Ultimi Articoli

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

28 Gennaio 2022

È possibile scoprirne la bellezza in decine di Oasi WWF...

Sardegna, rifiuti agricoli da problema a risorsa: al via il progetto pilota Polieco

Sardegna, rifiuti agricoli da problema a risorsa: al via il progetto pilota Polieco

28 Gennaio 2022

Rifiuti plastici non pericolosi provenienti dal comparto agricolo inviati alla...

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

27 Gennaio 2022

L’analisi di una specifica sottopopolazione di cellule del sistema immunitario...

Greenpeace: con Bolsonaro la deforestazione dell’ Amazzonia in Brasile è aumentata del 75%

Greenpeace: con Bolsonaro la deforestazione dell’ Amazzonia in Brasile è aumentata del 75%

27 Gennaio 2022

Da quando Jair Bolsonaro è diventato Presidente del Brasile, nel...

Ancient ice reveals mysterious solar storm

Ancient ice reveals mysterious solar storm

27 Gennaio 2022

Through analyzes of ice cores from Greenland and Antarctica, a...

COVID-19 will continue but the end of the pandemic is near

COVID-19 will continue but the end of the pandemic is near

26 Gennaio 2022

The world is experiencing a huge wave of infection with...

Southern Ocean storms cause outgassing of carbon dioxide

26 Gennaio 2022

Storms over the waters around Antarctica drive an outgassing of...

Pandemia a New York: come cambiano le abitudini

Pandemia a New York: come cambiano le abitudini

26 Gennaio 2022

Uno studio condotto da ricercatori della Fondazione Bruno Kessler e...

  • 1
  • 2
Venerdì, 07 Gennaio 2022

 

Lo studio di un’onda di tempesta alta 28 m sulle coste europee a cui ha partecipato l’Istituto di scienze marine del Cnr di Venezia, pubblicato su Scientific Reports, dimostra come possano generarsi onde alte fino a 2 o 3 volte l’altezza significativa. Un’informazione cruciale per i naviganti e le piattaforme petrolifere. La pericolosità di questi eventi concerne le onde oceaniche, ma anche quelle ‘nostrane’


Per i naviganti, ed in tempi più recenti per le piattaforme petrolifere, la domanda chiave è “quanto alte possono essere le onde di tempesta?”. Negli anni, l’esperienza diretta e le sempre più numerose misure, sia da satellite che da boe oceanografiche, hanno spinto i valori possibili delle altezze d’onda sempre più in alto. Durante la tempesta del gennaio 2014 nel Nord Atlantico si è stimato (dati del modello del Centro Meteorologico Europeo per le Previsioni a Medio Termine, ECMWF, a Reading, Regno Unito) che l’“altezza significativa”, cioè la misura dell’energia della mareggiata, abbia sfiorato i 20 metri. Questo significa però che si sono verificate certamente singole onde superiori a 35 m. L’analisi seguita all’evento, a cui hanno partecipato Alvise Benetazzo e Luigi Cavaleri dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar) di Venezia, pubblicata su Scientific Reports col titolo “Observation of a giant wave-packet on the surface of the ocean”, ha dimostrato che è possibile prevedere in anticipo questi “eventi anomali”, ma solo in senso probabilistico.

Pubblicato in Ambiente

Medicina

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

Biomarcatori definiscono la fitness immunologica necessaria per la risposta clinica all’immunoterapia dei pazienti oncologici

27 Gennaio 2022

L’analisi di una specifica sottopopolazione di cellule del sistema immunitario...

Paleontologia

Geografia e Storia

Vesuvio: eruzioni minori più probabili di un episodio distruttivo come quello di Pompei

Vesuvio: eruzioni minori più probabili di un episodio distruttivo come quello di Pompei

26 Gennaio 2022

Dallo studio della composizione e delle età di cristallizzazione dei granati magmatici delle quattro...

Astronomia e Spazio

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

22 Dicembre 2021

Grazie al telescopio orbitale Chandra della NASA, un gruppo di ricerca...

Scienze Naturali e Ambiente

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

IL 2 FEBBRAIO È LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE

28 Gennaio 2022

È possibile scoprirne la bellezza in decine di Oasi WWF in...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery