Scienzaonline - Ultimi Articoli

Il fallimento di molte aziende nel passaggio all'olio di palma sostenibile

Il fallimento di molte aziende nel passaggio all'olio di palma sostenibile

17 Gennaio 2020

Alla vigilia del World Economic Forum di Davos, l’incontro annuale...

Infarto del miocardio: un batterio intestinale ne favorisce l’insorgenza

Infarto del miocardio: un batterio intestinale ne favorisce l’insorgenza

13 Gennaio 2020

Un nuovo studio tutto italiano ha dimostrato per la prima...

Vita, difesa e rigenerazione nelle ascidie

Vita, difesa e rigenerazione nelle ascidie

10 Gennaio 2020

Le ascidie sono una classe piena di sorprese da scoprire....

Tra 25-30 anni il ghiacciaio della Marmolada non ci sarà più

Tra 25-30 anni il ghiacciaio della Marmolada non ci sarà più

08 Gennaio 2020

Dal 2004 al 2015 ha subito una riduzione di volume...

Oltre un miliardo di animali uccisi dalle fiamme in Australia

Oltre un miliardo di animali uccisi dalle fiamme in Australia

07 Gennaio 2020

Arriva un nuovo terribile aggiornamento dalla situazione incendi in Australia....

Aterosclerosi, scoperta la molecola in grado di frenare la malattia

Aterosclerosi, scoperta la molecola in grado di frenare la malattia

27 Novembre 2019

Individuati possibili futuri farmaci in grado di bloccare lo sviluppo...

La grave crisi dei Koala

La grave crisi dei Koala

27 Novembre 2019

Se non verranno fermati la distruzione delle foreste e il...

Una lente per cellulare più potente di un microscopio

Una lente per cellulare più potente di un microscopio

27 Novembre 2019

È stata progettata nei laboratori del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione...

Giovedì, 05 Gennaio 2017

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca ha scoperto che il rischio rappresentato dai contaminanti organici persistenti (POP) è mille volte superiore alla soglia di sicurezza per i cuccioli di orso polare che si nutrono di latte contaminato. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Environmental Toxicology and Chemistry” della casa editrice statunitense Wiley.

 

Milano, 5 gennaio 2017 – Gli inquinanti minacciano la salute dei cuccioli dell’orso polare. Nell’ecosistema artico il rischio è quasi inesistente per i pesci, relativamente basso per le foche, molto elevato per gli orsi polari e drammatico per i loro cuccioli. Dato che alcune di queste sostanze inquinanti si accumulano nei grassi e il latte di mamma orsa è particolarmente grasso, il rischio per i cuccioli è di tre ordini di grandezza superiore alla soglia di sicurezza: in altre parole, almeno 1.000 volte di più.

Pubblicato in Scienze Naturali

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery