Un consorzio internazionale di laboratori di ricerca per combattere la pandemia

Università degli studi di Torino 03 Giu 2020
91 volte



​​​​​​​Oltre 220 centri di ricerca nel mondo, di cui 15 in Italia, impegnati nello sviluppo di attività sperimentali sul Covid-19 utilizzando la spettrometria di massa
Ad Aprile 2020 è nata la “COVID-19 Mass Spectrometry Coalition”, un consorzio internazionale di più di 220 laboratori di spettrometria di massa (MS), ovvero la più potente e diffusa tecnica analitica usata nella ricerca biomedica, la diagnostica e lo sviluppo di farmaci. Questi laboratori, che afferiscono ai maggiori centri di ricerca e Università del mondo, sono coordinati dall’IMaSS, società scientifica indipendente a carattere divulgativo che ha come obiettivo primario la promozione dell'attività di ricerca nel campo della spettrometria di massa.

 Lo scopo della rete è supportare la ricerca sull'attuale pandemia, mettendo in comune risorse, metodi e dati per affrontare anche emergenze future. Alcuni degli ambiti in cui la MS può generare informazioni di vitale importanza sono la composizione strutturale del virus, i biomarcatori di esposizione, il rilevamento di materiale virale direttamente da superfici e molti altri. In Italia è nato il Gruppo italiano COVID19 MS coalition, che vede attualmente impegnati 15 laboratori di diverse Università e Centri di Ricerca, tra cui il Laboratorio di Farmacologia Clinica e Farmacogenetica dell’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino, diretto dal Prof. Antonio D'Avolio del Dipartimento di Scienze Mediche di UniTo, e l'Unità di Spettrometria di Massa dell'Università di Torino, diretta dal Prof. Claudio Medana del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze della Salute.

 Questo team è già operativo e sta scambiando idee e informazioni. Alcuni laboratori stanno già effettuando attività sperimentali sul COVID-19. Il Gruppo è immediatamente disponibile a collaborare con qualunque soggetto istituzionale che volesse interagire con i rispettivi laboratori e Istituti. "Questo Gruppo – dichiara il Prof. Antonio D’Avolio – si è venuto a creare per mettere a disposizione della comunità scientifica strumentazione, come gli spettrometri di massa, e know-how utile per studi di metabolomica, identificazione di marker o simili nell'ambito della malattia da Covid-19. Si tratta di un'opportunità che speriamo possa essere colta dai clinici e dalle istituzioni a cui ci rivolgiamo"

 Ulteriori informazioni, nonché la lista di tutti i laboratori partecipanti, sono disponibili sul sito www.imass.it

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery