Ultimi Articoli

Sano, 18 anni. Covid-19 gli 'brucia' i polmoni: salvato da un trapianto record al Policlinico di Milano
28 Maggio 2020

Il giovane, senza precedenti patologie, ridotto in fin di vita...

Eseguito il primo trapianto di polmone su un paziente Covid: un successo di tutta la Rete
28 Maggio 2020

E' stato eseguito la scorsa settimana al Policlinico di Milano...

TUMORE DEL POLMONE: PEMBROLIZUMAB IN COMBINAZIONE CON LA CHEMIOTERAPIA HA RIDOTTO IL RISCHIO DI MORTE DEL 44% E A 2 ANNI DIMOSTRA UN BENEFICIO DI SOPRAVVIVENZA A LUNGO TERMINE
28 Maggio 2020

Nell’analisi finale dello studio KEYNOTE-189, pembrolizumab in combinazione con la...

COVID-19, PEDIATRI DI FAMIGLIA: “SCUOLA, ECCO COME RIPARTIRE. 8 BUONE PRATICHE PER TORNARE IN CLASSE IN SICUREZZA”
28 Maggio 2020

Il Presidente FIMP Biasci: “Abbiamo presentato le nostre proposte di...

La sifilide di Maria Salviati (1499-1543), moglie di Giovanni dalle Bande Nere e madre di Cosimo I de’ Medici
28 Maggio 2020

Un segreto lungo cinque secoli svelato dalla Divisione di Paleopatologia...

New algorithm developed that helps curb COVID-19 infection
27 Maggio 2020

One of the most effective measures for containing the transmission...

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale
27 Maggio 2020

"Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove...

The asteroids Ryugu and Bennu were formed by the destruction of a large asteroid
27 Maggio 2020

What is the origin of the asteroids Bennu and Ryugu,...

Venerdì, 03 Marzo 2017

Nonostante in Amazzonia la deforestazione sia aumentata del 75 per cento tra il 2012 e il 2015, il governo brasiliano starebbe pensando di ridurre la protezione di alcune aree intatte della foresta. Greenpeace è andata sul posto per documentare cosa rischiamo di perdere. Il governo Temer starebbe infatti per presentare al Congresso Nazionale una proposta per ridurre le Conservation Units – un potente strumento contro la distruzione delle foreste. Si prevede di cancellarne una e ridurre la superficie di altre quattro del 40 per cento. In una sola mossa si potrebbe togliere la protezione a un’area grande sei volte l’area metropolitana di Londra: circa un milione di ettari di foresta.

Pubblicato in Ambiente

 

The World Health Organization was requested by Member States to develop a global priority pathogens list (global PPL) of antibiotic-resistant bacteria to help in prioritizing the research and development (R&D) of new and effective antibiotic treatments. To date, the selection of pathogens for R&D activities has been largely guided by small and large pharmaceutical companies according to a variety of parameters, such as perceived/unmet medical need, pressure of investors, market size, scientific discovery potential, and availability of specific technologies. Previous PPLs, issued by the Centers for Disease Control and Prevention .

 

Read more on: http://www.who.int/medicines/publications/WHO-PPL-Short_Summary_25Feb-ET_NM_WHO.pdf?ua=1

Pubblicato in Scienceonline

An analysis of nearly 30,000 patients undergoing liver transplantation in the United States between 2008 and 2014 found elevated death and organ loss rates in the first 5 years after transplantation among recipients with the highest use of opioid pain medications while on the waiting list. Higher risks mainly emerged after the first transplant anniversary, a pattern that may in part reflect sustained opioid use. Sixty five percent of those with the highest level of opioid use on the waiting list continued moderate to high level use in the first year after transplantation.

Pubblicato in Scienceonline

 

Realizzare una nuova tecnologia ad elevata efficienza e limitato impatto di emissioni carboniche, in grado di generare idrogeno ed energia elettrica da impiegare nelle stazioni di rifornimento del prossimo futuro, per incentivare la sostenibilità nel settore dei trasporti. E’ questo l’obiettivo del progetto CH2P (Cogeneration of Hydrogen, Heat and Power using solid oxide based system fed by methane rich gases) coordinato a livello europeo dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento. Responsabile del progetto, avviato ufficialmente in febbraio a Bruxelles, è Luigi Crema che alla FBK guida l’Unità ARES, dedicata alla ricerca applicata sui sistemi energetici. “La Fondazione Bruno Kessler di Trento”, sottolinea Luigi Crema, “guiderà il Consorzio del progetto CH2P per sviluppare un’innovazione tecnologica in ambito energetico con una collaborazione estesa a livello europeo. In particolare verrà realizzato il prototipo di un impianto per la produzione di 100 kg di idrogeno al giorno, sufficiente a supportare un progetto pilota collegato alla mobilità. La tecnologia sarà poi scalata a dimensioni maggiori per poter alimentare flotte più estese di veicoli, come auto, autobus e treni. Il tutto nell’ottica di accelerare la transizione verso le tecnologie basate su idrogeno e combustibili alternativi, con nuove soluzioni per il mercato, a partire dal settore dei trasporti stradali che in Europa genera oltre il 40% delle emissioni di ossido di carbonio”.

Pubblicato in Ambiente

 

New autoimmune disease triggered by thymomas

 

A Japanese research group has discovered that a newly-identified autoimmune endocrine disease that leads to hypopituitarism is caused by thymomas (a type of tumor originating from the thymic gland). These underlying mechanisms could help to understand and develop a treatment for similar autoimmune diseases. These findings were published on February 20 in the online edition of Scientific Reports. The research group was led by Associate Professor TAKAHASHI Yutaka, Research Fellow BANDO Hironori, and Associate Professor IGUCHI Genzo in Kobe University Graduate School of Medicine.

Pubblicato in Scienceonline

Sickle_Cells

A team led by Pr. Marina Cavazzana conducted at Necker Children's Hospital, AP-HP and the Imagine Institute (AP-HP / Inserm / Université Paris Descartes) in October 2014 gene therapy in the context of a phase I clinical trial / II in a patient 13 years with severe sickle cell disease. Conducted in collaboration with Pr. Philippe Leboulch (CEA / University Faculties of Medicine of Paris-Sud and Harvard University) who developed the vector used and directed preclinical studies, this innovative treatment allowed complete remission of clinical signs of disease and correction of biological signs. The results are published on March 2nd 2017 in the New England Jounal of Medicine.

Pubblicato in Scienceonline

Streptococcus pneumoniae with black carbon

 

Interdisciplinary research at the University of Leicester has explored the impact of black carbon on bacteria in the respiratory tract .Researchers from the University of Leicester have for the first time discovered that bacteria that cause respiratory infections are directly affected by air pollution - increasing the potential for infection and changing the effectiveness of antibiotic treatment. The interdisciplinary study, which has been published in the journal Environmental Microbiology, has important implications for the treatment of infectious diseases, which are known to be increased in areas with high levels of air pollution.

Pubblicato in Scienceonline
Venerdì, 03 Marzo 2017 15:41

Insects love windthrows

Using flight interception and pitfall traps, the researchers followed the development of insect fauna in areas hit by storm Lothar. (Image: Beat Wermelinger/WSL)

A study conducted by the Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research (WSL) shows that storm-ravaged woodland is approximately twice as rich in insect species as undamaged forest. This is because many endangered forest insects benefit from the open forest areas left behind by storms.
Storms, like Vivian, Lothar or Kyrill, are the most frequent natural disruptive factors in European forests and a driving force of forest dynamics. Windthrows alter habitats by opening up previously shaded sites, thereby changing the local climate and vegetation. Furthermore, storms produce large quantities of dead wood, on which about a quarter of all forest-dwelling organisms depend.
Pubblicato in Scienceonline
Venerdì, 03 Marzo 2017 15:18

Chef, che materia grigia!

Ricercatori Ibfm-Cnr, in collaborazione con la Federazione italiana cuochi, hanno analizzato per la prima volta, tramite risonanza magnetica e test neuropsicologici, il cervello degli head Chef. Ne emergono fenomeni di plasticità neurale e particolari abilità motorie e cognitive legati alla dimensione della brigata squadra da coordinare in cucina. Lo studio è pubblicato su Plos One. Anche gli chef, come già provato per i musicisti e gli alpinisti, presentano un cervelletto più sviluppato rispetto alle persone che svolgono altri lavori. A rivelarlo uno studio dell’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibfm-Cnr) di Catanzaro pubblicato sulla rivista Plos One. I ricercatori si sono chiesti se il lavoro di direzione di cucina possa produrre un iper-sviluppo cerebrale e rendere più abili e veloci: le attività che richiedono un continuo aggiornamento e perfezionamento delle capacità acquisite nel tempo sono infatti di fondamentale interesse scientifico.

Pubblicato in Medicina

Medicina

Sano, 18 anni. Covid-19 gli 'brucia' i polmoni: salvato da un trapianto record al Policlinico di Milano

Sano, 18 anni. Covid-19 gli 'brucia' i polmoni: salvato da un trapianto record al Policlinico di Milano

28 Maggio 2020

Il giovane, senza precedenti patologie, ridotto in fin di vita...

Paleontologia

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

25 Maggio 2020

Il Dipartimento di Scienze dell’antichità della Sapienza ha partecipato al ritrovamento di uno scheletro...

Geografia e Storia

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

27 Maggio 2020

"Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove misure per l'EcoSismaBonus e,...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Studiare la biodiversità del Mediterraneo senza nuocere a balene e delfini

Studiare la biodiversità del Mediterraneo senza nuocere a balene e delfini

27 Maggio 2020

Si chiama "Tutti pazzi per il Mediterraneo! – MeD for Med"...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery