La sconfitta di Olimpia In evidenza

 

Nella Grecia Antica, i popoli in guerra tra loro erano soliti rispettare la Ekecheiria, ossia la tregua in occasione dello svolgimento dei giochi olimpici.

Lo spirito, i valori e gli ideali sportivi ed umani, che la manifestazione trasmetteva, sovrastavano interessi economici e politici portando al superamento dei conflitti anche se per un periodo limitato.

Ciò avveniva perchè la manifestazione sportiva, svolta in onore di Zeus, celebrava le virtù ed i sentimenti più alti della natura umana e non poteva dunque avere luogo tra popoli in ostilità fra loro.

Molto è cambiato da allora.

Nell'Europa di oggi, le cui fondamenta culturali sono da ricercarsi proprio nella Grecia antica, in cui fortunatamente la guerra è ormai scongiurata grazie all'integrazione tra i popoli, le ostilità tra gli Stati si manifestano con sembianze differenti.

Le armi, fortunatamente messe a tacere, sono state sostituite da spietati indici di valutazione finanziaria, rigidi sistemi di controllo del debito pubblico e stringenti politiche fiscali che a volte, questo proprio come un tempo, sottopongono i cittadini degli Stati più deboli a versare a pesanti tributi.

La "guerra finanziaria" combattuta in questo momento in Europa, momento caratterizzato da una profonda crisi economica, comporta grandi sacrifici per numerosi cittadini europei. Tali sacrifici, che spesso danno vita a stati d'animo conflittuali tra Stati europei, sembrano meno superabili dei conflitti che nell'Antichità producevano le guerre vere e proprie.

 

 

La ragione di questa affermazione è sotto gli occhi di tutti. In occasione dello svolgimento degli ultimi Europei di calcio, disputati in Polonia e Ucraina, si è fatto riferimento in differenti occasioni a storiche rivalità tra gli Stati e a tragici episodi bellici che certamente esulano da un contesto di competizione sportiva.

Acredini e conflitti che facevano parte del passato, e che nulla hanno a che fare con lo sport, sono state rievocate prima di numerose partite. Vecchie ruggini e rivendicazioni di altri tempi hanno fatto della manifestazione calcistica continentale una cassa di risonanza per il riemergere di sterili rancori.

In una fase di tensione politica, economica ed emotiva, abbiamo letto ed ascoltato, in occasione dei match calcistici, delle inquietudini generate da vecchi fatti, delle tensioni tra Italia e Croazia, di "storici nemici" tra Francia e Inghilterra, allusioni all'attuale conflitto istituzionale in seno all'UE prima della partita Grecia-Germania.

Sembra dunque che attriti storici, culturali ed economici non riescano ad essere dimenticati neppure durante una manifestazione sportiva e che, come tale, dovrebbe proporre differenti temi e valori.

A maggior ragione, ciò dovrebbe avvenire tra popoli ormai integrati tra loro.

Lo sport in questo modo diventa motivo di tensione amplificando conflitti che esulano e superano la competizione sportiva.

Oggi, quindi, avviene perfettamente il contrario di ciò che avveniva nei tempi antichi.

Una responsabilità, questa, che non può non essere attribuita ad alcuni organi di informazione, che, invece di sottolineare come i conflitti sono superabili solo se si comprendono a fondo e si mantengono su piani distinti, cavalcano, o peggio fomentano, acredini. Un comportamento che, specie in un contesto di difficoltà economica e frustrazione emotiva, genera in ambienti più sensibili, come sono a volte le tifoserie calcistiche, tensioni che possono degenerare in violenza come purtroppo avviene troppo spesso negli Stadi italiani e non.

Occorre una riflessione generale da parte di tutti gli amanti dello sport e degli addetti all'informazione.

Non si può e non si deve fare confusione tra tematiche tanto differenti tra loro.

Si rischia solo di determinare conflitti resuscitandone di vecchi.

Occorre ridefinire i valori e gli ideali dello sport ed in particolare del calcio che tanto è seguito nel vecchio continente ed in numerose altre parti del Mondo.

Lealtà, osservanza delle regole e rispetto dell'avversario sono e devono restare alla base dello Sport e quest'ultimo deve veicolare tali principi in una convivenza sociale civile.

 

Fabrizio Giangrande

{jcomments on}

 

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Ottobre 2012 16:14
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery