Ultimi Articoli

MASCHERINE “GENERICHE” (DI COMUNITÀ): IN ARRIVO I RIFERIMENTI SULLE PRESTAZIONI FILTRANTI E I METODI DI PROVA
28 Maggio 2020

Nei prossimi mesi milioni di italiani utilizzeranno le mascherine “generiche”...

Emergenza COVID-19: potenziamento della terapia intensiva del Policlinico Umberto I. Le nuove dotazioni grazie alla raccolta fondi targata Sapienza
28 Maggio 2020

Giovedì 28 maggio è stato presentato presso il Policlinico Umberto...

Sano, 18 anni. Covid-19 gli rovina i polmoni: salvato da un trapianto record al Policlinico di Milano
28 Maggio 2020

Il giovane, senza precedenti patologie, ridotto in fin di vita...

Eseguito il primo trapianto di polmone su un paziente Covid: un successo di tutta la Rete
28 Maggio 2020

E' stato eseguito la scorsa settimana al Policlinico di Milano...

TUMORE DEL POLMONE: PEMBROLIZUMAB IN COMBINAZIONE CON LA CHEMIOTERAPIA HA RIDOTTO IL RISCHIO DI MORTE DEL 44% E A 2 ANNI DIMOSTRA UN BENEFICIO DI SOPRAVVIVENZA A LUNGO TERMINE
28 Maggio 2020

Nell’analisi finale dello studio KEYNOTE-189, pembrolizumab in combinazione con la...

COVID-19, PEDIATRI DI FAMIGLIA: “SCUOLA, ECCO COME RIPARTIRE. 8 BUONE PRATICHE PER TORNARE IN CLASSE IN SICUREZZA”
28 Maggio 2020

Il Presidente FIMP Biasci: “Abbiamo presentato le nostre proposte di...

La sifilide di Maria Salviati (1499-1543), moglie di Giovanni dalle Bande Nere e madre di Cosimo I de’ Medici
28 Maggio 2020

Un segreto lungo cinque secoli svelato dalla Divisione di Paleopatologia...

New algorithm developed that helps curb COVID-19 infection
27 Maggio 2020

One of the most effective measures for containing the transmission...

Mercoledì, 14 Marzo 2018

Novità assoluta nel panorama accademico italiano, l’infrastruttura è nata su iniziativa delle Università di Pisa e di Genova

È nato il “Centro interuniversitario per la promozione dei principi delle 3R nella didattica e nella ricerca (Centro 3R)”, novità assoluta nel panorama accademico italiano, nato su impulso delle Università di Pisa e di Genova. Il Centro 3R (www.centro3r.it) è una infrastruttura che si prefigge di avviare un processo di sensibilizzazione di studenti, ricercatori e docenti alla sperimentazione responsabile e ai metodi alternativi all’uso degli animali, in ottemperanza alla direttiva UE 2010/63 sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici, recepita in Italia con il D.Lgs. 26 del 4 marzo 2014. L’inaugurazione è stata ospitata al Centro congressi delle Benedettine, dove hanno portato i loro saluti il prorettore vicario dell’Università di Pisa, Nicoletta De Francesco, e il rettore dell’Università di Genova, Paolo Comanducci.
3R è l’acronimo di Replacement (sostituzione delle sperimentazioni sugli animali con metodi alternativi ogni qual volta questo sia possibile), Reduction (riduzione al minimo indispensabile del numero di animali utilizzati) e Refinement (continuo perfezionamento dei metodi impiegati allo scopo di ridurre la sofferenza degli animali). Il concetto delle 3R è stato per la prima volta introdotto da W. Russel e R. Burch nel 1959 in “The Principles of Humane Experimental Techniques”. 

Pubblicato in Medicina

 

Vista in 3D della componente verticale degli spostamenti del suolo stimata a  partire dai dati Sentinel-1 e COSMO-SkyMed e della superfice di discontinuità  che ha generato l’evento sismico del 21 agosto 2017; i punti bianchi rappresentano  la principale sismicità registrata.

Il lento ma continuo abbassamento del Monte Epomeo potrebbe essere la causa dei maggiori sismi che in passato hanno colpito l’isola, compreso quello del 21 agosto 2017. A dare questa interpretazione uno studio condotto da Ingv e Cnr, in collaborazione con Dpc, pubblicato su Geophysical Research Letters

 

Cosa ha prodotto il terremoto, di magnitudo 4, che il 21 agosto scorso ha colpito Ischia? La causa principale potrebbe essere il carico esercitato dalle rocce che formano il blocco del Monte Epomeo su altre, meno rigide e dal comportamento duttile, che si trovano a circa 2 km di profondità. L'abbassamento di questo blocco genera sismicità lungo una superficie di discontinuità subverticale, estesa in direzione est-ovest per circa 2 km e profonda altrettanto. A formulare questa ipotesi, uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio vesuviano (Ingv-Ov, Napoli), dell’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente (Irea, Napoli) e dell’Istituto di metodologie per l’analisi ambientale (Imaa, Potenza) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), in collaborazione con il Dipartimento di protezione civile (Dpc, Roma). I risultati del lavoro, dal titolo "The 21st August 2017 Ischia (Italy) earthquake source model inferred from seismological, GPS and DInSAR measurements", sono stati pubblicati su Geophysical Research Letters.

Pubblicato in Ambiente

Medicina

MASCHERINE “GENERICHE” (DI COMUNITÀ): IN ARRIVO I RIFERIMENTI SULLE PRESTAZIONI FILTRANTI E I METODI DI PROVA

MASCHERINE “GENERICHE” (DI COMUNITÀ): IN ARRIVO I RIFERIMENTI SULLE PRESTAZIONI FILTRANTI E I METODI DI PROVA

28 Maggio 2020

Nei prossimi mesi milioni di italiani utilizzeranno le mascherine “generiche”...

Paleontologia

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

25 Maggio 2020

Il Dipartimento di Scienze dell’antichità della Sapienza ha partecipato al ritrovamento di uno scheletro...

Geografia e Storia

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

27 Maggio 2020

"Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove misure per l'EcoSismaBonus e,...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Studiare la biodiversità del Mediterraneo senza nuocere a balene e delfini

Studiare la biodiversità del Mediterraneo senza nuocere a balene e delfini

27 Maggio 2020

Si chiama "Tutti pazzi per il Mediterraneo! – MeD for Med"...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery