I dinosauri "Romeo e Giulietta" In evidenza

Nicola A. Cosanni 04 Apr 2015
6608 volte

Paleontologi dell'Università di Alberta, hanno scoperto delle prove per distinguere il sesso di due dinosauri. La determinazione del sesso nei dinosauri è difficilissima, a causa della mancanza nei fossili delle parti molli, che darebbero una indicazione certa del sesso. Così, le ricerche si stanno concentrando sulle evidenze indirette e sui dettagli che possono essere rilevati sui fossili conservate i e studiati. Alcuni dati possono essere dedotti dagli attuali uccelli (discendenti di alcuni tipi di dinosauri), che mostrano strutture anatomiche differenti fra i due sessi. Tali strutture, tipo la cresta di gallo, le code più sviluppate nei maschi del pavone, e le piume lunghissime dell'uccello del paradiso, lasciano dei segni o strutture differenti sulle ossa fossili dei reperti studiati.

 

Nel 2011, Scott Persons ed alcuni suoi colleghi, pubblicano uno studio sulle piume del dinosauro piumato Oviraptor. Oviraptor è un animale che viveva sul terreno, ma possiede delle grandi e lunghe piume. Se tale dinosauro non poteva volare, a che cosa erano utili tali lunghe piume? La teoria di Persons e colleghi, è che tali piume fossero usate per bellezza ed attrattiva sessuale al pari dei moderni uccelli terrestri non volatori tipo fagiani, pavoni e tacchini. Tale teoria è supportata dal fatto che Persons ha rilevato sugli scheletri di Oviraptor tracce delle muscolature che servivano a muovere tali grandi piume e quindi ad esibirle in danze rituali di accoppiamento.

I ricercatori dell'Università di Alberta compiono un'altro passo nella loro teoria. La validità di una teoria è il suo potere predittivo. Persons dice: "Se abbiamo ragione, le strutture che servono a sostenere tali piume, dovrebbero presentare delle differenze definitedimorfisomo sessuale". Così pubblicarono la teoria che l'analisi delle piume di diversi Oviraptor dovrebbero presentare dimorfismo sessuale.

Le due code, identiche in quasi tutto, differiscono per la presenza di piccole propaggini che lascerebbero pensare a una sorta di coda "a pavone" che si apriva durante i rituali di corteggiamento / Photo University of Alberta

La ricostruzione di Sydney Mohr dell'Università di Alberta / Photo University of Alberta


La predizione diventa realtà con la pubblicazione della nuova ricerca pubblicata su Scientific Reports, dove Persons e colleghi pubblicano la scoperta di dimorfismo sessuale in due esemplari di Oviraptor. I due raptor sono stati scoperti nel deserto del Gobi In Mongolia. I due sono morti, probabilmente, seppelliti da una duna sabbiosa che la completamente ricoperti. Quando sono stati scoperti, gli scienziati, li hanno amichevolmente chiamati "Romeo e Giulietta". Mai tale nome fù più azzeccato.

Analizzando i resti, Persons e colleghi notano che gli scheletri sono della stessa taglia, della stessa età e simili in tutto per l'anatomia. Però su Romeo vengono osservate delle ossa della coda specializzate più grandi e sagomate. Questo indica che Romeo poteva utilizzare e muovere le lunghe piume della coda in misura evidentemente maggiore di Giulietta, che invece possedeva delle ossa della coda poco sviluppate. L'eccezionale reperto fossile, come si può osservare in fotografia, conserva i due scheletri che sembrano abbracciati, rendendo il reperto ancora più spettacolare agli occhi dell'osservatore.

Nicola A. Cosanni

 

Foto per gentile concessione Università di Alberta

http://www.fossilieminerali.it/it/articoli-on-line/paleontologia-ita/131-i-dinosauri-romeo-e-giulietta.html

Ultima modifica il Sabato, 04 Aprile 2015 09:03
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery