Teoria dei giochi ed economia: quando gli attori sono piu' prudenti, il sistema economico diventa piu' imprevedibile In evidenza

Bocconi University 05 Apr 2017
1302 volte

Pierpaolo Battigalli

 

In una nota su Econometrica Battigalli, Cerreia-Vioglio, Maccheroni e Marinacci dimostrano che l'avversione all'incertezza, in una situazione di interazione strategica tra attori, ha l'effetto controintuitivo di rendere gli esiti più difficili da prevedere . In A Note on Comparative Ambiguity Aversion and Justifiability (in Econometrica, Vol 84, Issue 5, 1903-1916, DOI: 10.3982/ECTA14429), Pierpaolo Battigalli, Simone Cerreia-Vioglio, Fabio Maccheroni e Massimo Marinacci del Dipartimento di Scienze delle decisioni della Bocconi tornano ad analizzare gli effetti dell’avversione all’incertezza sui processi decisionali, come avevano già fatto di recente in un articolo sull’American Economic Review.

 

In termini tecnici, si affronta un rischio in una situazione simile alla roulette, in cui è nota la distribuzione probabilistica di un evento (nella roulette, appunto, ogni numero da 0 a 36 ha una probabilità di uscire su 37), mentre si affronta incertezza in situazioni simili alle scommesse sui cavalli, in cui un giocatore non può calcolare con certezza la distribuzione probabilistica. Nell’articolo sull’American Economic Review gli autori avevano combinato il concetto di self-confirming equilibrium sviluppato da Battigalli, Fudenberg (Harvard University), e Levine (Istituto Universitario Europeo) – un equilibrio che gli attori raggiungono facendo tesoro dell’esperienza e non attraverso aspettative razionali - e la misurabilità dell’avversione all’incertezza resa possibile dagli studi di Marinacci per concludere che una maggiore avversione all’incertezza comporta un insieme più ampio di possibili equilibri. Nella nota su Econometrica considerano, invece, una situazione di teoria dei giochi, in cui gli attori interagiscono in modo strategico (ragionando, cioè, sulle possibili decisioni degli altri attori, data la conoscenza che si ha di questi ultimi). Ogni attore ha un insieme di azioni giustificabili (giustificabili, cioè, alla luce delle proprie opinioni soggettive e della conoscenza che si ha degli altri attori) e l’analisi dimostra che, al crescere dell’avversione all’incertezza, l’insieme delle azioni giustificabili diventa più grande. “Dal punto di vista di un osservatore esterno”, specifica Battigalli, “ciò significa che, al crescere dell’avversione all’incertezza, aumenta l’imprevedibilità del sistema”.

 

L’analisi viene, inoltre, ripetuta considerando l’avversione al rischio anziché quella all’incertezza, e il risultato non cambia. “Il filone di ricerca potrebbe avere applicazioni interessanti nel campo delle politiche macroeconomiche”, afferma ancora Battigalli, “e infatti ci stiamo lavorando con Thomas Sargent (Premio Nobel per l’Economia nel 2011, ndr). Siamo riusciti a ottenere risultati significativi utilizzando il concetto di self-confirming equilibrium, mentre ci stiamo scontrando con modelli economici ancora troppo semplificati per quanto riguarda il ruolo dell’avversione all’incertezza. Per fare in modo che gradi diversi di avversione portino a esiti diversi dovremo utilizzare modelli più realistici e sofisticati”.

 

https://www.knowledge.unibocconi.it/notizia.php?idArt=18052

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 05 Aprile 2017 13:03
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery