Ultimi Articoli

Adattati se ti vuoi evolvere
21 Ottobre 2019

Forti cambiamenti ambientali sono in grado di modulare le funzioni...

Identificato un nuovo test in grado di diagnosticare il cancro alla prostata con elevata accuratezza
18 Ottobre 2019

Il test, messo a punto dalla collaborazione tra il Dipartimento...

Terremoti: dove e quando te lo dice il monitoraggio simultaneo GPS e della sismicità
17 Ottobre 2019

Uno studio internazionale cui ha partecipato il Dipartimento di Ingegneria...

Osteoartrosi: un chip “mima” la malattia per ideare farmaci efficaci
14 Ottobre 2019

La ricerca, pubblicata su Nature Biomedical Engineering, è condotta dal...

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori
14 Ottobre 2019

Lo rivela la TAC eseguita su un cranio fossile di...

Papiri carbonizzati tornano leggibili
11 Ottobre 2019

Un team internazionale di ricerca guidato dal Cnr-Iliesi, attraverso l’hyperspectral...

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra
09 Ottobre 2019

Uno studio condotto dalla Sapienza, in collaborazione con l’Università di...

Meno piogge in pianura al Nord: l’inquinamento tra le cause
30 Settembre 2019

L’inquinamento può determinare dove e quanto pioverà: è questa la...

Scienzaonline


Lo rivela un fossile di 5 milioni di anni fa scoperto vicino a Grosseto dai paleontologi dell’Università di Pisa


Il beluga (Delphinapterus leucas) e il narvalo (Monodon monoceros) sono due affascinanti cetacei che vivono esclusivamente nelle gelide acque artiche, senza mai allontanarsene, e sono gli unici rappresentanti attuali della famiglia dei Monodontidi.
Oggi è impossibile vederli nelle calde acque del Mediterraneo e ancora più assurdo - almeno così si pensava - che potessero essere vissuti in questo mare all’inizio del Pliocene, quando il nostro clima era tropicale. Invece è successo. Ad Arcille, vicino a Grosseto, in una cava di sabbia è stato scoperto il cranio fossile di un monodontide di circa 5 milioni di anni fa. Gli è stato dato il nome di Casatia thermophila. ‘Casatia’ è un omaggio a Simone Casati, scopritore di molti importanti fossili della Toscana e in particolare della cava di Arcille, e ‘thermophila’ significa ‘amante del caldo’ per sottolineare che questo cetaceo viveva in acque tropicali.

Pubblicato in Paleontologia

Medicina

Adattati se ti vuoi evolvere

Adattati se ti vuoi evolvere

21 Ottobre 2019

Forti cambiamenti ambientali sono in grado di modulare le funzioni...

Paleontologia

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra

A tavola con l’Homo erectus: carne tagliata e preparata con mini-utensili di pietra

09 Ottobre 2019

Uno studio condotto dalla Sapienza, in collaborazione con l’Università di Tel Aviv, ha gettato...

Geografia e Storia

Terremoti: dove e quando te lo dice il monitoraggio simultaneo GPS e della sismicità

Terremoti: dove e quando te lo dice il monitoraggio simultaneo GPS e della sismicità

17 Ottobre 2019

Uno studio internazionale cui ha partecipato il Dipartimento di Ingegneria civile, edile e ambientale...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori

I cetacei più antichi percepivano ancora gli odori

14 Ottobre 2019

Lo rivela la TAC eseguita su un cranio fossile di archeoceto...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery