Memorie di un'era che passa In evidenza

 

La collezione di acquerelli intitolata: "Roma pittoresca. Memorie di un'era che passa", oggi esposta permanentemente presso il Museo di Roma in Trastevere, è la testimonianza del timore di Ettore Roesler che gli interventi urbanistici pianificati nell'Italia appena unificata potessero cancellare inesorabilmente alcuni scorci più caratteristici e suggestivi della Roma antica.

Tale collezione, maturata nel decennio tra il 1870 ed il 1880, consta di 119 tele, originariamente 120 prima di un furto avvenuto nel 1996 durante una esposizione in Germania, opere che hanno contribuito in maniera significativa alla notorietà dell'artista in tutto il mondo.

 

 

Lunga e complessa è stata la riunificazione dell'intera collezione da parte del Comune di Roma. Una operazione avvenuta attraverso differenti fasi iniziate con l'acquisto da parte dell'amministrazione presieduta dal sindaco Leopoldo Torlonia nel 1883 e terminata con l'acquisizione delle ultime tele solo nel 1908 durante il governo del sindaco Ernesto Nathan.

Le demolizioni e le ristrutturazioni promosse dal Governo Sabauda all'indomani dell'unificazione italiana e della presa e successiva proclamazione di Roma Capitale avevano la finalità di consegnare al nuovo Stato una Capitale moderna.

Seguendo l'esempio delle grandi capitali europee, Roma avrebbe dovuto sostituire con ampie strade e viali alcuni dei suoi quartieri più antichi costituiti ancora da fitti reticoli di vie e vicoli.

Interventi urbanistici che dovevano favorire uno sviluppo mirato a razionalizzare l'impianto urbanistico di una città in cui gran parte degli edifici erano stati edificati senza seguire un piano regolatore univoco.

Le moderne idee neo-classiche avrebbero inesorabilmente mutato la fisionomia della città. Un rischio che Ettore Roesler Franz, che aveva compiuto studi di architettura presso l'Accademia di San Luca, sentiva concretizzarsi. I posteri non avrebbero potuto vedere la città che egli aveva visceralmente amato.

Desideroso di rendere eterni quegli scorci tanto suggestivi, Roesler Franz intuì quali potessero essere le zone più esposte al rischio di repentini cambiamenti. I suoi appunti raccontano di una intensa operazione, compiuta rapidamente per il poco tempo che l'autore riteneva avere a disposizione a causa dell'incalzare degli interventi urbanistici, fatta di scatti fotografici, di bozzetti sui quali erano stati annotati i colori da utilizzare, i punti di fuga, l'ora e la stagione più adatte per dipingere ogni specifica veduta.

Dunque solo dopo una meticolosa fase di studio avveniva la pittura.

Sugli splendidi acquerelli realizzati, la cui collezione è spesso nota come "Roma sparita", è possibile intuire l'influenza esercitata dall'opera "The stones of Venice" realizzata da John Ruskin durante la metà dell'800 con le medesime finalità.

I soggetti che il pennello di Roesler Franz ritrae raccontano una città, le sue abitudini costituite di una soave spontaneità che la moderna metropoli ha indubbiamente e incolpevolmente perduto anche all'interno dei propri rioni più antichi. Un mondo che appartiene al tempo passato fatto di locande, di stazioni di posta, osterie e mercati, di panni stesi tra le vie strette, di donne che rammendano sedute sugli scalini antistanti le proprie abitazioni, di bambini che fanno il bagno nel fiume Tevere. Una dimensione in cui era ancora saldo ed inscindibile il legame tra uomo e natura.

L'opera di Roesler dà testimonianza storica di un'epoca passata e scomparsa contribuendo in maniera sostanziale a rendere eterni gli scorci di una Roma ormai sparita.

 

Fabrizio Giangrande

{jcomments on}

 

Ultima modifica il Lunedì, 15 Ottobre 2012 14:04
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery