Ultimi Articoli

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

28 Gennaio 2022

È possibile scoprirne la bellezza in decine di Oasi WWF...

Sardegna, rifiuti agricoli da problema a risorsa: al via il progetto pilota Polieco

Sardegna, rifiuti agricoli da problema a risorsa: al via il progetto pilota Polieco

28 Gennaio 2022

Rifiuti plastici non pericolosi provenienti dal comparto agricolo inviati alla...

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

27 Gennaio 2022

L’analisi di una specifica sottopopolazione di cellule del sistema immunitario...

Greenpeace: con Bolsonaro la deforestazione dell’ Amazzonia in Brasile è aumentata del 75%

Greenpeace: con Bolsonaro la deforestazione dell’ Amazzonia in Brasile è aumentata del 75%

27 Gennaio 2022

Da quando Jair Bolsonaro è diventato Presidente del Brasile, nel...

Ancient ice reveals mysterious solar storm

Ancient ice reveals mysterious solar storm

27 Gennaio 2022

Through analyzes of ice cores from Greenland and Antarctica, a...

COVID-19 will continue but the end of the pandemic is near

COVID-19 will continue but the end of the pandemic is near

26 Gennaio 2022

The world is experiencing a huge wave of infection with...

Southern Ocean storms cause outgassing of carbon dioxide

26 Gennaio 2022

Storms over the waters around Antarctica drive an outgassing of...

Pandemia a New York: come cambiano le abitudini

Pandemia a New York: come cambiano le abitudini

26 Gennaio 2022

Uno studio condotto da ricercatori della Fondazione Bruno Kessler e...

  • 1
  • 2
Mercoledì, 12 Gennaio 2022

Team internazionale di ricercatori mette a punto nuovo modello paleoclimatico che evidenzia il ruolo dell’attività vulcanica nell’estinzione di massa di 201 milioni di anni fa.
Siamo sicuri che le emissioni di gas serra prodotte dall’Uomo non abbiano alcun analogo naturale nel passato geologico del nostro pianeta?
Rocce di 201 milioni di anni, formatesi durante un’attività magmatica eccezionale e sincrona con una delle più devastanti estinzioni di massa, rivelano evidenze di vulcanismo di breve durata, nell’ordine di pochi secoli…un battito di ciglia per la scala geologica! Lo studio Anthropogenic-scale CO2 degassing from the Central Atlantic Magmatic Province as a driver of the end-Triassic mass extinction, pubblicato nel numero di febbraio della rivista «Global and Planetary Change» e condotto da un gruppo di ricerca internazionale, guidato da Manfredo Capriolo (Università di Padova, ora presso il centro di ricerca CEED, Università di Oslo, Norvegia), ha messo a punto un nuovo modello paleoclimatico che mostra il potenziale impatto delle emissioni di CO2 a scala antropogenica derivanti dall’attività vulcanica eccezionale che ha sconvolto il clima e l’ambiente di fine Triassico, scatenando un catastrofico evento di estinzione di massa.

Pubblicato in Ambiente

I ricercatori del progetto International Pulsar Timing Array (IPTA), avvalendosi dei lavori e delle competenze di diverse collaborazioni di astrofisici di tutto il mondo – inclusi membri dell’Università di Milano-Bicocca e dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) – hanno recentemente completato l’analisi del più completo archivio oggi disponibile di dati sui tempi di arrivo degli impulsi di 65 pulsar, ciò che resta di stelle di grande massa esplose come supernove. Questa accurata indagine sperimentale rafforza le indicazioni teoriche che suggerirebbero la presenza di un vero e proprio “brusio” cosmico, prodotto da onde gravitazionali di frequenze ultra basse (da miliardesimi a milionesimi di Hertz) emesse da una moltitudine di coppie di buchi neri super-massicci.

Pubblicato in Tecnologia

 

Su Nature Communications lo studio che rivela come il DNA disperde l'energia della luce UV: mimportanti le conseguenze nelle nanotecnologie e in farmacologia. La ricerca condotta dall’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr, Politecnico di Milano, Università di Bologna, Università della Tuscia e Heinrich Heine Universität Düsseldorf.

Un nuovo studio pubblicato dalla prestigiosa rivista Nature Communications spiega come il DNA si protegge dalle mutazioni causate dalla luce ultravioletta attraverso i suoi elementi costitutivi, i nucleosidi. I risultati, ottenuti sfruttando impulsi di luce di durata estremamente breve, potranno avere importanti applicazioni nelle nanotecnologie e in farmacologia, come la lotta al tumore della pelle.
Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifn), del Politecnico di Milano, dell’Università di Bologna, dell’Università della Tuscia e dell’Heinrich Heine Universität Düsseldorf. Il laser, infatti, permette di generare impulsi di luce incredibilmente brevi, con una durata di pochi milionesimi di miliardesimo di un secondo, e osservare fenomeni rapidissimi, come i processi fondamentali che avvengono quando la luce interagisce con gli organismi viventi, fra cui la visione o la fotosintesi.
Il DNA, la molecola che codifica le informazioni necessarie per la costruzione delle proteine, assorbe efficientemente la componente UV della luce solare, una proprietà comune a moltissime biomolecole.

Pubblicato in Tecnologia

Medicina

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

27 Gennaio 2022

L’analisi di una specifica sottopopolazione di cellule del sistema immunitario...

Paleontologia

Geografia e Storia

Vesuvio: eruzioni minori più probabili di un episodio distruttivo come quello di Pompei

Vesuvio: eruzioni minori più probabili di un episodio distruttivo come quello di Pompei

26 Gennaio 2022

Dallo studio della composizione e delle età di cristallizzazione dei granati magmatici delle quattro...

Astronomia e Spazio

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

22 Dicembre 2021

Grazie al telescopio orbitale Chandra della NASA, un gruppo di ricerca...

Scienze Naturali e Ambiente

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

28 Gennaio 2022

È possibile scoprirne la bellezza in decine di Oasi WWF in...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery