Ultimi Articoli

Batterie quantiche superveloci

Batterie quantiche superveloci

17 Gennaio 2022

Ricercatori dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr e del...

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

14 Gennaio 2022

Oggi 14 gennaio entrano in vigore in Italia le nuove...

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

14 Gennaio 2022

Un anticorpo monoclonale può bloccare la fibrosi e proteggere il...

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

14 Gennaio 2022

Lo studio coordinato da Università di Pisa e Scuola Normale...

Cambiamenti climatici, dal triassico nuovi scenari di futuro

12 Gennaio 2022

Team internazionale di ricercatori mette a punto nuovo modello paleoclimatico...

Una rete di pulsar per “ascoltare” il brusio cosmico di fondo delle onde gravitazionali

12 Gennaio 2022

I ricercatori del progetto International Pulsar Timing Array (IPTA), avvalendosi...

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce  solare

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce solare

12 Gennaio 2022

Su Nature Communications lo studio che rivela come il DNA...

  • 1
  • 2
Mercoledì, 15 Febbraio 2017

 

A new technique enables scientists to break down the collective atomic motion in a molecule into elementary components. (Image: KTH Royal Institute of Technology)

 

Every molecule holds a complex landscape of moving atoms – and the ability to single out and examine individual nuclear vibrations may unlock to the secret to predicting and controlling chemical reactions. Now a new method, developed by researchers in Sweden, enables biotech researchers to do just that. The new method offers unprecedented detail in measuring molecular motion and energy – enabling better control and understanding of chemical reactions in the field of biotechnology research. The technique, which was recently published in Nature Communications, uses X-ray scattering to measure the specific movements of atoms in a molecule with extreme energy resolution.

Pubblicato in Scienceonline

 

 

Immagini: (Sinistra) Modello molecolare del farmaco (in grigio) in interazione con alcune strutture della proteina disordinata (in verde e arancio); (Centro) Diminuzione 'in vitro' della proliferazione delle cellule tumorali con l'uso del farmaco, comparata con l’uso di due tipici farmaci chemioterapici, o in assenza di trattamento. (Destra) Diminuzione 'in vivo' della crescita del tumore con l’uso del farmaco (dose di 10 mg/kg), comparata con una dose ridotta o in assenza di trattamento.

Da un farmaco antipsicotico nuove speranze contro il tumore al pancreas Il carcinoma del dotto pancreatico è il più comune tumore che colpisce questa ghiandola. Le sue percentuali di guarigione sono minime, non solo a causa delle difficoltà di una diagnosi precoce, ma anche per l’assenza di un trattamento farmacologico specifico. Nuove speranze giungono da uno studio pubblicato su Scientific Reports dall’Istituto di nanotecnologia del Cnr, sede di Rende (Cs), in collaborazione con un team di ricercatori francesi e spagnoli. Una molecola utilizzata da tempo per curare gli stati d’ansia si è rivelata utile ad interferire nell’attività di una proteina a struttura disordinata, coinvolta nei processi di sviluppo del tumore al pancreas

 

Pubblicato in Medicina
Mercoledì, 15 Febbraio 2017 10:59

Gut feeling essential for migrating fish

 

Jeroen Brijs

 

Why do trout spend so much time in potentially dangerous estuaries before migrating to sea? In a new thesis published at University Gothenburg, Jeroen Brijs reveals that the answer may lie in the gut. Trout migrate to sea to grow as much as possible before returning to the rivers to spawn. But they must undergo a wide range of changes so that they can survive in the salty waters of the sea. By investigating the essential physiological changes necessary for trout to maintain salt and water balance, we can now better understand how a fish prepares for a life at sea.

Pubblicato in Scienceonline

 

Genes in albino orchids may hold clues to parasitic mechanism used by non-photosynthetic plants (fig 2)

 

How do plants give up photosynthesis and become parasites? A research team in Japan are using comprehensive analysis of gene expression in albino and green orchids to investigate the evolution of parasitic plants. The research was carried out by Project Associate Professor SUETSUGU Kenji (Kobe University Graduate School of Science), Associate Professor KAMINAKA Hironori and Research Fellow MIURA Chihiro (Tottori University Faculty of Agriculture), Associate Professor YAMATO Masahide (Chiba University Faculty of Education), and Special Associate Professor SHIGENOBU Shuji (National Institute for Basic Biology).

Pubblicato in Scienceonline

 

Nei 30 Paesi dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo, Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae continuano a mostrare un aumento delle percentuali di resistenza alle cefalosporine di 3a generazione, ai fluorochinoloni e agli aminoglicosidi, con fenomeni spesso combinati tra loro a generare batteri multi-resistenti. Una situazione aggravata dal diffondersi delle resistenze ai carbapenemi (antibiotici di ultima risorsa per trattare infezioni da batteri multi resistenti), soprattutto in K. pneumoniae (nel 2015 la percentuale media dei ceppi resistenti è stata dell’8,1%). Per quanto riguarda i batteri gram-positivi, la Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (Meticillin-resistant Staphylococcus aureus - Mrsa) rappresenta una priorità di salute pubblica nonostante la sua diffusione mostri un trend in diminuzione, passando dal 18,8% del 2012 al 16,8% del 2015. Sono alcuni dei dati del “Antimicrobial resistance surveillance in Europe 2015” (pdf 10 Mb), pubblicato dallo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) a gennaio 2017, che presenta i dati 2015 e il trend 2012-2015. Per maggiori informazioni consulta anche la pagina sulla diffusione delle antiobiotico resistenze in Europa.

 

Pubblicato in Medicina

AIDS Research and Human Retroviruses

A special issue on progress toward a cure for HIV includes a description of a previously unreported study started in the early 2000s that describes AIDS patients currently ages 51-67 in good health. These nine individuals were treated with a unique formula of traditional Chinese herbal medicine (TCM) from 2001-2006 or longer, with or without occasional antiviral therapy added later. The fact that the patients currently have low or undetectable HIV in their systems is unexpected and intriguing, and suggests a potential promise of TCM as a functional cure for HIV/AIDS, as discussed in a Letter to the Editor in the special issue of AIDS Research and Human Retroviruses, a peer-reviewed journal from Mary Ann Liebert, Inc., publishers. The Letter to the Editor is available open access on the AIDS Research and Human Retroviruses website.

Pubblicato in Scienceonline

Medicina

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

14 Gennaio 2022

Un anticorpo monoclonale può bloccare la fibrosi e proteggere il...

Paleontologia

Pubblicata su Nature la scoperta di una neonata di 10.000 anni fa

Pubblicata su Nature la scoperta di una neonata di 10.000 anni fa

15 Dicembre 2021

Pubblicata su Nature la scoperta della prima sepoltura europea di una neonata mesolitica di...

Geografia e Storia

Dalla Laurasia e dal Gondwana, due antichi continenti di 250 milioni di anni fa, l’evoluzione di tutte le piante attuali

Dalla Laurasia e dal Gondwana, due antichi continenti di 250 milioni di anni fa, l’evoluzione di tutte le piante attuali

15 Dicembre 2021

Lo studio coordinato dall’Università di Pisa e pubblicato sulla rivista New Phytologist ha analizzato...

Astronomia e Spazio

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

22 Dicembre 2021

Grazie al telescopio orbitale Chandra della NASA, un gruppo di ricerca...

Scienze Naturali e Ambiente

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

14 Gennaio 2022

Oggi 14 gennaio entrano in vigore in Italia le nuove regole...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery