Osteoporosi: nuova tecnologia unica al mondo per studiare la struttura dell'osso

Università degli studi di Trieste 14 Ott 2021
59 volte

Nasce nel Dipartimento di ingegneria e architettura dell’Università di Trieste il progetto per identificare le persone a rischio frattura a causa della fragilità ossea (osteoporosi) e su cui si fonda il BES TEST®, Bone Elastic Structure Test: un nuovo test basato sui raggi X, veloce e accurato.

Si tratta di un esame diagnostico con un approccio assolutamente innovativo ed unico al mondo che misura la qualità della struttura interna dell’osso, un metodo completamente diverso da quello della densitometria (MOC) che invece consiste in una valutazione radiografica di quanto calcio contenga lo scheletro.

Il BES TEST® si basa su un software analogo a quelli che gli ingegneri utilizzano per testare la resistenza di parti in acciaio e, nello specifico, sulla simulazione dell’applicazione di forze su quella che può essere considerata una biopsia virtuale dell’architettura ossea del paziente, ottenuta da immagini radiografiche. Il sistema analizza la radiografia che viene eseguita alla mano tramite un comodo dispositivo portatile e determina così lo stato dell’architettura dell’osso. L’osteoporosi infatti causa non solo una riduzione della densità, ma anche un'alterazione delle “intelaiature” interne che reggono i carichi a cui le sottoponiamo: è il danno a queste strutture che spiega molte fratture.

“In un materiale così articolato – ha spiegato Francesca Cosmi, professoressa di Ingegneria presso l’Università degli Studi di Trieste e ideatrice del progetto - il calo della massa ossea non basta da solo a spiegare tutte le fratture osteoporotiche. Da questa premessa è nato in me il desiderio di approfondire il problema della valutazione del rischio, studiando come la complessa struttura trabecolare influenzi la distribuzione delle forze all’interno dell’osso, in modo da migliorare la conoscenza della situazione specifica del paziente."

Dal 2015 ad oggi oltre 7000 pazienti si sono sottoposti al BES TEST®: è una metodologia utilizzabile da qualunque medico e impiega una dose bassissima di raggi X, con costi e rischi inferiori. Questo esame si può considerare complementare agli strumenti in uso per la diagnosi dell’osteoporosi, poiché identifica anche le persone con precedenti fratture atraumatiche - questo rischio di frattura interessa il 50% della popolazione - che con l’esame di routine (MOC) non vengono valutate a rischio. Inoltre è un test utile anche per il monitoraggio di una strategia terapeutica, in quanto permette al medico di studiare eventuali modifiche in corso d'opera ed in tempi brevi, anche pochi mesi.

Francesca Cosmi è una scienziata che studia la struttura delle ossa. Nata nel 1960 a Udine, è professoressa di Ingegneria presso l’Università degli Studi di Trieste, inventrice del BES TEST® e co-fondatrice di M2TEST, la startup medicale volta a far conoscere e diffondere il servizio di analisi BES TEST®.

Laureata in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano, dove ha conseguito anche il dottorato, ha svolto attività di ricerca presso il centro NASA di Pasadena (California); l’Università di Berkeley, il MITI Tsukuba (Giappone) e l’UFRJ (Brasile). È autore di brevetti statunitensi e italiani e di oltre 150 pubblicazioni scientifiche. Il progetto da cui è nato il BES TEST® ha vinto diversi premi.

Dal gennaio 2019 a 2021 Francesca Cosmi è stata Senior Visiting Scientist presso il CRO National Cancer Institute di Aviano (PN), allo scopo di approfondire le opportunità offerte da BES TEST® nell’identificazione e monitoraggio delle osteoporosi secondarie, ad esempio dovute alle terapie con blocco ormonale.



Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery