Via alla banca dati sulle malattie ereditarie della retina

Ansa Comunicato 10 Dic 2018
439 volte

 

 

 Si tratta di un approccio molto promettente in ambito oftalmologico, spiega Cusumano, non a caso circa un anno fa la FDA ha alzato il disco verde per un primo approccio di terapia genica per una malattia del nervo ottico che insorge nell'infanzia, la "amaurosi congenita di Leber". Oltre a questa, in ambito oftalmologico la terapia genica offre enormi potenzialità terapeutiche per le tante patologie ereditarie (familiari) - quali retinite pigmentosa, malattia di Stargardt, sindrome di Usher e molte altre patologie che determinano una grave e progressiva degenerazione della retina, accompagnata dalla perdita graduale della visione già in giovanissima età, e per le quali fino a poco tempo fa non vi era alcuna speranza di cura mentre ora per alcune vi sono già sperimentazioni di terapia genica in fase avanzata. "Per sviluppare appieno le potenzialità della terapia genica in oftalmologia - sostiene Cusumano - sarà dirimente la creazione della banca dati basata su una piattaforma comprendente dati familiari e personali (anamnesi), per esempio dati quali l'acuità visiva, risultati di esami della risposta della retina a stimoli esterni (come l'elettroretinogramma), dati di imaging con vari strumenti quali la tomografia-OCT e naturalmente i risultati dei test genetici.

Tale data base sarà essenziale per poter decidere se un paziente è idoneo a un determinato trattamento (non solo di terapia genica, ma anche tecnologie emergenti quali l'uso delle cellule staminali, e l'impianto di microchip retinici per la visione artificiale) o ad essere arruolato in studi clinici avanzati con tempistiche personalizzate a misura di paziente. "A oggi - conclude Cusumano - non esiste al mondo un database con una piattaforma di analisi multimodale, ma solo diversi "pacchetti" di dati spesso limitati al solo aspetto genetico e non connessi tra loro, per questo motivo la Macula & Genoma Foundation si ripropone di assumere il ruolo di Hub nella raccolta dei dati utili alla creazione di una biobanca che arrivi a essere di portata internazionale, fruibile da pazienti e oftalmologi di tutto il mondo".

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery