Questi occhi hanno visto In evidenza

Fabrizio Giangrande 21 Feb 2012
12436 volte

"E' un miracolo che un'immagine di una frazione di secondo rubata alla banalità del difficile vivere quotidiano, possa travalicare i confini della resistenza che opponiamo al dolore, delle distanze che usiamo frapporre tra noi e gli ultimi". Questa frase di Maurizio Piazza sintetizza l'essenza della mostra fotografica da lui presentata l'8 luglio presso la Casa della Memoria e della Storia di Trastevere a Roma, dal titolo "Questi occhi hanno visto. Il diario di un medico volontario".
L'esposizione fotografica curata da Giulia Turano, è stata promossa dall'Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura nell'ambito della 34esima edizione dell'Estate Romana.

 

L'autore degli scatti, Maurizio Piazza, è uno specialista ortopedico traumatologo, che da diversi anni effettua missioni al servizio della ONG "Medici con l'Africa Cuamm", operando soprattutto in Etiopia presso il Reparto di Ortopedia dell'Ospedale San Luca di Wolisso.
"Medici con l'Africa Cuamm", nata nel 1950 con lo scopo di formare medici per i Paesi in via di sviluppo, è la prima organizzazione non governativa in campo sanitario riconosciuta in Italia. L'ONG, oggi presente con 37 progetti tra Angola, Kenya, Mozambico, Tanzania, Uganda e Sudan, opera per il rispetto del diritto umano fondamentale alla salute, per rendere l'accesso ai servizi sanitari disponibile a tutti, come ha ribadito nel proprio Documento Politico del 2000 nel quale si legge che: "...convinti che la salute non sia un bene di consumo, ma un diritto umano e, come tale, non può essere venduta o comprata. Se la salute è un diritto, l'accesso ai servizi sanitari non può essere un privilegio". Da tali presupposti ne consegue che tra i temi principali della mostra fotografica, composta da stampe in bianco e nero, vi è l'accesso ai servizi sanitari. Ancora oggi, infatti, nel terzo millennio, la malattia in molti contesti dell'Africa sub-Sahariana, è una questione di distanza dagli ospedali. Spesso l'eccessiva distanza dai servizi ambulatoriali non permette di curare le patologie  più comuni e, se diagnosticate a tempo debito, più innoque.
I soggetti che vengono immortalati dagli scatti di Maurizio Piazza sono differenti. Dai bambini che attendono il loro turno per essere visitati, alle suore che prestano cure ai malati, dalle umili sale operatorie degli ospedali africani alle crude e raccapriccianti immagini delle mutilazioni.
Dalla visione dell'esposizione si viene colpiti soprattutto da due elementi.
Il primo sono gli occhi dei bambini. Neri, enormi e speranzosi, che davvero non possono non suscitare emozione ed indignazione. La seconda è che in Africa il livello di sopportazione del dolore è assai superiore a quello normalmente diffuso nel mondo occidentale. Un livello di sopportazione del dolore che è maturato dalle schiavitù passate e moderne, dalla sete e dalla fame di giustizia, dalla guerra e dalla violenza. Un livello di sopportazione del dolore maggiore, difronte al quale ogni cosa: la vita, la morte, il sole e la luna, la solitudine e l'incontro, acquisisce un valore ed un significato differente.

 


Fabrizio Giangrande

Ultima modifica il Martedì, 06 Marzo 2012 14:06
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery