD), a David Beasley, Direttore Esecutivo del Programma alimentare mondiale (PAM), a Thani bin Ahmed Al Zeyoudi, Ministro per i Cambiamenti climatici e l'ambiente degli Emirati Arabi Uniti, a Josefa Correia Sacko, Commissaria per l'economia rurale e l'agricoltura dell'Unione africana, nonché a rappresentanti governativi della Germania, dei Paesi Bassi e dell'Angola per chiedere una maggiore cooperazione tra governi, imprese, partner dello sviluppo, gruppi di agricoltori e altri per affrontare il problema.
Degli 815 milioni di persone che soffrono la fame al mondo, la maggioranza vive in aree rurali dei paesi in via di sviluppo e sono contadini, pastori o pescatori. Essi hanno scarso accesso ai moderni mezzi di prevenzione delle perdite e degli sprechi di cibo, e spesso i sistemi alimentari locali sono soggetti a carenze nelle pratiche post-raccolto, nel trasporto, nella trasformazione e nella refrigerazione.
Riducendo perdite e sprechi lungo l'intera filiera produttiva, sistemi alimentari sani possono contribuire a promuovere l'adattamento e la mitigazione del clima, preservando le risorse naturali e rafforzando i mezzi di sostentamento rurali.

Strumenti che aiutano a prevenire perdite e sprechi

La FAO ha sviluppato strumenti e metodologie per individuare le perdite, le loro cause e le potenziali soluzioni lungo l'intera filiera alimentare, dalla produzione, immagazzinaggio e trasformazione alla distribuzione e al consumo.
Nel Sud-est asiatico, ad esempio, i produttori ortofrutticoli hanno scoperto che circa il 20% dei pomodori vengono danneggiati durante il trasporto a causa del modo in cui sono imballati. Le iniziative per migliorare le pratiche d'imballaggio, con la partecipazione dei produttori e delle altre parti coinvolte, hanno portato ad una riduzione del 90% di queste perdite.
Nel 2013, la FAO ha lanciato un'iniziativa globale sulla perdita e spreco di cibo chiamata Save Food. La piattaforma comprende una rete di oltre 500 partner di organizzazioni internazionali, del settore privato e della società civile, con l'obiettivo di promuovere consapevolezza e scambio di idee sulle pratiche migliori per prevenire le perdite e gli sprechi alimentari.
La FAO produce anche dati e informazioni affinché i responsabili politici possano meglio capire dove e come avvengono perdite e sprechi e l'agenzia sta collaborando con diversi partner per misurare l'impatto della riduzione di perdite e sprechi sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione.
Ultima modifica il Giovedì, 21 Settembre 2017 15:43
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery