Ultimi Articoli

Piu' di 33mila bottigliette di plastica finiscono ogni minuto nel Mediterraneo
07 Giugno 2019

C’è un’incapacità diffusa dei Paesi del Mediterraneo di gestire i...

Nuovi materiali intelligenti: un passo verso il cuore artificiale
24 Maggio 2019

Rappresentazione schematica di un cuore artificiale basato su un innovativo...

L'arcano popolo dei Sesi di Pantelleria
24 Maggio 2019

Sembra alquanto strano che non vi sia stato archeologo sino...

L’inquinamento da buste biodegradabili provoca anomalie e ritardi nella crescita delle piante
24 Maggio 2019

Lo studio dell’Università di Pisa pubblicato sulla rivista “Ecological Indicators”...

Nuove acquisizioni sul meccanismo di ereditarietà genetica associato al cromosoma X
24 Maggio 2019

Un nuovo studio internazionale, coordinato dalla Sapienza in collaborazione l’European...

Mercurio in acque minerali italiane sotto la soglia
22 Maggio 2019

Pubblicato sulla rivista Chemosphere uno studio coordinato dall’Istituto per la...

Fondali della Laguna di Venezia: erosione e rifiuti
20 Maggio 2019

Un nuovo studio dell’Istituto di scienze marine del Cnr, uscito...

Ricerca su Nature rivela che per produrre foglie e fiori le piante hanno bisogno di poco ossigeno
17 Maggio 2019

Lo studio internazionale coordinato dai ricercatori dell’Università di Pisa e...

Scienzaonline

 Research leader Gro Bjerga and Antonio García-Moyano. (Photo: Andreas R. Graven)

 

New and better animal feed products from protein-rich residual raw materials are being developed. The industry, however, lacks custom-made enzymes that break down bones efficiently. Researchers from Uni Research, in cooperation with international colleagues, are searching for solutions in the EU project ProBone. Research leader and biotechnologist Gro Bjerga at Uni Research in Bergen, Norway, is project coordinator of ProBone. Together with research colleagues in Germany, Spain and Romania she now intends to find the right enzymes that can do the job - and lay the foundations for new product development.

Creativity and innovation in the hunt for enzymes

So far there has been a lack of good enzymes that can break down hard materials such as bones. However, in the future thousands of tonnes of residual raw materials, that cannot be fully utilized today, can be processed into different types of animal feed with the help of new enzymes. By using enzymes to break down residual raw materials, they can be transformed into smaller peptides, which in turn can be processed into different products. "We must constantly explore the possibilities and be creative and innovative in the search for the best enzymes", Bjerga says. The search for enzymes takes place at the sea floor. This year Bjerga and her colleagues in Uni Research deposited bovine bones down to a 100 meters depth in the fjords outside Bergen. The researchers’ goal was to attract a small marine worm that digests bones. These worms, which are about 1 centimetre long, can only be caught when they settle on carcasses and bone remnants on the seabed and begin eating them.

Pubblicato in Scienceonline

 

Pubblicato uno studio rivoluzionario su Nature Geoscience

Ottenere cibo per 800 milioni di persone in più preservando le attuali modalità di produzione agricola, evitando grandi investimenti in nuove tecnologie e utilizzando circa il 15% di risorse idriche in meno. Un sogno? Sì, ma con delle basi solide che sono state appena pubblicate su Nature Geoscience nello studio “Increased food production and reduced water use through optimized crop distribution” (https://www.nature.com/articles/s41561-017-0004-5 ) a firma di un team composto da Columbia University, Politecnico di Milano e University of California at Berkeley. Nel prossimo futuro, a causa della crescita della popolazione e del miglioramento delle condizioni di vita, ci sarà bisogno di più cibo, fibre ed energia e, di conseguenza, di risorse naturali come terra e acqua. Le soluzioni ad oggi proposte prevedono l’intensificazione o l’estensificazione dell’agricoltura, con il risultante aumento nell’impiego di irrigazione e fertilizzazione nel primo caso e di terra nel secondo.

Pubblicato in Africa

Picture: Violencia filio-maternal (Maternal abuse by children). Author: Louise A

 

Sandra Jiménez Arroyo, researcher at the University of Granada (UGR), explains the necessity of analyzing this kind of violence, which is the fourth most common crime committed by children, taking a gender perspective. Mothers are the main victims of parental abuse by children, so this kind of abuse should be legally considered as violence against women. That is the conclusion of a research paper written by Sandra Jiménez Arroyo as a result of her doctoral thesis, co-directed by UGR professors María José Jiménez Díaz from the Department of Criminal Law and Francisco Javier Garrido Carrillo from the Department of Procedural Law. Moreover, the researcher proposes alternative terms for this phenomenon, such as for example ‘maternal abuse by children’ instead of the accepted ‘parental abuse by children’, which hides the main victim.

Pubblicato in Scienceonline

Medicina

Nuovi materiali intelligenti: un passo verso il cuore artificiale

Nuovi materiali intelligenti: un passo verso il cuore artificiale

24 Maggio 2019

Rappresentazione schematica di un cuore artificiale basato su un innovativo...

Paleontologia

L'arcano popolo dei Sesi di Pantelleria

L'arcano popolo dei Sesi di Pantelleria

24 Maggio 2019

Sembra alquanto strano che non vi sia stato archeologo sino ad oggi che abbia...

Geografia e Storia

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

Nei denti dei mammiferi pleistocenici le tracce del clima del passato: le abitudini alimentari rivelano l’aumento della stagionalità dopo la glaciazione di 900.000 anni fa

09 Aprile 2019

Un team internazionale. coordinato dall'Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e dal Dipartimento...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Piu' di 33mila bottigliette di plastica finiscono ogni minuto nel Mediterraneo

Piu' di 33mila bottigliette di plastica finiscono ogni minuto nel Mediterraneo

07 Giugno 2019

C’è un’incapacità diffusa dei Paesi del Mediterraneo di gestire i propri...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery