Scienzaonline - Ultimi Articoli

Australia, un anno dopo gli incendi

Australia, un anno dopo gli incendi

18 Gennaio 2021

Dalle ceneri dei roghi parte “Regenerate Australia”, il piano WWF...

Quanti cinghiali abitano qui?

Quanti cinghiali abitano qui?

18 Gennaio 2021

Ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per...

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

NEUROBLASTOMA: IDENTIFICATI DUE “MARCATORI” CHE PREDICONO LE POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA

18 Gennaio 2021

I Ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con il sostegno di...

I grandi carnivori riconquistano il territorio

I grandi carnivori riconquistano il territorio

18 Gennaio 2021

In un nuovo studio, frutto della collaborazione fra la Sapienza...

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

LNDC e WWF contro ordinanza anti-cinghiali

15 Gennaio 2021

Le associazioni hanno diffidato il sindaco di Castigline del Lago...

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

Le tecniche avanzate svelano l’enigma dei papiri di Ercolano

15 Gennaio 2021

Finanziato dall’Unione Europea un progetto interdisciplinare per la decifrazione dei...

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

Scoperte orme fossili di grandi rettili sulle Alpi occidentali

15 Gennaio 2021

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi...

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

Che cos’è la tallonite e come può essere diagnosticata: i consigli dell’ortopedico

13 Gennaio 2021

Un dolore intenso nella zona del tallone che spesso rende...

Martedì, 03 Novembre 2020

 

Un gruppo di ricerca tutto italiano, coordinato da Robin Foà del Dipartimento di Medicina traslazionale e di precisione di Sapienza, ha dimostrato che una combinazione di terapia mirata a bersaglio molecolare e immunoterapia può fronteggiare con successo il tipo più frequente di leucemia acuta linfoblastica degli adulti, evitando la chemioterapia e i suoi pesanti effetti collaterali. I risultati dello studio, promosso dalla Fondazione GIMEMA, sostenuto dal 5 per mille di Fondazione AIRC e con il contributo di Amgen, sono stati pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine il 22 ottobre scorso. L’importanza del lavoro è stata sottolineata anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo intervento durante la cerimonia dedicata a “I Giorni della Ricerca” di Fondazione AIRC al Quirinale il 26 ottobre.

Pubblicato in Medicina


Dall’analisi di tre denti da latte appartenuti a bambini neandertaliani vissuti tra 70.000 e 45.000 anni fa nell’Italia nord-orientale emerge che il loro ritmo di crescita era molto simile al nostro: la scoperta porta ad escludere che uno svezzamento tardo possa essere tra le cause che hanno portato alla scomparsa di questa specie umana. Allo studio, pubblicato su PNAS, ha partecipato il Diet and ANcient TEchnology Laboratory della Sapienza
I Neandertal iniziavano lo svezzamento dei loro neonati intorno al quinto o sesto mese d’età, un periodo del tutto simile a quanto avviene per l’uomo moderno. La scoperta deriva dal lavoro di un gruppo internazionale di ricerca che ha realizzato analisi geochimiche ed istologiche su tre denti da latte appartenuti a bambini di Neandertal vissuti tra 70.000 e 45.000 anni fa nell’Italia nord-orientale.

Pubblicato in Paleontologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery