Scienzaonline - Ultimi Articoli

Moratoria sul Gene Drive

Moratoria sul Gene Drive

03 Luglio 2020

Commissario per l’ambiente e per l’oceano Virginijus Sinkevičius, Commissario europeo...

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

La plastica è ovunque, anche in rocce, pioggia e neve

03 Luglio 2020

Non solo Oceani, dove la plastica è presente nel 70%...

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

Mutazioni nei geni BRCA e tumori: un rischio anche per gli uomini

03 Luglio 2020

Un nuovo studio internazionale coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare...

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

Misurato per la prima volta l'effetto Hall anomalo della luce

02 Luglio 2020

Il fascio di luce incidente è convertito in un fascio...

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

Nanoparticelle di maggiore qualità verso più efficaci diagnosi e trattamenti dei tumori

02 Luglio 2020

Nanoparticelle di ossido di ferro Un recente studio condotto nell'ambito...

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

Per l'orso del monte Peller diffida del WWF alla Provincia di Trento

02 Luglio 2020

Oggi il WWF Italia ha inviato una diffida formale al...

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

Uno studio svela le basi neurali del senso di responsabilità

02 Luglio 2020

Quali sono i meccanismi neurali che consentono di sentirci responsabili...

Il programma scientifico della missione FUTURA di Samantha Cristoforetti è ricco di esperimenti che avranno un ritorno positivo per l'Italia e l'Europa, in termini di conoscenza e di innovazione tecnologica. Tra i nove progetti selezionati e sviluppati dall’Agenzia Spaziale Italiana per @AstroSamantha, uno ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza sui meccanismi fisiologici del sonno in microgravità. Proposto dalla Fondazione Don Gnocchi e svolto in collaborazione con l'Istituto Auxologico Italiano, si chiama Wearable Monitoring: proprio nelle scorse settimane l’astronauta ha svolto con successo le prime tre registrazioni notturne previste dal progetto.
In microgravità la qualità del sonno è ridotta e questo può portare ad una diminuzione dell’attenzione e della vigilanza durante la veglia. Tuttavia, precedenti studi indicano che la struttura del sonno e dell’elettroencefalogramma sono normali. L’ipotesi da cui parte l’esperimento è che la ridotta qualità del sonno può dipendere da micro-risvegli autonomici sottocorticali.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery