Scienzaonline - Ultimi Articoli

Moratoria sul Gene Drive

Moratoria sul Gene Drive

03 Luglio 2020

Commissario per l’ambiente e per l’oceano Virginijus Sinkevičius, Commissario europeo...

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

03 Luglio 2020

Non solo Oceani, dove la plastica è presente nel 70%...

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

03 Luglio 2020

Un nuovo studio internazionale coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare...

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

02 Luglio 2020

Il fascio di luce incidente è convertito in un fascio...

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

02 Luglio 2020

Nanoparticelle di ossido di ferro Un recente studio condotto nell'ambito...

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

02 Luglio 2020

Oggi il WWF Italia ha inviato una diffida formale al...

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

02 Luglio 2020

Quali sono i meccanismi neurali che consentono di sentirci responsabili...

Lunedì, 19 Dicembre 2016



In collaborazione con il gruppo del Dott. Nasi, al CNR di Roma, Il gruppo della Prof.ssa Ciafrè ha chiarito i meccanismi molecolari alla base dell’azione di Omomyc, un polipeptide che interferisce con l’azione della proteina oncogenica Myc, inibendola. Lo studio si è specificamente svolto nel contesto delle cellule staminali cancerose del glioblastoma, un tumore cerebrale ad oggi incurabile, e ha rivelato che Omomyc è in grado di modificare la localizzazione di Myc sul genoma, con la contestuale inibizione delle principali caratteristiche tumorigeniche delle cellule staminali di glioblastoma, da tempo riconosciute come le iniziatrici del processo tumorigenico. I risultati ottenuti hanno aperto un’importante prospettiva sul funzionamento di Myc come fattore “apicale” della tumorigenesi del glioblastoma, e quindi sulle potenzialità terapeutiche offerte dalla sua inibizione tramite Omomyc o approcci analogamente mirati a destabilizzare l’azione di Myc. Questo studio è stato pubblicato sulla rivista EMBO reports (Galardi s., et al., Resetting cancer stem cell regulatory nodes upon MYC inhibition. EMBO Rep. 2016 Dec;17(12):1872-1889).

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery