Ultimi Articoli

Human cells can change job to fight diabetes
15 Febbraio 2019

For the first time, researchers have shown that ordinary human...

L’ORIGINE DEI SICULI
15 Febbraio 2019

(Clamorose scoperte sull’età del bronzo siciliano: quasi tutti gli abitanti...

Malattie neurodegenerative: svelato il ruolo degli RNA negli aggregati tossici di proteine
15 Febbraio 2019

Il risultato, pubblicato sulla rivista Cell Reports, rivela che specifici...

La "danza nuziale" di cavallucci marini è in pericolo
13 Febbraio 2019

Prima dell’accoppiamento sembra si corteggino per giorni e che al...

Scoperta nell’isola di Stromboli l’origine di tre grandi tsunami di epoca medievale
13 Febbraio 2019

La ricerca condotta da vulcanologi e archeologi delle Università di...

Il rischio obesità si individua già a dieci anni: sono i bambini con un metabolismo “risparmiatore”
08 Febbraio 2019

Lo studio dell’Università di Pisa e del National Institute of...

L’essere vivente più grande al mondo
08 Febbraio 2019

L’essere vivente più grande della Terra si trova in Oregon,...

La microplastica nel sale da cucina, Greenpeace: “Più del 90 per cento dei campioni contaminato”
06 Febbraio 2019

Ben 36 dei 39 campioni di sale da cucina analizzati,...

  • 1
Scienzaonline

 


L’Università di Pisa partner della ricerca pubblicata su Nature Communications e basata sulle analogie fra l’ultimo periodo interglaciale e la situazione attuale


Più arido e con minori precipitazioni, potrà essere così il clima del Mediterraneo nei prossimi cento anni secondo quanto emerge da uno studio internazionale pubblicato su Nature Communications e al quale hanno partecipato come unici italiani Eleonora Regattieri e Giovanni Zanchetta del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa. La ricerca, che complessivamente ha coinvolto 12 istituzioni fra cui l’University College di Londra come capofila, si basa sull’idea che l’analisi del clima passato, in questo caso l’ultimo periodo interglaciale (129-116 mila anni fa), possa fornire fondamentali indicazioni per capire le tendenze attuali e future.
“Lo studio dell'ultimo periodo interglaciale è particolarmente rilevante perché è stato caratterizzato da un intenso riscaldamento artico, con temperature più alte di alcuni gradi rispetto a quelle attuali e quindi paragonabili agli scenari di riscaldamento previsti per la fine di questo secolo”, spiega Giovanni Zanchetta.

Pubblicato in Ambiente

Medicina

Malattie neurodegenerative: svelato il ruolo degli RNA negli aggregati tossici di proteine

Malattie neurodegenerative: svelato il ruolo degli RNA negli aggregati tossici di proteine

15 Febbraio 2019

Il risultato, pubblicato sulla rivista Cell Reports, rivela che specifici...

Paleontologia

L’ORIGINE DEI SICULI

L’ORIGINE DEI SICULI

15 Febbraio 2019

(Clamorose scoperte sull’età del bronzo siciliano: quasi tutti gli abitanti della Sicilia di quel...

Geografia e Storia

Scoperta nell’isola di Stromboli l’origine di tre grandi tsunami di epoca medievale

Scoperta nell’isola di Stromboli l’origine di tre grandi tsunami di epoca medievale

13 Febbraio 2019

La ricerca condotta da vulcanologi e archeologi delle Università di Pisa e Modena-Reggio Emilia...

Astronomia e Spazio

Scienze Naturali e Ambiente

La "danza nuziale" di cavallucci marini è in pericolo

La "danza nuziale" di cavallucci marini è in pericolo

13 Febbraio 2019

Prima dell’accoppiamento sembra si corteggino per giorni e che al risveglio...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery