Ultimi Articoli

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori
17 Febbraio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare della...

L’olio fa bene al cervello, soprattutto negli anziani
17 Febbraio 2020

Identificato il ruolo anti-invecchiamento neurale in vivo di un componente...

Rose, garofani e petunie: la “petalosità” è dovuta a un gene troppo attivo
12 Febbraio 2020

Immagini: Foto 1: Nel DNA, qui rappresentato dalla sequenza delle...

Alla scoperta delle virtù salutari di due antiche varietà di mele Toscane
10 Febbraio 2020

Didascalia foto: a sinistra la mela Rotella, a destra la...

La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie
08 Febbraio 2020

Secondo gli scienziati cinesi della South China Agricultural University, a...

Anziani: vitamina D insufficiente - serve più sole
07 Febbraio 2020

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and...

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize
07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi...

Prodotto per la prima volta il ghiaccio cubico perfetto
06 Febbraio 2020

I grafici mostrano il cambiamento della diffrazione di neutroni, via...

Piante del Marocco: la Thuya

Veronica Rocco 21 Gen 2009
18817 volte

Una delle piante più diffuse del nord Africa è la Tetraclinis articulata, o ginepro articolato, meglio conosciuta come Thuya [1].  Fa parte della famiglia delle Cupressaceae ed è una conifera sempreverde endemica della regione occidentale del Meditarraneo. E' il simbolo nazionale di Malta, dove è chiamata col nome arabo Arar. Preferisce il clima caldo e asciutto e si adatta bene su tutti i tipi di terreni, da quelli marittimi fino a 1.600 metri di altitudine, l'importante è che sia esposta all'influsso del mare.


In Marocco è presente soprattutto sulla catena montuosa dell’Anti Atlante, sul massiccio dello Djebel Azemour e sull’altipiano del Rif. Di solito cresce vicino ad altre specie endemiche come la Ceratonia siliqua, l'Olea europea, la Phillyrea media, l'Osyris lanceolata, la Pistacia atlantica, il Jasminum fruticans, la Clematis cirrhosa, ma anche piante tipiche della macchia mediterranea come rosmarino, pino d'Aleppo, Argan, lavanda, erica, acacia ed euforbia. E' una delle poche conifere cedue, ossia capaci di rigenerarsi dopo essere state tagliate: una forma di adattamento che la rende preziosa in caso di incendio o di assalti da parte di animali migratori.

La Thuya è una pianta dalle mille risorse: i frutti, i rami e le foglie sono ottimi coloranti naturali impiegati nell'industria conciaria; il legno, molto aromatico, è ricavato dai polloni, escrescenze arboree che si formano alla base del tronco degli esemplari più vecchi. Dalla pianta si ricava anche una resina, la sandracca (in arabo "tiffiza n-âzuka), usata per produrre vernici e lacche e per conservare i dipinti. I polloni forniscono un legno pregiato caratterizzato da scintillanti venature dorate. Per questo motivo è molto apprezzato dagli ebanisti che ne ricavano tavoli, credenze e piccoli oggetti ornamentali. Il legno di Thuya è rinomato fin dall'antichità e pare che i Romani facessero incetta di questo materiale prezioso. Purtroppo lo sfruttamento intensivo della Thuya ha spinto commercianti senza scrupoli a sradicare intere foreste del Maghreb per vendere il legname agli ebanisti d’oltremare. Oggi questa specie arborea è protetta da leggi severe che ne regolano il mercato e vietano l'esportazione del legno.

I principali centri per la lavorazione dei polloni sono Rabat, Algeri e Tunisi, ma la città più rinomata è Essaouira, sulla costa atlantica del Marocco, a 200 Km da Agadir, poiché nel suo entroterra crescono i più begli esemplari  di Thuya. Questa città di mare, con i suoi bianchi bastioni sferzati dal vento e dalle ali di gabbiano, alla fine degli anni’60 ha ospitato pop star del calibro di Jimi Hendrix, Frank Zappa e Leonard Cohen, diventando meta cult di una variopinta comunità hippy. Qui gli artigiani locali, abili cesellatori, usano tecniche di lavorazione del legno d’ispirazione siriana e trasmettono la propria arte di padre in figlio. Per valorizzare la naturale bellezza di questo legno duro e aromatico, dalle tonalità rosse, calde e avvolgenti, aggiungono madreperla, fili d'argento e inserzioni di legno d'ebano e limone. L'ebano, troppo costoso, è spesso rimpiazzato con un legno ricavato dall'acacia gommifera proveniente dal sud-ovest del Marocco.

L'artigianato marocchino utilizza un’ampia varietà di legni: pino, noce, acacia, mandorlo, olivo, tamarindo, sughera, abete della Numidia, ma la Thuya e il cedro del Libano sono la punta di diamante di questo fiorente mercato. La lavorazione della Thuya è un'arte molto antica, ma l'utilizzo dei polloni per creare oggetti ornamentali risale solo al 1924. Tra le lavorazioni più belle ci sono gli strumenti musicali della tradizione maghrebina. Il legno più pregiato della pianta è quello che proviene dalle radici dell'albero; purtroppo, essendo sotto terra, è anche la parte più soggetta a deterioramento a causa della pioggia e dei sassi che provocano fissurazioni e porosità. Gli esemplari integri, però, offrono agli artigiani una magnifica materia prima.
 
Il processo di lavorazione della Thuya è molto delicato e richiede una notevole abilità. Per decorarla l’artigiano spesso inserisce altri legni di forme geometriche diverse. Di solito si utilizza quello di limone, che viene annerito attraverso un particolare processo: dopo averlo tagliato in liste di mezzo centimetro o un centimetro l’una, viene immerso in olio bollente e  lasciato cuocere a fuoco vivace per alcune ore finché non cambia colore sia dentro che fuori. Al termine della lavorazione il legno è pronto per essere pulito e lucidato con una speciale miscela di oli, cere, gommalacca e alcool, che l’artigiano spalma con cura sulla superficie dell’oggetto fino a quando il disegno, le venature e i riflessi dorati della Thuya non risaltano perfettamente.   

Note:
[1] La Tetraclinis articulata (Vahl) Masters 1892 è comunemente conosciuta con il nome di Thuya o Tuya, che però non va confuso con la Thuja (Thuja, L. 1753), un’altra conifera della famiglia delle Cupressaceae, ma diffusa solo in Nord America, Cina e Giappone.

Riferimenti bibliografici
Bellakhdar, Jamal “Le Maghreb a travers ses plantes”, Editions Le Fennec 2003

 

 

Veronica Rocco

Ultima modifica il Lunedì, 31 Agosto 2009 08:17
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Medicina

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori

Un farmaco “carica-batterie” per spegnere i tumori

17 Febbraio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Dipartimento di Medicina molecolare della...

Paleontologia

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

Il riciclo ai tempi del Paleolitico: premiata il 6 febbraio una ricerca di dottorato con il Tübingen Prize

07 Febbraio 2020

Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi condotte presso il Laboratorio...

Geografia e Storia

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

La terra brucia, roccia più calda e meno stabile

18 Novembre 2019

È stato misurato l’attimo esatto in cui scompare il permafrost in una grotta delle...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

Squalo bianco: antico e prezioso abitante del Mar Mediterraneo ora è a rischio di estinzione

31 Gennaio 2020

Per la prima volta uno studio realizzato dalla Sapienza in collaborazione...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery