Scoperta una nuova funzione dell’ormone luteinizzante, LH.

Università di Roma Tor Vergata 30 Mar 2017
1569 volte




 
Il gruppo di ricerca dell'Università di Tor Vergata, guidato dalla Dr.ssa Francesca Gioia Klinger e coordinato dal Prof. Massimo De Felici ha scoperto una nuova funzione dell’ormone luteinizzante, LH, nella donna che potrebbe essere utilizzata per la preservazione della fertilità delle donne che si sottopongono a chemioterapia e prolungare la funzionalità dell’ovaio che termina con la menopausa. Fino ad oggi si pensava che le funzioni dell’LH, secreto dall’ipofisi, fossero nella donna in età fertile, l’induzione dell’ovulazione e il mantenimento del corpo luteo, necessario per le prime fasi di sviluppo dell’embrione. La ricerca in oggetto ha dimostrato che l’LH è in grado di difendere i follicoli primordiali (che contengono gli ovociti destinati ad essere ovulati e fecondati dopo un lungo processo di maturazione), dagli effetti deleteri di un noto chemioterapico, il cisplatino, utilizzato nelle terapie di diversi tipi di tumori, compresi quelli che più frequentemente colpiscono le donne, come il tumore della mammella. Di fatto, i ricercatori hanno trovato che mentre il trattamento con cisplatino distruggeva i follicoli primordiali e rendeva sterili topoline in età prepubere, quando il chemioterapico veniva somministrato insieme all’LH, la maggior parte dei follicoli primordiali non degenerava e le topoline raggiunta l’età adulta risultavano fertili. Il gruppo ha anche dimostrato che la causa della degenerazione dei follicoli è con ogni probabilità attribuibile ai danni che il cisplatino apporta al DNA dell’ovocita contenuto nei follicoli; l’LH stimolerebbe i meccanismi di riparo del DNA e allo stesso tempo bloccherebbe le vie di morte per apoptosi che il cisplatino attiva negli ovociti. Attraverso quali meccanismi l’LH svolga questa importante nuova funzione e se essa avvenga anche in ovaie umane, è quello che i ricercatori stanno attualmente investigando. Queste scoperte potrebbero portare allo sviluppo di una strategia di protezione della funzionalità ovarica più fisiologica per le giovani pazienti malate di cancro.

La preservazione della fertilità e della salute della donna legata alla funzionalità dell’ovaio è una delle problematiche sanitarie emergenti. Sempre più spesso patologie a progressivo o immediato esaurimento ovarico affliggono donne in età fertile compresa tra i 18 e i 40 anni e, in caso di patologie oncologiche, con una probabilità di sopravvivenza maggiore del 50%. Lo sviluppo di nuove molecole, unitamente alla sperimentazione di terapie cellulari e farmacologiche, potranno contribuire ad alleviare le patologie legate alla perdita della funzionalità ovarica. Queste ricerche sono finanziate dall’ azienda Merck e dalla Società Europea per la Riproduzione Umana (ESHRE) .
 Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Cell Death and Differentiation1, all’inizio di quest’ anno, dal gruppo che lavora nella Sezione di Istologia ed Embriologia del nostro Dipartimento e che da anni studia i meccanismi molecolari che controllano la formazione e la maturazione delle cellule germinali femminili.

1. Rossi V, Lispi M, Longobardi S, Mattei M, Rella FD, Salustri A, De Felici M, Klinger FG. LH prevents cisplatin-induced apoptosis in oocytes and preserves female fertility in mouse. Cell Death Differ. 2017 Jan;24(1):72-82. doi: 10.1038/cdd.2016.97.

http://biomedicinaeprevenzione.uniroma2.it/news/scoperta-una-nuova-funzione-dellormone-luteinizzante-lh

 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery