Ultimi Articoli

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori
17 Febbraio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare della...

L’olio fa bene al cervello, soprattutto negli anziani
17 Febbraio 2020

Identificato il ruolo anti-invecchiamento neurale in vivo di un componente...

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo
12 Febbraio 2020

Immagini: Foto 1: Nel DNA, qui rappresentato dalla sequenza delle...

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane
10 Febbraio 2020

Didascalia foto: a sinistra la mela Rotella, a destra la...

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie
08 Febbraio 2020

Secondo gli scienziati cinesi della South China Agricultural University, a...

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole
07 Febbraio 2020

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and...

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize
07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi...

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto
06 Febbraio 2020

I grafici mostrano il cambiamento della diffrazione di neutroni, via...

Venerdì, 26 Ottobre 2018
 

Nella regione mediterranea i cambiamenti climatici stanno esacerbando gli altri problemi ambientali, legati a cambiamenti dell’uso del suolo, inquinamento e perdita di biodiversità: scarsità di risorse idriche e alimentari, deterioramento degli ecosistemi, problemi sanitari e sociali potrebbero aumentare sistematicamente nei prossimi decenni. Lo sostiene uno studio recentemente pubblicato su “Nature Climate Change” e condotto da scienziati di nove paesi, al quale ha partecipato il professor Piero Lionello, ordinario di Oceanografia e Fisica dell’Atmosfera presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologia Biologiche e Ambientali dell’Università del Salento.

«Le temperature medie annuali nel bacino del Mediterraneo sono ora circa 1,4°C al di sopra del livello preindustriale, 0,4°C in più rispetto alla scala globale», sottolinea Lionello, «Negli ultimi 20 anni, il livello del mare è aumentato di 6 cm e l’acidità dell’acqua di mare è aumentata in modo significativo. Anche se il futuro riscaldamento globale fosse limitato a 2°C, è probabile che in alcune aree del Mediterraneo le precipitazioni diminuiscano del 10-30%. Ciò implica una scarsità di risorse idriche e rischi per la produttività agricola.

Pubblicato in Ambiente

 

 

Questo fine settimana si apre il Munich Show (Mineralientage Munich) è l'evento più atteso ed la più grande fiera europea di minerali, fossili, pietre preziose e gioielli con oltre 1.250 espositori e circa 40.000 visitatori. Ogni anno alla fine di ottobre, scienziati, collezionisti e commercianti di tutto il mondo si incontrano a Monaco per scambiare, ammirare e acquisire tesori naturali unici.

Una delegazione di Paleofox.com ovviamente sarà presente e cercherà di fotografare e osservare i reperti unici presenti in fiera. Ma vediamo quali anticipazioni l'ufficio stampa di Monaco ha rilasciato questo anno.

Il 26 ottobre 2018 si apre la “Mineralientage Munich” nell'area espositiva e fieristica di Riem di Monaco.  https://goo.gl/maps/brC9HsxdSMp

I visitatori potranno osservare una varietà di tesori unici della nostra terra e la più grande selezione di minerali, fossili e pietre preziose in Europa provenienti da tutto il mondo. Le mostre speciali del 2018 saranno: "Living Unique" mostra che sottolinea il fascino di fossili, minerali, gemme di milioni di anni fa che possono diventare gioielli inseriti nel design della casa. Opere d'arte, mobili e oggetti di uso quotidiano in questa mostra diventano non sono solo unici, ma anche misteriosi, mistici e nobili allo stesso tempo. I gioielli originali del re Ludwig II e dell'imperatrice "Sisi" (conosciuta in generale come “Sissi” ma questo è un errore comune per noi latini) provenienti da musei e collezioni private non sono l'unico punto forte della mostra speciale "The Treasures of Wittelsbacher ". In occasione dell'anno giubilare in Baviera la mostra si occupa dei gioielli e dei tesori della casa regnante bavarese.

Pubblicato in Paleontologia

 

Non solo epatite C. La salute del fegato e' minacciata anche dal grasso, quello che si annida a livello della pancia e che si va a depositare proprio all'interno di questo organo vitale. Una nuova sfida per la salute del fegato, legata all'incremento dell'obesita', che si somma a quella non ancora del tutto risolta rappresentata dall'epatite C.

Il cosiddetto 'fegato grasso', infatti, e' la porta d'ingresso per lo sviluppo della steatoepatite non alcolica (NASH), malattia grave che puo' danneggiare irrimediabilmente il fegato.

Delle nuove sfide e di come affrontarle hanno parlato medici, associazioni pazienti e istituzioni riuniti al convegno 'Dopo l'HCV, le nuove emergenze per la salute del fegato', promosso da Gilead Sciences, che si e' svolto a Roma. Perche' per agire in maniera efficace contro le malattie epatiche e' necessario l'impegno congiunto di tutti e la capacita' di garantire l'accesso alle cure anche alle popolazioni che ne sono ancora escluse.

NASH, LA NUOVA SFIDA - In Italia piu' di un terzo della popolazione adulta (35,3%) e' in sovrappeso, mentre una persona su dieci e' obesa (9,8%). Risultato: complessivamente, il 45,1% dei soggetti sopra i 18 anni pesa troppo. A questo fenomeno si lega l'aumento della steatosi epatica (NAFLD), l'accumulo di grasso nel fegato o 'fegato grasso', che viene calcolato colpisca il 25-30% della popolazione. "Data la crescente percentuale di persone obese in Italia, tra cui anche bambini, anche la prevalenza della NAFLD sta crescendo e, dal punto di vista delle patologie del fegato, rappresenta ora e soprattutto in futuro una nuova sfida da vincere", lo ha detto Salvatore Petta, segretario dell'Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF). L'accumulo di grasso, infatti, puo' progredire provocando l'infiammazione del fegato, la steatoepatite non alcolica (NASH), detta cosi' perche' non associata al consumo di alcol. Una condizione che colpisce il 2-3% della popolazione e che a sua volta porta allo sviluppo di fibrosi, cirrosi e infine epatocarcinoma.

Pubblicato in Medicina

Medicina

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori

17 Febbraio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare della...

Paleontologia

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi condotte presso il Laboratorio...

Geografia e Storia

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

18 Novembre 2019

È stato misurato l’attimo esatto in cui scompare il permafrost in una grotta delle...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

31 Gennaio 2020

Per la prima volta uno studio realizzato dalla Sapienza in collaborazione...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery