La NASA conferma: nessuna perdita di ammoniaca, è stato un malfunzionamento del computer di bordo In evidenza

“Grazie a tutti, stiamo tutti bene qui nel segmento russo e siamo al sicuro”, con questo tweet Samantha Cristoforetti ha rassicurato tutti noi quaggiù sulla Terra, dopo i timori che si erano diffusi per un presunta perdita di ammoniaca nella Stazione Spaziale Internazionale.
Già ieri la NASA ha detto che il pericolo in realtà non sarebbe mai esistito, e che si sarebbe trattato solo di un falso allarme, riconducibile ad errori di lettura di un computer.

L’allarme è scattato nella parte statunitense della Stazione intorno alle 10 (ora italiana) di mercoledì scorso, e subito i sei abitanti della ISS si sono ritirati nel segmento russo per precauzione. Al Johnson Space Center di Houston i tecnici hanno registrato un aumento di pressione nel circuito dell’acqua per il controllo termico del sistema B, seguito da un aumento della pressione in cabina: questi sono segnali che potrebbero indicare una fuga di ammoniaca, altamente tossica, utilizzata a bordo nei sistemi di raffreddamento. Gli astronauti, allora, hanno subito indossato le maschere, si sono ritirate nel segmento russo della stazione (qui non ci sono condutture dell’ammoniaca) e hanno spento le strumentazioni non necessarie nel segmento statunitense.

 

La gestione della possibile emergenza è andata avanti con le analisi e la messa in sicurezza del modulo statunitense. I dati acquisiti durante tutta la giornata hanno escluso che ci sia stata una fuoriuscita di ammoniaca. La fine dell'emergenza è stata dichiarata mercoledì alle 21:05 dall'ISS Mission Management di cui fa parte anche l'Agenzia Spaziale Italiana. Il team, che coinvolge i paesi partner della Stazione Spaziale, ha confermato sulla base di tutti i dati e le analisi effettuate che non si è verificata alcuna reale fuga di ammoniaca, ma si è trattato di un falso allarme, generato da uno dei componenti dei computer di stazione, il Multiplexer/Demultiplexer del Nodo 2 (N2-2 MDM). Subito dopo è stato dato il via libera per la riaperura del portello e l’equipaggio è stato autorizzato a rientrare nel segmento USOS della ISS, indossando per precauzione le maschere protettive.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery