Scienzaonline - Ultimi Articoli

Moratoria sul Gene Drive

Moratoria sul Gene Drive

03 Luglio 2020

Commissario per l’ambiente e per l’oceano Virginijus Sinkevičius, Commissario europeo...

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

03 Luglio 2020

Non solo Oceani, dove la plastica è presente nel 70%...

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

03 Luglio 2020

Un nuovo studio internazionale coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare...

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

02 Luglio 2020

Il fascio di luce incidente è convertito in un fascio...

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

02 Luglio 2020

Nanoparticelle di ossido di ferro Un recente studio condotto nell'ambito...

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

02 Luglio 2020

Oggi il WWF Italia ha inviato una diffida formale al...

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

02 Luglio 2020

Quali sono i meccanismi neurali che consentono di sentirci responsabili...

Mercoledì, 06 Novembre 2013

L’asteroide Vesta non è solo uno dei corpi più antichi del nostro Sistema solare, ma ci sta rivelando che la sua storia evolutiva è molto più complessa di quanto si ritenesse finora. L’ultimo studio sul corpo celeste appena pubblicato sulla rivista Nature,  realizzato grazie ai dati raccolti dallo spettrometro italiano VIR (Visual and InfraRed spectrometer) a bordo della sonda Dawn della NASA  indica infatti che l’olivina, un minerale presente nelle regioni più interne dei pianeti rocciosi come la Terra, risulta quasi del tutto assente nei grandi bacini meridionali di Vesta, che si pensa si siano formati a seguito di impatti con altri corpi celesti e che avrebbero asportato gli strati più esterni della crosta ed esposto il suo mantello. L’olivina è stata invece osservata,  sorprendentemente, in grande abbondanza in una  regione lontana dai bacini sud, nell’emisfero nord.

 

Pubblicato in Cosmologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery