Scienzaonline - Ultimi Articoli

Batterie quantiche superveloci

Batterie quantiche superveloci

17 Gennaio 2022

Ricercatori dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr e del...

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

14 Gennaio 2022

Oggi 14 gennaio entrano in vigore in Italia le nuove...

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

14 Gennaio 2022

Un anticorpo monoclonale può bloccare la fibrosi e proteggere il...

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

14 Gennaio 2022

Lo studio coordinato da Università di Pisa e Scuola Normale...

Cambiamenti climatici, dal triassico nuovi scenari di futuro

12 Gennaio 2022

Team internazionale di ricercatori mette a punto nuovo modello paleoclimatico...

Una rete di pulsar per “ascoltare” il brusio cosmico di fondo delle onde gravitazionali

12 Gennaio 2022

I ricercatori del progetto International Pulsar Timing Array (IPTA), avvalendosi...

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce  solare

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce solare

12 Gennaio 2022

Su Nature Communications lo studio che rivela come il DNA...

Così le cellule perdono i contatti

Così le cellule perdono i contatti

10 Gennaio 2022

L’E-caderina è una proteina la cui alterazione determina la perdita...

Mercoledì, 30 Maggio 2018
Mercoledì, 30 Maggio 2018 07:05

First direct dating of Homo antecessor

 

 
 Fossils of Homo antecessor found at level TD6 of Gran Dolina /J.M. Bermúdez de Castro, M.N.C.N. (29)
 
The Centro Nacional de Investigación sobre la Evolución Humana (CENIEH) has led a new international study published in the journal Quaternary Geochronology, about the direct dating of a fossil tooth of Homo antecessor from the unit TD6 of the archaeological site of Gran Dolina in the Sierra de Atapuerca (Burgos, Spain). In the work, a time range of between 772,000 and 949,000 years was found for this species of the Lower Pleistocene, so confirming earlier indirect datings.

In order to carry out this dating, a leading-edge methodology was employed, combining high-resolution Uranium-Thorium analysis using laser ablation coupled to a mass spectrometer and measurements of a fragment of enamel by Electron Spin Resonance (ESR). “We used the same special protocol that had previously worked successfully with the fossil remains of Homo naledi and the oldest Homo sapiens found outside Africa” says Mathieu Duval, member of the Geochronology and Geology Program of the CENIEH and now at the Australian Research Center for Human Evolution at Griffith University (Australia)

“By combining direct dating of the piece with a new, more precise paleomagnetic study of the deposits of the stratigraphic unit TD6, it was possible to obtain a dating which is consistent with the previous indirect estimates based on the sediment or fauna associated to the hominin remains”, the researcher adds.
Pubblicato in Scienceonline

Meno agile del ghepardo, ma potente come una pantera e con il peso di un leone: le peculiarità dell’antico felino sono emerse dall’analisi del cranio effettuata con un acceleratore di particelle presso l’European synchrotron radiation facility (ESFR) di Grenoble, con la collaborazione di Sapienza. Lo studio è pubblicato sulla rivista Scientific Reports

Un nuovo studio, coordinato da Raffaele Sardella e Dawid Adam Iurino del Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza con l’Università di Perugia e in collaborazione con l’ESRF di Grenoble e l’Università di Verona, ha permesso di rivelare, a partire da un frammento di cranio fossile, l’identikit di un ghepardo gigante. Si tratta di uno dei più feroci predatori che i primi uomini entrati in Europa hanno dovuto fronteggiare un milione e mezzo di anni fa.

Il frammento, rinvenuto nella prima metà del ’900 alle pendici del Monte Argentario, era inglobato in una dura matrice rocciosa, costituendo per decenni un enigma per gli studiosi: classificato come leopardo a metà degli anni ’50 e successivamente come giaguaro eurasiatico pleistocenico nel primo decennio degli anni 2000, solo pochi anni fa, quando il fossile è divenuto disponibile per studi scientifici, ne è stata identificata la vera natura. Il cranio è quello di Acinonyx pardinensis, meglio conosciuto come ghepardo gigante, l’antenato dell’attuale felino.

Pubblicato in Paleontologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery