Ultimi Articoli

Pesticidi in alta quota, a rischio gli insetti dei ghiacciai alpini
15 Marzo 2019

Utilizzati in Pianura Padana e rinvenuti in alta quota alcuni...

Terremoti del centro Italia: dove è il volume fantasma?
15 Marzo 2019

Le immagini satellitari raccolte dal team di ricerca del Dipartimento...

Campi magnetici per le atrofie muscolari: la nuova metodologia rallenta il declino dei muscoli e ne migliora la funzionalità
15 Marzo 2019

Quattro dipartimenti della Sapienza hanno sperimentato per la prima volta...

11 Marzo 2019

DUE RICERCATRICI ISPRA STUDIANO CARBONIO E PLASTICHE IN AMBIENTI ESTREMI...

Scoperta la chiave che apre la “porta del ferro” delle cellule
11 Marzo 2019

Con la rivoluzionaria tecnica della microscopia elettronica criogenica, un gruppo...

L’Antico Egitto al di là dei faraoni: per la prima volta la storia sociale del popolo al centro della ricerca
04 Marzo 2019

Finanziato dal Miur il progetto ‘Pharaonic Rescission’ dell’Università di Pisa...

Nicotina, cavallo di Troia della cannabis
28 Febbraio 2019

Il rischio di dipendenza da altre droghe non è relativo...

Mani bioniche come vere, primato della ricerca italiana. Grillo: "Grande conquista"
22 Febbraio 2019

Il completo recupero delle sensazioni della mano dopo l'amputazione grazie...

Scienzaonline


Pubblicato su Nature, lo studio è tra le 30 migliori ricerche selezionate dalla Optical Society of America. Ci sono oggetti che pur essendo trasparenti non lasciano passare la luce senza modificarne le caratteristiche in modo apparentemente irreversibile. Ad esempio, non siamo in grado di guardare attraverso un vetro smerigliato perché l’immagine ne esce frammentata. L’informazione si è persa nel caos. Un fenomeno analogo può avvenire nelle fibre ottiche. Per aumentare la capacità di trasmissione dati nei sistemi ottici di nuova generazione, numerosi fasci di luce alla stessa lunghezza d’onda vengono trasmessi simultaneamente sulla stessa fibra. Possiamo immaginare questi fasci di fotoni come dei puzzle i cui pezzi, durante la propagazione lungo la fibra, si mescolano tra loro fino a rendere le immagini originarie indistinguibili e
difficilmente ricomponibili. Finora l’unico modo di recuperare l’informazione era convertire il segnale ottico in formato elettronico e ricostruirlo digitalmente, bit a bit, con processori ultraveloci. Fattibile, ma estremamente oneroso dal punto di vista energetico e limitato dalla velocità di elaborazione dell’elettronica. La ricerca condotta dal Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (DEIB) del Politecnico di Milano ha permesso di realizzare
un dispositivo ottico in grado di eseguire questa ricostruzione in modo molto più efficiente, manipolando direttamente i fotoni. Si tratta di un dispositivo di silicio estremamente piccolo (circa 1 mm2), costituito da una maglia di combinatori ottici integrati che permettono di separare i fasci di luce comunque siano miscelati tra loro. Un po’ come sbrogliare una matassa i cui fili sono intrecciati con nodi che cambiano continuamente nel tempo…

Pubblicato in Scienza generale

Medicina

Campi magnetici per le atrofie muscolari: la nuova metodologia rallenta il declino dei muscoli e ne migliora la funzionalità

Campi magnetici per le atrofie muscolari: la nuova metodologia rallenta il declino dei muscoli e ne migliora la funzionalità

15 Marzo 2019

Quattro dipartimenti della Sapienza hanno sperimentato per la prima volta...

Paleontologia

L’Antico Egitto al di là dei faraoni: per la prima volta la storia sociale del popolo al centro della ricerca

L’Antico Egitto al di là dei faraoni: per la prima volta la storia sociale del popolo al centro della ricerca

04 Marzo 2019

Finanziato dal Miur il progetto ‘Pharaonic Rescission’ dell’Università di Pisa Scrivere per la prima...

Geografia e Storia

Terremoti del centro Italia: dove è il volume fantasma?

Terremoti del centro Italia: dove è il volume fantasma?

15 Marzo 2019

Le immagini satellitari raccolte dal team di ricerca del Dipartimento di Scienze della Terra,...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

Pesticidi in alta quota, a rischio gli insetti dei ghiacciai alpini

Pesticidi in alta quota, a rischio gli insetti dei ghiacciai alpini

15 Marzo 2019

Utilizzati in Pianura Padana e rinvenuti in alta quota alcuni pesticidi...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery