Ultimi Articoli

La lunga ombra del COVID sul cervello e sulla memoria

La lunga ombra del COVID sul cervello e sulla memoria

02 Febbraio 2023

Uno studio, coordinato dall’Università degli Studi di Milano, in collaborazione...

Rondine: creato il primo pangenoma e pubblicato il genoma di riferimento di questa specie iconica

Rondine: creato il primo pangenoma e pubblicato il genoma di riferimento di questa specie iconica

02 Febbraio 2023

Uno studio guidato dall’Università Statale di Milano pubblicato su Cell...

Long Covid: identificati nuovi target molecolari correlati alla perdita dell’olfatto

Long Covid: identificati nuovi target molecolari correlati alla perdita dell’olfatto

02 Febbraio 2023

Un nuovo studio italiano, a cui ha preso parte il...

Bere caffè aiuta a mantenere bassa la pressione

Bere caffè aiuta a mantenere bassa la pressione

01 Febbraio 2023

Uno studio su un campione di popolazione italiana mostra che...

Generato negli zebrafish un nuovo modello di autismo con una tecnologia innovativa

Generato negli zebrafish un nuovo modello di autismo con una tecnologia innovativa

01 Febbraio 2023

Lo studio coordinato dai ricercatori dell’Ateneo pubblicato su “International Journal...

Pancreas, ricostruito l'ecosistema cellulare alla base dello sviluppo dei tumori

Pancreas, ricostruito l'ecosistema cellulare alla base dello sviluppo dei tumori

01 Febbraio 2023

Membrane nanofibrose contenenti sensori ottici in combinazione con metodi di...

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

26 Gennaio 2023

Anche i fiumi ‘respirano’, giocando un ruolo centrale nel ciclo...

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

25 Gennaio 2023

Il progetto Aule Natura del WWF Italia, che in due...

  • 1
  • 2
Martedì, 10 Gennaio 2023


L’Università di Pisa alla guida di un innovativo progetto di ricerca internazionale.
Entro il 2026 potremmo essere in grado di individuare precocemente il morbo di Parkinson sulla base di uno studio personalizzato del sonno. E questo grazie a NAP, l’innovativo progetto di ricerca coordinato dall’Università di Pisa e il cui inizio è fissato il 1° marzo 2023.

Finanziato con tre milioni di euro dal programma per la ricerca e l'innovazione dell'Unione Europea “Horizon Europe” – di cui 800.000 destinati all’Ateneo pisano -, il progetto NAP ha come obiettivo quello di utilizzare, per la prima volta in questo particolare campo di indagine, degli organoidi cerebrali, ossia dei modelli cellulari tridimensionali avanzati del cervello umano.

“Riuscire ad individuare per tempo il morbo di Parkinson, anche prima che inizino i tremori tipici, è fondamentale per controllare la malattia, gestirne l’evoluzione e garantire al paziente una miglior qualità della vita - spiega Chiara Magliaro, ricercatrice presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e il Centro di Ricerca ‘E. Piaggio’ e responsabile del progetto - Con la tecnologia che intendiamo sviluppare grazie al progetto NAP, sarà possibile farlo in maniera personalizzata”.

Pubblicato in Medicina


Giunto a conclusione un progetto condotto e finanziato dall’Università di Pisa per rilanciare questa coltura grazie ad un nuovo sequenziamento del genoma.


La coltura del fico, attualmente in declino in Italia ma economicamente molto redditizia, è la risposta ottimale per recuperare i terreni altrimenti persi per l’agricoltura. A questa conclusione è giunto il progetto “Ficus carica, un’ antica specie con grandi prospettive” finanziato e condotto dall’Università di Pisa che ha approfondito le conoscenze su questa pianta grazie ad un team di genetisti, chimici, fisiologi vegetali, entomologi, arboricoltori e analisti sensoriali del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali.

“Sin dall’antichità e anche oggi, soprattutto nei paesi meridionali del bacino Mediterraneo, il fico fornisce un importante alimento di base anche grazie alla sua grande produttività che dura sino a 50 anni con una produzione annuale di circa 40-100 chili per pianta - spiega la professoressa Barbara Conti coordinatrice del progetto - Tuttavia, In Italia la coltivazione del fico è in netto declino: nel 1960 occupava 60mila ettari, oggi solo 2.000, che producono l'1% della produzione mondiale e tutto questo a fronte di una costante crescita dei terreni salini marginali che nel nostro Paese sono oggi oltre 400mila ettari. Il rilancio di questa coltura è dunque strategico anche in considerazione del quindicesimo obiettivo dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite che punta a proteggere, ripristinare e promuovere l'uso sostenibile del suolo, in particolare foreste, paludi, montagne e zone aride”.

Pubblicato in Scienza generale

Medicina

La lunga ombra del COVID sul cervello e sulla memoria

La lunga ombra del COVID sul cervello e sulla memoria

02 Febbraio 2023

Uno studio, coordinato dall’Università degli Studi di Milano, in collaborazione...

Paleontologia

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

23 Gennaio 2023

La missione archeologica finanziata da Sapienza ha evidenziato la presenza della più antica zona...

Geografia e Storia

Non solo acqua: al centro della terra ci sono anche metano e idrogeno molecolare

Non solo acqua: al centro della terra ci sono anche metano e idrogeno molecolare

11 Gennaio 2023

Foto a - Microfotografia del diamante studiato – foto Margo Regier Lo studio pubblicato...

Astronomia e Spazio

Scoperto un segnale gravitazionale anomalo generato dalla fusione "istantanea" di due buchi neri

Scoperto un segnale gravitazionale anomalo generato dalla fusione "istantanea" di due buchi neri

21 Novembre 2022

Il 21 maggio 2019 i due interferometri LIGO, negli USA, e...

Scienze Naturali e Ambiente

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

26 Gennaio 2023

Anche i fiumi ‘respirano’, giocando un ruolo centrale nel ciclo del...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery